1/06/16

Anche il Sole avrà un avviso di garanzia? *

In un mondo in cui chi non ha ricevuto almeno un avviso di garanzia non è nessuno, c’è chi propone di mandarlo anche al nostro Sole. L’accusa? Molto normale di questi tempi: FURTO!

Solo prendendola un po’ a ridere mi sono convinto di riportare questa “news”. La ricerca è sicuramente piuttosto complessa da un punto di vista di meccanica celeste, ma lo scopo è alquanto scontato e banale.

Figuriamoci se qualcuno non pensava di fare un piccolo scoop riguardo a un qualcosa che ancora nemmeno sappiamo se esiste oppure no…

Avrei potuto parlare di termodinamica dei buchi neri con ipotesi del tutto campate in aria e prive di qualsiasi fondamento osservativo (ed è un bene per qualsiasi teoria astrusa). Non l’ho fatto, lasciando ad altri questa chicca che nessuno capisce, ma che fa tanto fine citare… No, mi limito al Sole e al suo ipotetico pianeta 9.

Forse c’è, forse non c’è. Fino a qui, le notizie sono state veramente scientifiche, basandosi su strani comportamenti di certi Kuiper Belt Objects. Più che plausibile ipotizzare uno scenario che vede un perturbatore planetario. In attesa, però, di riuscire a vederlo veramente. E, invece, ecco che si va già a ipotizzare la sua provenienza… aliena.

La notizia “scoop” è di effetto: “Vogliamo visitare un esopianeta? Detto fatto! Basta mandare una sonda sul pianeta 9. Esso non è nato dal Sole, ma da una stella vicina. Altro che viaggi interstellari”.

Se rimaniamo a livello racconto la faccenda può essere anche plausibile e divertente, ma presentarla come una ricerca scientifica è qualcosa di molto prematuro e ancora di più mediatico.

Riassumiamo il concetto. Il Sole nasce in un ammasso aperto stellare. Molto probabilmente è così, ma dopo 4.5 miliardi di anni le sorelle si sono allontanate le une dalle altre (forse una è stata riconosciuta, vedi QUI). Durante le prime fasi, però, le sorelle vivono in uno spazio angusto e le distanze reciproche sono relativamente piccole. Se qualche pianeta viene cacciato dai suoi fratelli troppo invadenti può venirsi a trovare ai confini del campo gravitazionale della sua stella ed essere catturato da quello di una stella di passaggio.

Lo scenario illustrato dalla figura è piuttosto banale. Un pianeta ai bordi del proprio sistema viene catturato da quello solare. Un bel programmone con tanti parametri liberi e il gioco è fatto. Sicuramente interessante didatticamente, ma un po’esagerata come ipotesi. Fonte: Lund University
Lo scenario illustrato dalla figura è piuttosto banale. Un pianeta ai bordi del proprio sistema viene catturato da quello solare. Un bel programmone con tanti parametri liberi e il gioco è fatto. Sicuramente interessante didatticamente, ma un po’esagerata come ipotesi. Fonte: Lund University

Così avrebbe fatto il Sole, “rubando” letteralmente un pianeta a una sorella un po’ sbadata. Un’ipotesi affascinante e dai risvolti sicuramente mediatici: abbiamo un pianeta alieno a portata di mano e senza dover fare viaggi ancora impossibili per noi. Magari è anche abitato da “ominidi” fatti come ghiaccioli…

Parliamoci chiaro: simulare un sistema planetario alla distanza che preferiamo, inserire un pianeta su un  orbita molto eccentrica, farlo passare vicino al Sole al momento giusto e nel modo giusto perché riesca a catturarlo gravitazionalmente è un gioco quasi da ragazzi. Siamo pieni di variabili del tutto libere di essere aggiustate e inserite secondo i nostri scopi. Addirittura possiamo anche costruire a piacere l’oggetto del furto…

Ripeto ancora, come racconto e come esercizio didattico per spiegare le modalità di cattura è senz’altro utile. Ma, farlo passare come scoperta eccitante e rivoluzionaria è tutt’altro.

Va bene, così va il mondo…

Articolo originale QUI

3 commenti

  1. PapalScherzone

    Mumble, mumble... Quasi quasi passo lo scoop a Vin-Census e chissà che non riesca a dare il meglio di sé in un raccontino condito di ironia, fantascienza e qualche nozione seria di meccanica celeste!  :mrgreen: :-P

  2. Mario Fiori

    Carissimo Enzo già è difficile la cattura, come dici tu, poi , se mai fosse , il Pianeta sarebbe già stato piuttosto periferico nel Sistema dove sarebbe nat, poi l'attuale , eventuale, posizione...direi proprio che  gli Ice-Aliens non sono messi bene.

    Lasciamo davvero la parola a Vin-Census che ci illumini tra i fumi del Vin e la saggezza del Census, molto meglio :mrgreen:

Lascia un commento

*

:wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8)

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.