Lug 28

I Racconti di Vin-Census: LA LOTTERIA

Ma quasi tutti i programmi erano dedicati alle lotterie. Si poteva vincere di tutto! Da una semplice razione di cibo semi-solido, ad una scorta di bibite colorate e così via fino ad arrivare alla celeberrima LOTTERIA PLANETARIA, quella che regalava in un solo colpo ben 50 milioni di dollari! Con quella vincita si poteva tranquillamente vivere in una lussuosa unità abitativa delle Bolle, avere una finestra ed anche un balcone e respirare direttamente l’aria salubre che veniva inserita regolarmente all’interno delle gigantesche cupole. Ed avere anche una Macrotelevisione tridimensionale, potere incontrare altri fortunati come lui (perfino delle donne) e addirittura cucinare cibo “vero” comprato nei negozi. Che sogno!! Purtroppo però tutti potevano partecipare a quella lotteria e la probabilità di vincere, durante la breve vita che uno come Bob si poteva aspettare, risultava veramente irrisoria. Era comunque entusiasmante vedere la Macrotelevisione e partecipare a tutte le lotterie su cui riusciva a sintonizzarsi.

Qualche volta Bob aveva anche vinto. Una volta un budino di cioccolata, un’altra volta un vestito nuovo fiammante, due volte delle ottime bibite colorate che poteva conservarsi nel piccolo serbatoio a lato del bocchettone dell’acqua. Due anni prima era anche apparso per trentacinque secondi, tramite il computer, nel programma televisivo OGGI TOCCA A VOI. Ma non solo lotterie, c’erano anche i programmi di combattimenti all’ultimo sangue. Ad esempio, in UNO SU TRE, tre concorrenti scelti a caso si sfidavano con fucili laser dentro una piccola cupola piena di vari ostacoli e l’unico sopravvissuto aveva diritto ad ottenere un’unità abitativa B1, non certo nelle Bolle, ma dotata di una finestra, non apribile, che permetteva di guardare la città esterna invasa dallo smog.

Poi vi era uno dei programmi preferiti da Bob, UNO IN MENO, una vera scossa di adrenalina. Era molto semplice. Chi veniva estratto era direttamente eliminato tramite il condotto dell’aria. In realtà ci si poteva anche salvare se entro cinque secondi dall’estrazione si interveniva direttamente tramite il computer. Bisognava essere rapidi ed essere sempre sintonizzati su quel programma che poteva andare in onda in qualsiasi momento. Come già detto, Bob era un mago della televisione e per lui era una sfida affascinante, anche se ben difficilmente avrebbe mai avuto il piacere di mostrare la sua abilità. Ma il suo programma preferito rimaneva comunque la Grande Lotteria milionaria.

Anche se preparato a tutto, fu un colpo inaspettato quel martedì mattina quando il suo nome venne estratto proprio in quella lotteria: 50 milioni di dollari, la Bolla, l’aria, le donne, il cibo vero!! Non poteva crederci, ma il suo computer che lampeggiava con la scritta “VITTORIA” gli stava confermando che tutto era reale e non un sogno. Si alzò perfino dal letto e bevve subito l’ultima razione di bibita colorata rimastagli.

la-lotteria-big

Era così euforico che smise di guardare la televisione ed il piccolo riquadro in cui veniva estratto il vincitore di UNO IN MENO, non si accorse dello scadere dei fatidici cinque secondi, e nemmeno fece caso a quella tenue nuvoletta di gas azzurrognolo che usciva dal suo condotto dell’aria.

 

Tutti i racconti di Vin-Census sono disponibili, insieme a quelli dell'amico Mauritius, nella rubrica ad essi dedicata

 

 

3 commenti

  1. Gianni Bolzonella

    Nella vita i vincitori veri sono quelli che sanno vincere.Un perdente rimane perdente anche se vince una lotteria.

  2. Daniela

    Ciao Gianni, bentornato!

    :-D

     

  3. Gianni Bolzonella

    Grazie Daniela,comunque anche se non scrivente seguo sempre il blog,"Vi controllo sempre" :mrgreen:  :mrgreen:

Lascia un commento

*

:wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8)

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.