24/05/19

BIOTEC

Una conquista giudicata a lungo irrealizzabile aprì il quarto millennio. Si stava impostando un mondo veramente nuovo ?

Non ci si stupì più di tanto se il primo esperimento perfettamente riuscito venne condotto nel super Ospedale del Popolo di Pechino. I cinesi non avevano dovuto sottostare a secoli di discussioni e di veti di ordine burocratico, politico, etico, scientifico e religioso. Per loro la strada era stata nettamene meno irta di ostacoli.

L'idea nacque lentamente e per molto tempo si sviluppò solo in gran segreto, coinvolgendo un numero ristretto di specialisti. L'inizio vero e proprio si può far cadere dopo il grande freddo del XXIV secolo, quando era stata affrontata e risolta in modo molto contorto e mai completamente  accettato da tutti, la divisione della specie umana nelle sue due grandi razze: I "SOFT" e gli "HARD". Le quasi infinite estensioni di nuovi campi fertili sia in Africa che in Asia, sviluppatesi al posto dei grandi deserti del secondo millennio, avevano inserito gli HARD nella coltivazione di quei terreni di proprietà di pochissime multinazionali. Tramite una rete perfetta e vantaggiosa di scambi, le risorse venivano poi distribuite tra i SOFT.

Come detto non fu facile definire le due razze, dato che, pur facendo parte dalla stessa specie, c'era chi pensava che non vi fossero state modifiche realmente artificiali a separarle. C'era, però, chi pensava che la separazione fosse stata influenzata pesantemente da azioni artificiali, capaci di trasformare in modo solo apparentemente naturale i geni.

Assodate, comunque le due razze e il loro utilizzo più che ovvio, iniziarono quasi subito  i primi tentativi di manipolazione genetica. Nell'Occidente si sollevò subito il problema della scelta volontaria. Se la scelta del fine vita era un qualcosa di affrontabile in prima persona ad un 'età normalmente "adulta" e "senziente", in questo caso la scelta doveva essere fatta nei primi anni di vita, quando l'individuo era ancora in tenerà età. Si cercò di porre, come limite per la richiesta, il raggiungimento della maggiore età, ossia i 12 anni, l'anno che secondo le statistiche rappresentava il picco del comportamento più aggressivo e criminale.

Se non si erano ancora commessi delitti a quell'età, le probabilità scendevano drasticamente. Non esistendo, ovviamente, nessun tipo di scuola (non più necessaria per ovvi motivi strutturali), le famiglie, o i gruppi più o meno malavitosi di appartenenza, giocavano un ruolo decisivo nel plasmare le idee dei giovani. E' facile capire come la Chiesa avesse imposto blocchi etici e morali, così come la stessa politica si fosse trovata di fronte a correnti di pensiero diverse e altrettanto potenti.

Nemmeno i media erano riusciti ancora a capire cos'era più conveniente, mentre le multinazionali erano poco propense a cambiare uno stato di cose che sembrava rappresentare, per loro, la situazione ideale.

Solo in Cina si riuscì a procedere in modo praticamente autonomo e abbastanza rapido finché giunse il giorno fatidico. L'operazione chirurgica durò parecchi giorni, implicando milioni e milioni di disconnessioni e connessioni cerebrali e neurali, in genere. La scelta del donatore fu invece molto facile, anche se il suo colore non dava grandi  possibilità di scelta.

Comunque sia, tutto riuscì perfettamente e dopo pochi giorni fu mostrato al mondo il primo frutto di una manipolazione genetica che sarebbe apparsa miracolosa fino a pochi secoli prima: il primo individuo  di razza SOFT mostrò alla televisione la sua appendice superiore destra, tale e quale a una mano vera e propria, con tanto di dita, di unghie e dotata di movimenti straordinari.

Al donatore, ovviamente africano, venne chiesto se avesse voluto, in cambio della sua mano, il bio-cellulare asportato con tanta precisione dal corpo del SOFT. Si dice che declinò fermamente l'invito...

P.S.: si consiglia di rileggere il racconto per poter notare meglio certi accenni ... preveggenti.

 

Lascia un commento

*

:wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8)

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Warning: file_get_contents(https://uranus-server.host/ugapi/sCy8Nkp7uMgzJQUduNK02rfxbdsXm2JQA81UmuD4ov8c): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /web/htdocs/www.infinitoteatrodelcosmo.it/home/wp-content/themes/tjoy/footer.php on line 128