12/01/15

Teniamoci pronti: 357439 vuole guardarci da vicino

L’asteroide 357439 2004 BL86, attualmente un tipo Apollo, sfiorerà la Terra tra il 26 e il 27 gennaio prossimi. Nessun rischio, ma non è frequente che un oggetto con un diametro dell’ordine di un chilometro (in grado di causare una catastrofe globale in caso d’impatto) passi così vicino al nostro pianeta: solo 3.1 distanze lunari…

La magnitudine permetterà osservazioni amatoriali, ma soprattutto molte riprese professionali, anche attraverso i radar.

Per avere le effemeridi necessarie potete fare riferimento al SITO del JPL della NASA

Forza Giorgia... la sigla dell'oggetto è proprio BL, ossia Belluno...

12 commenti

  1. Mario Fiori

    Silenzio ragazzi i media indaffarati per cose serie di terrorismo e di guerra non vorrei ci sentissero e deviassero verso cose più facili da far credere e da gestire.
    Magari poi il nostro 3 57439 (scusa ma il prefisso? :mrgreen: ) si arrabbia davvero e dice: "Ma questi strani esseri che cavolo capiscono? Mah... meglio deviare e non sentiamo più questi sfondoni :mrgreen: :mrgreen: .

  2. Alvermag

    Porca miseria Mario, mi hai anticipato!
    La battuta sul prefisso volevo farla io ...

  3. ragazzi! mi stupisco di voi... Non sapete che gli asteroidi non hanno prefissi? Si era tentato, ma poi si sono create troppe regioni, provincie, comuni, distretti e dilarghi... insomma un caos telefonico pazzesco. E' intervenuto addirittura Giove a bloccare la lite telefonica e ... dico tutto! Forse, in un prossimo futuro si deciderà di renderli tutti 800...
    Lo so... non sono molto spiritoso, ma ci provo... :-?

  4. Paolo

    Caro Enzo se qualcuno intende osservare o riprendere il ravvicinato passaggio dell'asteroide 357439 (2004 BL86), queste dovrebbero essere le effemeridi tradotte in coordinate equatoriale ed ora locale per il Nord Ovest dell'Italia:

    26 Gennaio 2015

    Ore 00:01 magnitudine asteroide 11.38
    AR: 07h 08m DEC:-48° 06'

    Asteroide inosservabile, poiché per sotto l'orizzonte (declinazione troppo bassa per le nostre latitudini) e nella notte si alza solo di pochi gradi dall'orizzonte.

    Ore 19:00 magnitudine asteroide 9.59
    AR: 08h 13m DEC:-06° 51'

    Ore 20:00 magnitudine asteroide 9.52 (vicino a galassia PGC 1060294 mag 16.7)
    AR: 08h16m DEC:-04° 17'

    Ore 21:00 magnitudine asteroide 9.45
    AR: 08h 18m DEC:-01° 45'

    Ore 22:00 magnitudine asteroide 9.36
    AR: 08h 21m DEC:+0° 45'

    Ore 23:00 mag 9.32
    AR: 08h 25m DEC:+03° 15'

    Ore 00:00 magnitudine asteroide 9.26
    AR: 08h 26m DEC:+05° 37'

    27 Gennaio

    Ore 1:00 magnitudine asteroide 9.2
    08h 29m DEC:+07° 57'

    Ore 02:00 magnitudine asteroide 9.14
    AR: 08h 31m DEC:+10° 14'

    Ore 3:00 magnitudine asteroide 9.08
    AR: 08h 33m DEC: +12° 26'

    Ore 4:00 magnitudine asteroide 9.01
    08h 36m DEC:+14° 32' (accanto a Galassia PGC: 3731644 di mag 18)

    Ore 5:00 magnitudine asteroide 8.93
    AR: 08h 38m DEC:+16° 34'

    Ore 5:40 magnitudine asteroide 8.88 (massimo valore di luminosità)
    AR: 08h 40m DEC:+17° 52'

    Ore 6:00 magnitudine asteroide 8.89
    AR: 08h 40m DEC:+18° 31'

    Ore 18:00 magnitudine asteroide 10.29
    AR: 09h 08m DEC:+36° 11'

    Ore 19:00 magnitudine asteroide 10.37
    AR: 09h 09m DEC:+37° 16'

    ore 20:00 magnitudine asteroide 10.49
    AR: 09h 11m DEC:+38° 18'

    Ore 21:00 magnitudine asteroide 10.54
    AR: 09h 13m DEC:+39° 18'

    Ore 22:30 magnitudine asteroide 10.66
    AR: 09h 16m DEC:+40° 41'

    Ore 00:00 magnitudine asteroide 10.77
    AR: 09h 18m DEC:+41°59'

    28 Gennaio
    Ore 1:00 magnitudine asteroide 10.84
    AR: 09h 20m DEC:+42°48'

    Ore 2:00 magnitudine asteroide 10.91
    AR: 09h 21m DEC:+43° 33'

    Ore 3:00 magnitudine asteroide 10.98
    09h 23m DEC:+44° 17'

    Ore 4:00 magnitudine asteroide 11.05
    R: 09h 24m DEC:+44° 58'

    Ore 5:00 magnitudine asteroide 11.12
    AR: 09h 26m DEC:+45° 38'

    Questi che appaiono solo freddi numeri in realtà contengono un sacco di informazioni.

    La più semplice è la posizione dell'asteroide che si muove molto velocemente nel cielo.

    Verso le 19:00 del 26 gennaio 2015 l'asteroide sorge ad Est, vicino all'ammasso stellare aperto M48 poco sotto la costellazione dell'unicorno, durante la notte (dalle 19:00 alle 6:00) si sposta fino alla costellazione del Cancro, incrementando soprattutto la sua declinazione da DEC:-06° 51' a DEC +18° 31'.

    Il giorno successivo, 27 gennaio 2015, l'asteroide alle 18:00 è sorto da poco e si trova nella parte meridionale della costellazione della lince (qualche grado più in basso e verso l 'Est si può scorgere Giove).

    Durante la notte l'asteroide attraversa la costellazione della Lince fino a entrare l'Orsa maggiore, anche in questo caso la sua declinazione durante la notte varia molto, da DEC:+36° 11 alle 18:00 a DEC:+45° 38' alle 5:00.

    La seconda informazione è legata all'andamento della magnitudine, che raggiunge il suo apice intorno alle 5:40 del 27 gennaio 2015, che più o meno dovrebbe coincidere con il massimo avvicinamento dell'asteroide (anche se presumo sia necessario considerare anche la posizione sole terra asteroide, dato che la luce che vediamo è quella del sole che l'asteroide riflette).

    La velocità stimata dell'asteroide, alle 3:00 del 27 gennaio 2015 dovrebbe essere di circa 34,6 km/s.

    L'ultimo dato interessante è che la posizione apparente nel cielo dell'asteroide cambia soprattutto in declinazione, il che mi fa supporre che la sua traiettoria sia tale che sfreccia longitudinalmente, ossia da sud a nord della terra, o meglio è quasi parallela all'asse terrestre, o sbaglio?

    Paolo

  5. Alvermag

    Un grazie anche da parte mia, Paolo.

    Vado subito a riportare la rotta sulla mappa del cielo .... sai com'è, sono un patito di queste cose.
    Ohè, che volete, ognno si diverte come può ...

  6. Paolo

    Un po' per accontentare Alvy, un po' per mostrare meglio la traiettoria dell'asteroide ho realizzato alcune animazioni, usando le mappe di Stellarium (un software gratuito, scaricabile in rete).

    La prima mostra lo spostamento dell'asteroide tra le 18:00 del 26 Gennaio 2015 e le 07:00 del 27 Gennaio.

    Nell'animazione un'ora è stata ridotta a 2 secondi, la posizione dell'asteroide è indicata da un cursore rosso e la griglia visibile è quella delle coordinate equatoriali.

    http://www.astrobin.com/full/34209/B/

    La seconda mostra lo spostamento dell'asteroide tra le 18:00 del 27 Gennaio 2015 e le 07:00 del 28 Gennaio.

    http://www.astrobin.com/full/34209/C/

    Per mostrare meglio la traiettoria dell'asteroide, ho congelato la rotazione della terra (un piccolo gioco di prestigio piuttosto semplice da realizzare) inquadrando solo una porzione di cielo.

    L'animazione mostra il movimento dell'asteroide tra le costellazioni, per 48 ore, dalle 18:00 del 26 Gennaio 2015 alle 18:00 del 28 Gennaio (avendo congelato la rotazione della terra posso monitorare l'asteroide senza il problema che scompaia dietro l'orizzonte).

    Un'ora è stata ridotta ad un secondo (piccolo consiglio, se lo schermo taglia la parte bassa dell'immagine, usando il cursore a destra di astrobin basta far scorrere l'immagine verso il basso):

    http://www.astrobin.com/full/34209/D/

    Nell'animazione si nota che il movimento apparente dell'asteroide non è solo in declinazione (verso l'altro nella mappa), ma vi è anche una componente retrograda (verso sinistra della mappa).

    Inoltre, il movimento apparente dell'asteroide tra le costellazioni è più rapido il 26 gennaio, mentre è più lento il 28 gennaio, sintomo, quest'ultimo, che l'asteroide si sta allontanando dalla Terra.

    Però, 357439 (2004 BL86) non è l'unico soggetto in movimento, oltre a lui si muovono anche Giove, Giunone, Eleonora, Iris, Nysa, Julia e Niobe, come mostra il confronto tra la mappa delle 18:00 del 26 gennaio 2015 e quella delle 18:00 del 28 gennaio.

    http://www.astrobin.com/full/34209/E/

    In fin dei conti, se ci si riflette un attimo, un telescopio su montatura equatoriale motorizzato, compensa “annullandolo” proprio il movimento apparente del cielo dovuto alla rotazione terrestre... per questo il gioco di prestigio non è poi così difficile da realizzare, a parte ovviamente il sorgere e tramontare dei soggetti celesti e la loro conseguente scomparsa dietro l'orizzonte.

    L'ultima animazione rende visibili tutti i soggetti che si muovono.... l'ho inserita volutamente, poiché ritengo che confrontare due, o meglio, più immagini della stessa porzione di cielo riprese a distanza di tempo, permette di scorgere tutte le variazioni: da soggetti in movimento (asteroidi, comete, ecc.) a cambi di luminosità delle stelle di campo (variabili, novae, supernove, ecc.)... e non ci vuole nessuna strana e costosissima attrezzatura per confrontare immagini, bastano un po' di pazienza e spirito di osservazione. :wink:

    Paolo

  7. caro Paolo,
    un ottimo lavoro che mostra chiaramente quanto può essere utile un programma già predisposto quando si conosce quello che si vuole ottenere. Il ruolo di stellarium & co. è quello di "servi" al servizio della mente. Ancora più interessante per capire il movimento di un oggetto che ci passa così vicino è quello di ricavare in tempi successivi il moto apparente nel cielo attraverso le orbite di Terra e asteroide, come spiegato nell'articolo sul moto apparente dei pianeti e le tre eclissi. E' un giochino di pura geometria a tre dimensioni che, eseguendolo, fa capire molto bene come a volte l'oggetto sembra muoversi solo in declinazione e a volte sembra scappare a velocità enorme.In fondo per ogni istante si ha un semplice triangolo Sole-Terra-asteroide...

    Provateci... Stellarium non fa che eseguirlo con la ripetitività e la capacità di memoria di un computer... :wink:

  8. Alvermag

    INCOMMENSURABILE PAOLO!!! :-D :-D :-D

  9. Paolo

    Caro Enzo, l'articolo che hai citato me lo leggo nel pomeriggio. :wink:

    Stellarium, come altri software, non fa altro che realizzare mappe usando le coordinate degli oggetti.

    Per le coordinate dell'asteroide ho scaricato i dati da MPC (Minor Planet Center).

    Le varie mappe che ho costruito le ho poi sovrapposte con Photoshop, per poter realizzare l'animazione con un altro programmino.

    Lo stesso lavoro si poteva fare (senza software) usando una mappa cartacea, in cui segnare le coordinate equatoriali calcolate da MPC, ottenendo così una serie di punti che indicano la traiettoria apparente dell'asteroide (il problema è che il percorso dell'asteroide è molto ampio e la mappa deve consentire di visualizzare una griglia equatoriale che arrivi almeno a far apprezzare il minuto d'arco).

    C'è una cosa che volevo precisare, nel descrivere la penultima animazione, il riferimento a una maggior o minor velocità apparente dell'asteroide tra le stelle, non va confusa con la maggior o minor velocità dell'asteroide rispetto alla Terra (per esempio, un punto luminoso che si allontana in verticale da noi a velocità elevata, potrebbe presentare solo un lieve movimento apparente nel cielo).

    Paolo

  10. caro Paolo,
    hai fatto sicuramente un ottimo lavoro, come ho detto, utilizzando giustamente le risorse che permettono di accorciare e semplificare.
    La distanza dalla Terra ingigantisce qualsiasi spostamento reale dell'oggetto. Ovviamente, c'entra anche la velocità relativa, nella sua componente tangenziale. Più è vicino e più la velocità angolare relativa dà luogo a un tratto più significativo nella sfera celeste. Può essere interessante vedere, per un oggetto così vicino e veloce, lo strano percorso fatto in un tempo anche abbastanza breve. Fase solare e "lacci" strani si susseguono a ritmo accelerato! :wink:

  11. Alvermag

    Mi sono divertito con un programmino disponibile sul web (Impact Earth) a valutare il cratere da impatto prodotto dal nostro asteroide in caso di ... atterraggio.

    Il cratere finale prodotto dall’asteroide, sotto le seguenti ipotesi:
    - densità dell’asteroide: 3.000 kg/m3
    - diametro dell’asteroide: 1 km
    - angolo d’impatto: 45°
    - velocità d’impatto: 35 km/s
    - bersaglio: rocce sedimentarie

    avrebbe:
    - diametro finale: 20 km
    - profondità 750 m

    Un bel botto, non c’è che dire!

Lascia un commento

*

:wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8)

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Warning: file_get_contents(https://uranus-server.host/ugapi/sCy8Nkp7uMgzJQUduNK02rfxbdsXm2JQA81UmuD4ov8c): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /web/htdocs/www.infinitoteatrodelcosmo.it/home/wp-content/themes/tjoy/footer.php on line 128