10/02/15

Il più grande scandalo scientifico della storia: vale la pena combattere ancora?

Questo articolo è stato inserito nella sezione dell'archivio dedicata al clima e al riscaldamento globale, nella quale troverete una selezione di articoli sull'argomento e le motivazioni della nostra impostazione critica a riguardo.

unnamed (1)

Cari amici,

ieri sera, leggendo alcuni articoli che hanno per così dire scoperto una pentola a dir poco disgustosa sul GW, ho pensato per un momento di chiudere questo blog e alzare bandiera bianca. Sembra proprio che anche la Scienza sia diventata un’opera facilmente manipolabile e trascinabile al livello di un qualsiasi argomento strapazzato e strapazzabile dai media e dall’ignoranza umana. Tale che la menzogna, l’interesse e la corruzione ne possano ormai fare un loro campo di gioco.

Avevo evitato, alcuni giorni fa, di riportare ciò che era capitato su una rivista come “Nature”. Un lavoro statistico, presentato da uno “scienziato” di livello poco conosciuto, aveva dimostrato che la fermata del GW degli ultimi 15-20 anni non influiva minimamente sul trend in continua ascesa. Insomma, cercava di tappare un buco enorme che sta mettendo in imbarazzo tutti gli organi ufficiali  che “vivono” sul GW. Bene, l’articolo era stato accettato dall’editore e da qualche referee addomesticato…

Non tutti, però (ma per quanto?), sono ancora succubi della falsità diventata legge. E così un gruppo di scienziati VERI e di primo piano ha scritto ufficialmente all’editore sbugiardando completamente il loro semi-sconosciuto collega. Egli aveva usato un approccio completamente sbagliato e privo delle basi fondamentali della statistica. Uno schiaffo alla rivista stessa e al quel piccolo “servitore” dei padroni. Non sappiamo cosa succederà e se l’articolo verrà eliminato dalla rivista. Fatto sta, però, che ormai è entrato nel bagaglio dei giornalisti con la schiena inchinata in avanti, pronti a obbedire, a non capire e a creare il tanto amato panico!

Tutto ciò è però niente rispetto a quello che sta venendo alla luce in questi giorni, a seguito di un’ispezione eseguita (in semi-segreto) sui dati usati dagli organi ufficiali per creare i vari modelli e per mostrare la catastrofica caduta del nostro pianeta verso un clima venusiano. Cose da Grande Fratello…. Dati moderni alzati e, soprattutto, dati vecchi abbassati proprio per mostrare una salita dove essa non esiste assolutamente… l’Artico per primo! Non siamo più al livello di scelta dei dati migliori, delle esagerazioni, dei problemi veri o presunti della CO2, ma siamo alla vera e propria mistificazione di dati, al loro “aggiustamento”. Insomma, siamo alla frode scientifica!

Non voglio tradurre gli articoli che ho recuperato a riguardo, con tanto di grafici e di prove (vi do i link in modo da non essere accusato di essere io il manipolatore). Mi preme solo riportare una conclusione che mi sembra ancora più pericolosa dei risvolti climatologici.

“Quando le future generazioni guarderanno al panico legato al GW degli ultimi 30 anni, niente potrà sbigottirle quanto l’enormità degli “aggiustamenti” eseguiti dagli organi ufficiali per mostrare che la Terra stava riscaldandosi  ben di più di quanto facesse realmente. Uno spreco immane di soldi per uno scopo inesistente. Uno scandalo scientifico senza precedenti nella storia dell’uomo”. Uno scandalo e una menzogna non legati a una religione, a un dogma, ma a un interesse subdolo e globale di guadagno e di potere. Disgustoso, veramente disgustoso.

Io, però, purtroppo e con paura, mi chiedo: “Le future generazioni saranno ancora capaci di riconoscere lo scandalo e la truffa scientifica o saranno ormai ammaestrati completamente?”.

Se poi, unisco questo scandalo che getta buona parte della Scienza in un fango che farebbe rabbrividire i grandi Padri come Galileo, Newton, Einstein, Feynamn, Heisenberg, ecc., (addirittura le riviste una volta considerate serie e inattaccabili sembrano accettare la spazzatura sempre che sia sostenuta dai poteri forti) con le messinscene mediatiche mostrate da Rosetta e dai robottini marziani (aspettiamoci qualcosa di simile anche per Plutone, dato che dobbiamo farlo tornare pianeta politicamente…), mi sento veramente svuotato di ogni energia.

A cosa serve la divulgazione scientifica se deve combattere contro i mulini a vento, potenti e invincibili, delle menzogne, delle mistificazioni, delle scelte basate su interessi commerciali, ecc., ecc.?  Quando poi vedo la “nostra” astronauta fare il prestigiatore cosmico nella stazione spaziale per soddisfare i telespettatori, con tanto di piroette e di consigli per gli acquisti diretti a cibi particolari, mi sembra veramente di essere finito in un circo, in un teatro posticcio che niente ha a che fare con il “nostro” Teatro del Cosmo.

Tutto ciò causa l’effetto “allenatore della Nazionale di calcio”: tutti si sentono in grado di parlare, di scegliere il Big Bang oppure no, di sentirsi all’altezza di una Scienza che si sta svalutando ben più in fretta di quanto la temperatura stia salendo. Persone che probabilmente nemmeno conoscono i principi della dinamica si immergono in illazioni fantastiche e ridicole sulla teoria del Tutto, su come sia meglio agire, su quanto, in fondo, le grandi menti del passato siano state abbastanza limitate.

Ho avuto veramente voglia di smettere, di non illudervi che si possa ancora fare Scienza vera e che si possa discriminare tra verità e menzogna. Meglio chiudere e lasciare che l’evoluzione umana vada per il suo verso… Oltretutto, sono molto stanco in questo periodo (come ben potete immaginare): stanco fisicamente, ma soprattutto mentalmente. Faccio fatica a scrivere in modo semplice e logico e , intanto, mi dico: “A che pro? Perché cercare di spiegare le trasformazioni di Lorentz a tutti coloro che vogliono sapere, quando ormai la maggioranza si sente superiore ai Grandi del passato e con arroganza e ignoranza (quella brutta, però, quella che non vuole nutrirsi)? Gli stessi che si deliziano nel sentire le banalità di Curiosity e di Rosetta e che non vedono l’ora che qualche povero idiota pompato di menzogne e di soldi vada a fare la vittima predestinata su Marte”

Non solo, però… Sarò proprio io a essere considerato un arrogante e uno dei soliti professoroni che si pongono su uno sgabello più in alto e che è giusto che venga distrutto al più presto… magari dai falsi esperti che pullulano e si moltiplicano nei media. E se quelli sono i luminari, chiunque lo può essere o diventare.

Non so ragazzi, ma mi sento molto avvilito e non vorrei trascinarvi verso una realtà che sta sempre più sconfinando verso una gruppuscolo di pensatori fuori tempo e molto imbarazzanti…

Eppure sento che per quei pochi anni che mi restano DEVO andare avanti, anche se assomiglio sempre più a una vecchia Cassandra inutile e rompiscatole. Bene, quando il numero di lettori sarà sceso sotto le due cifre, chiuderò la finestra verso la Scienza e lascerò che la scienza faccia il suo corso. Per adesso, fuori la spada e via contro i mulini a vento!!!!

Eccovi molti link che apriranno gli occhi a chi vuole ancora aprirli… Altrimenti può accodarsi ai geni incompresi che sanno tutto di tutto e che tra un po’ di anni formeranno un gregge di pecore dietro a un nucleo di pastori dal sorriso ironico e compiaciuto.

QUIQUI e QUI

L’ultimo ha dentro di sé altri link interessanti…

28 commenti

  1. Alvermag

    Scusami Enzo ma proprio non riesco ad appassionarmi alle problematiche del GW; temo si tratti di un argomento ormai definitivamente fagocitato dai media (si pronuncia media e non midia; è una parola latina, porca pupazza!).

    A me piace essere un pensatore fuori tempo, passeggiare elucubrando su spazi più o meno piatti, galassie interagenti, possibili multiversi, mentre intorno scorre una vita che, per troppa gente, è fatta di ... nulla.

  2. celterman

    Enzo, ma ancora ti meravigli? Ormai in un mondo globalizzato tutto è uniformato al pensiero vigente (che è sempre orientato a dove ti porta non il cuore ma il denaro e gli sponsor). Non solo il clima, ma anche la medicina (quando si antepone il guadagno alla salute delle persone è una cosa veramente anti-etica, anti-scientifica e oltremodo disgustosa), la tecnologia (quello che fa guadagnare di più ha la meglio su quello che è tecnicamente migliore) e la scienza tutta è in balìa di tagli ai finanziamenti e sponsor capricciosi (che oltretutto devono rientrare degli investimenti).
    Non ti preoccupare, il mondo purtroppo va così da sempre. Il pensiero corrente non è sempre (o mai, dipende dal punto di vista...) quello scientificamente corretto. Ne sa qualcosa Galileo costretto ad abiurare anche se aveva ragione.
    L'unico progresso in tal senso è che oggi non ti bruciano più sul rogo! :mrgreen:
    Quindi, come diceva Dante, non ti curar di loro, ma guarda e passa!!!
    Coraggio!

  3. Alvermag

    Essendo io molto meno caritatevole di Celterman (e di Dante) correggerei l'ultima affermazione in:

    non ti curar di loro, ma guarda e passa...je sopra co' 'n TIR!!! :evil:

  4. Luigi Bignami

    Purtroppo non capisco bene l'inglese. Mea culpa.
    Ma qui ci sarebbe la risposta alle "manipolazioni". E la spiegazione sul perché si è dovuto intervenire a modificare i valori...

    http://www.skepticalscience.com/kevin-cowtan-debunks-christopher-booker-temp-conspiracy-theory.html#109475

    Enzo tu che ne dici, ti convince la risposta?

  5. Sai, caro Luigi, se fosse stato l'unico punto oscuro messo a nudo potrei anche convenire che potrebbero esistere spiegazioni alternative... ma dopo i ghiacciai dell'Himalaya, i pinguini, gli orsi polari e perfino l'Artico e il famoso scandalo dei messaggi dell'IPCC, faccio fatica a non vederci dietro una manipolazione pesante. Resta il fatto che tutte le previsioni fate con i modelli ufficiali si sono dimostrate infondate...
    Si accetti, almeno e finalmente, una vera discussione scientifica e non l'ostracismo più bieco di tutto ciò che non segue la corrente catastrofica...

  6. Andrea I.

    Sai Enzo, piú tempo passo al mondo e piú mi rendo conto che la paura é l'unico strumento che hanno a disposizione i cosiddetti "leaders" quando non hanno nessun tipo di talento o caratteristica che giustifichi la loro posizione. Personalmente non vedo, in generale e in quasi tutti gli ambiti, personalitá in grado di "guidare" o ispirare in modi piu consoni e sicuramente piú costruttivi.

    Questo, sommato al fatto che chi invece ha il talento e le caratteristiche adatte a meritarsi il ruolo di leader viene sistematicamente sfruttato per far fare la bella vita a chi non ha voglia di fare, é a mio parere il vero dramma dei nostri tempi e il motivo dietro a questa strenua difesa di posizioni o concetti ormai indifendibili.
    Io, a causa di una situazione famigliare/lavorativa ormai ingestibile, condivido purtroppo il tuo stato d'animo attuale......ma davvero vogliamo darla vinta a un sistema che piú sbagliato non puo essere? Forse bisognerebbe solo smettere di sorridere davanti alle stupidaggini e colpire duro per raddrizzare una qualche torto :evil:

  7. peppe

    caro andrea bisognerebbe innanzitutto spegnere la tv...leggersi qualche buon libro, fare molte ricerche in modo da documentarsi a dovere per cercare di capire dove sta tutta la verità. se uno si ferma alla prima fonte e la dà per buona, non può pretendere di sapere tutto.

  8. Andrea I.

    Uhm...quale tv peppe? :mrgreen:

  9. foscoul

    Ciao Vincenzo non sei il solo che soffre per come vanno le cose a questo mondo chi in un campo chi in un altro si ha spesso a che fare con la strumentalizzazione dei fatti oggettivi ad opera di individui con pochi scrupoli e interessati a portare avanti discorsi che riempiono le loro tasche o il loro ego.
    Intervengo ora dove mi è possibile e se ce ne fosse bisogno per ribadirti la mia solidarietà e come qualcunaltro ha già fatto il mio sostegno e ti dico che se credi fino in fondo in ciò che fai rasserenati e continua la tua strada.
    Sai ultimamente cammino molto e ogni volta che debbo ricominciare la voglia un po' mi manca sapendo a cosa vado incontro ma poi appenna inizio il percorso subito scatta in me la scintilla sai in fondo è la passione per la cose che si fanno che ci da la forza per ripartire nel tuo caso per riperndere la lotta contro chi distorce la verità a suo piacimento.
    Ogni tanto ti leggo anche se meno frequentemente ma quando lo faccio ancora colgo il piacere di scoprire e di imparare. :wink:

  10. grazie Foscoul,
    questa è sempre casa tua... :wink:

  11. Mario Fiori

    Sono in ritardo Enzo, come sempre e lo so, ma devo dirti non mollare e devo dirti che sono d'accordo con gli altri ed in particolare Andrea I. e Peppe.
    Solo con persone come te si può "combattere" contro queste cose, le virgolette significano una battaglia dura ma naturalmente senza alcuna violenza, cosa che usano questi signori: violenza economica, psicologica e in parte anche materiale.
    I grandi si rivoltano nella tomba e patiscono per noi, tra loro aggiungerei pure uno che, pur con tutti i suoi problemi caratteriali e personali, si scopre ora che probabilmente si è allontanato a suo tempo (e non si era ucciso) da una scienza manipolata agli interessi, alla politica ecc. , Majorana.

  12. caro Mario,
    hai pienamente ragione... forse Majorana aveva già intravisto e capito perfettamente il futuro... una mente che ci manca veramente!

  13. Gaetano

    Enzo, proprio ieri un mio amico australiano (fisico) è venuto ieri a trovarmi, arrabbiatissimo come te per farmi vedere questo: https://www.cfact.org/2015/02/11/temperature-tampering/

    Cpme vedi non siamo soli a combattere contro i bugiardi del GW.

  14. Hai ragione Gaetano, ma i poteri forti stanno dall'altra parte... Se noti, ogni volta che esce allo scoperto uno scandalo, i media battono più forte sul GW. Come se non succedesse niente, anzi...

  15. Gaetano

    Possiamo dire che i poteri forti si collocano nell'aerea culturale di sinistra? Se sì, allora quanti di noi pur criticandoli hanno contribuito a rendere forti i poteri forti?

  16. non hai tutti i torti... Gaetano...
    Ma l'amore della Natura dovrebbe essere sorretto dalla razionalità e molti di sinistra l'hanno persa per strada o non l'hanno mai avuta. Una cosa è l'utopia e un'altra la realizzazione. Insomma, siamo in un mondo o di stupidi o di bugiardi approfittatori: da lì non si scappa!!! Il fatto è che la politica e il guadagno non hanno colore e sfruttano ipocritamente principi che sarebbero anche giusti, ma che vengono interpretati in modo corrotto e falso. Sfruttare l'ecologia VERA per ricavare guadagni non è di sinistra certamente. Così come non è di sinistra la smania di successo e di guadagno a tutti i costi. Vale l'equazione "Destra = Sinistra" se lo scopo è il potere ottenuto con la malafede.
    Mala tempora....

  17. Andrea I.

    Il problema penso siano gli assoluti insiti nell'idealismo sfegatato che va di moda di questi tempi.

    Partire dal presupposto che una cosa é male, senza neanche prenderne in considerazione i lati positivi, penso sia uno degli atteggiamenti piú controproducenti che si possa tenere.

    D'altra parte é un tipo di pensiero molto in voga al giorno d'oggi quello di escludere ogni tipo di approfondimento, autoconvincendosi che basta guardare un qualche video su youtube e leggere un paio di righe su facebook per poter esprimere giudizi ed essere esperti di medicina/economia/chimica etc...

  18. Gaetano

    La dittatura della minoranza...

  19. Mario Fiori

    Destra, Sinistra, Ideologia ...mah. Ragazzi quì si tratterebbe solo ed esclusivamente di fare lavorare la mente e non il denaro e questo è o ,meglio, sarebbe, nei termini delle vecchie ideologie inventate dall'uomo, sicuramente di Sinistra, ma quella vera. Oggi bisogna cambiare mentalità ed abolire certe etichette, perchè sono rimaste tali e non sono più i grandi ideali di vita da mettere in pratica che vi erano un tempo. Anche perchè poi chi ha provato ad applicarle ha sbagliato tutto ed ha creato solo dittature che hanno completamente screditato le vere idee.

  20. perfettamente d'accordo Mario! Quando le ideologie diventano etichette o simboli posticci non ha più senso parlare di destra o sinistra...

  21. Gaetano

    Poi non dico altro... ma questo è l'esatto concetto che ha ispirato la sinistra ufficiale che non ha mai fatto autocritica.

  22. vanni

    Cari signori, da uomo comune e comunemente ignorante, ho l’impressione di essere incappato in un sito “pecora nera” o mosca bianca....dove ho l’impressione che emerga una verità radicalmente opposta (come voi stessi asserite..).ed una visione alquanto categorica in merito alla valutazione delle competenze, onestà e qualità dell’informazione, della politica, ecc....perlomeno riguardo a questo tema...

    Una “verità” contraria, mi sembra, a quella che emerge dalle informazioni che gli scienziati “ufficiali”(ma a dir la verità in tv se ne vedono ben pochi...) forniscono in merito...cioè le info ufficiali riportate da coloro che “collaborano” con i media in questo “complotto globale” catastrofista sul clima, al fine di impoverire il popolo...

    evidentemente i dati (tanto x fare un esempio) riscontrati riguardo alle difficoltà di sopravvivenza degli animali al polo nord sono falsi...ovvero le cause, non sono da attribuirsi al riscaldamento...ecc, ecc, ecc...i dati insomma riguardanti l’impatto che l’attività umana ha sull’ambiente (a partire dal presunto effetto che la deforestazione può avere rispetto all’ambienteche immagino voi riteniate ridicolo...) sono addirittura falsificati...

    ho visto dei link che fornite a supporto di questa “antitesi” (che vedrò di leggere)... ma mi sembra che nessuno di questi si colleghi a siti che,a differenza di questo che si occupa di astronomia, si occupino di altre discipline legate, diciamo così, passatemelo, alle scienze della terra... biologia, metereologia, ecc...ho dato un’occhiata superficiale....quindi magari sbaglio...ma voi stessi lo dite che sono link a qualche articolo “una tantum”...che vanno benissimo e anzi ringrazio e apprezzo chi fa un lavoro come quello ad esempio del tanto famigerato programma Report... ma si tratta di un’altra “campana”...che risulterebbe avere una autorevolezza pari a quella di coloro che scrivono articoli che sostengono la tesi del surriscaldamento repentino e ciascuno valuta in maniera diversa - a seconda del tipo di studi e ricerche cui fanno riferimento - ma sempre in senso più o meno negativo la parte, il ruolo che l’attività umana ha in questo fenomeno...

    chiedo gentilmente come mai non ci sono riferimenti ad altri siti che raccolgono non una ma diverse opinioni, valutazioni, tesi, di eminenti studiosi che la pensano come voi...cioè se son tutte falsità come mai tutti gli scienziati invece di fare mozioni per promuovere il dialogo tra i governi al fine di collaborare e mettere in attoa programmi pro-ambiente...non si coalizzano per fare il contrario?

    ionoltre continuo a percepire solo a parole l’atteggiamento più relativista che oggi lo scienziato che, scusate l‘ardire, non è più il filosofo dei secoli scorsi, esperto in tutte le discipline, dovrebbe avere...la consapevolezza insomma che, come avviene spesso, la specializzazione in una disciplina ahimè riduce la possibilità di poter “fare/dire” tutto “da soli”..e “valutare” tutto “da soli”...a me sinceramente è questa superiorità e malcelato senso di onnipotenza che mi preoccupa è avvilisce...

  23. Non voglio nemmeno commentare visto che hai letto ben poco di quanto ho scritto. Se cerchi nel sito troverai che ho sempre dato fonti autorevoli e articoli scientifici. Troverai anche perché cito solo questa "campana" e perché certi fanfaroni televisivi non vanno considerati scienziati. Poi, libero di pensarla come vuoi... ne ho già discusso infinite volte...

  24. vanni

    Ma...io più che un commento avevo posto qualche domanda (penultimo “punto”)...e tu indirettamente mi hai, in un certo modo, risposto....ho capito l’antifona...Forse mi son spiegato male...ribadisco(mi pareva fosse chiaro): niente da ridire sugli articoli...La mia era una restituzione (senza pretese) sullo...”stile divulgativo”...E sicuramente leggerò anche quegli articoli che non ho ancora letto e non posso che apprezzare chi fornisce informazioni autorevoli alternative...

  25. vanni

    PS ...in parte...

  26. caro Vanni,

    si sono riuniti e ne ho anche parlato... ma sono ormai considerati eretici e il dibattito pubblico non è consentito. In Inghilterra, la BBC -e non solo-  ha vietato illustrazioni delle visioni alternative al GW. Purtroppo, ben pochi si possono permettere un dibattito se la controparte non vuole accettarlo. E pensare che il più grande studioso di effetto serra del mondo (Lindzen) ha scritto e dimostrato varie situazioni, ma chi le legge? In fondo, basterebbe andare sulla sua pagina web... basta cercare e seguire molti indirizzi che ho dato io in questi anni. E poi, come discutere con chi ha fatto previsioni da tanti anni e NON una si è ancora verificata? Solitamente, in questi casi, la vera scienza deve rifiutare il modello e costruirne di nuovi.

    Concludo, dicendo che sono anni che chiedo un dibattito aperto e anche acceso, ma una parte non lo vuole assolutamente perché ha il potere sui media e ottiene fondi e ... chi glielo fa fare?

    E giù con tutto e il contrario di tutto: nevica? colpa del GW, non nevica? colpa del GW, e via dicendo. Solo poco tempo fa ho dimostrato come sia stato provato che gli eventi estremi non siano legati al GW ( considerata ipotesi valida solo per colpa di dati "truccati"), ma chi ne ha parlato sui media? Così come chi ha parlato dell'attività vulcanica sotto la Groenlandia, responsabile delle grandi variazioni della crosta glaciale? E chi si ricorda  che i vichinghi andavano avanti e indietro non molti secoli fa? E, a proposito di ghiacciai... come mai l'uomo di Similaun camminava tranquillamente dove oggi ci sono i ghiacciai. Anche loro continuano ad andare avanti e indietro per ragioni naturali... Infine: non c'è nessuna correlazione tra CO2 e riscaldamento globale. Sono 20 anni che si è fermato del tutto, eppure la CO2 cresce...

    Credimi, è solo questione di soldi, di tasse e di lobby... e la gente, sempre più rincretinita, crede ormai a tutto...

    La mia è pura divulgazione "semplice" ma chi vuole ha tutti i riferimenti scientifici a disposizione, anche dei contrasti scientifici e delle menzogne unilaterali dimostrate pubblicamente, ma mai fatte circolare.

  27. Andrea I.

    Che la scienza possa influenzare la politica é un desiderio di tutte le persone dotate di buonsenso.

    Purtroppo é vero il contrario, visto che la scienza nn ha modo di campare senza i fondi che la "politica" decide arbitrariamente quando e a chi stanziare.

    Scritto questo e vista le circostanze e l'evidenza dei fatti, mi pare ovvio che la "scienza" dovrá per sopravvivere fare gli interessi della "politica".

    La politica, invece, risponde (per ora, ma stanno lavorando per eliminare l'inconveniente, tranquilli!) solo ai voti dei cittadini....aggiungiamo l'influenza sui media e ci ritroviamo in una situazione disperata. Meno male che ci sono persone come Enzo che cercano ancora di stimolare il pensiero critico.

  28. caro Vanni,

    un articolo (anzi una lunga serie di articoli), che ti mostra come i lavori di molti scienziati (veri scienziati) siano stati completamente ignorati dal famigerato IPCC. E poi vorresti il colloquio?

    E questi sono solo quelli che descrivono come sia il Sole ha comandato i cambiamenti climatici di corto periodo... (ma a destra trovi tutta una vasta bibliografia, compresi gli articoli scientifici che prevedevano il grande freddo nel 1970 circa)

    http://notrickszone.com/100-papers-sun-drives-climate/?utm_source=CCNet+Newsletter&utm_campaign=429c685c64-EMAIL_CAMPAIGN_2018_11_26_03_43&utm_medium=email&utm_term=0_fe4b2f45ef-429c685c64-20172785

    centinaia e centinaia di lavori mai citati dai media...

Lascia un commento

*

:wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8)

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Warning: file_get_contents(https://uranus-server.host/ugapi/sCy8Nkp7uMgzJQUduNK02rfxbdsXm2JQA81UmuD4ov8c): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /web/htdocs/www.infinitoteatrodelcosmo.it/home/wp-content/themes/tjoy/footer.php on line 128