30/11/15

Raccontiamo i corpi planetari. 1 *

Questo articolo è stato inserito nella sezione d'archivio "Raccontiamo i corpi planetari", compresa in "Sistema Solare"

 

Per non assillarvi troppo con la matematica (che non tutti seguono) e in attesa di qualche news veramente interessante, ho pensato di tornare all’interno della nostra famiglia planetaria. Partiamo dall’idea che non esiste fisicamente una reale differenza tra pianeti, pianeti nani, satelliti e corpi minori e dedichiamoci a dare l’onore della cronaca a quegli oggetti (satelliti soprattutto) che spesso sono “snobbati” sia dai media che dalla stessa Scienza ufficiale. Non esistono solo le prime donne come Encelado, Titano, Io, Europa, Plutone, ma molti altri oggetti che meritano di essere conosciuti un po’ meglio. Oltretutto, le immagini che abbiamo di loro sono spesso veramente fantastiche. Dopo questa breve introduzione inizieremo con il sistema di Saturno, in onore della insostituibile missione Cassini. Una serie di articoli veramente elementari, ma chi ha mai detto che facile non può anche essere bello e interessante?

Prima di partire in quarta con la descrizione delle caratteristiche più importanti dei satelliti del Sistema Solare e di altri oggetti molto più … isolati, ritorniamo un attimo sul concetto che questo circolo porta avanti “fregandosene” bellamente delle classificazioni e delle divisioni di oggetti in serie A, B o C. Senza nemmeno bisogno di entrare nei dettagli squisitamente fisici, ci basta utilizzare un disegno molto esplicativo, legato alle sole dimensioni.

Se inseriamo tutti assieme i corpi planetari, trascurando i quattro giganti che, in fondo, sono tanto fumo (atmosfera) e poco arrosto (nucleo solido), ci accorgiamo una volta di più che non si nota un salto di “qualità”, ma un andamento decrescente continuo, senza cadute improvvise. Oltretutto, le varie classificazioni si mischiano senza alcun ritegno. Guardiamo attentamente la figura che segue…

Relative_satellite_sizes

Notate, in particolare, come Ganimede si avvicini imperiosamente a Marte e come, insieme a Titano, superi di slancio Mercurio. Pianeta, quest’ultimo, che sente il respiro vicinissimo di Callisto e anche di Io. La nostra Luna non si lamenta affatto di accompagnarsi a Tritone, Plutone ed Europa. Scendendo di dimensioni, la diversità del “paese di origine” diventa ancora più manifesta (i corpi planetari non sono razzisti!): Titania, Oberon, Umbriel (Urano) stringono la mano a Rea e Giapeto (Saturno), ma non disdegnano Caronte. Scendendo ancora un po’, torna in ballo Nettuno (Proteo e Nereide) che si accompagna a Saturno (Encelado e Mimas) e a Urano (Miranda). Ma non abbiamo certo dimenticato il trio composto da Dione, Teti e Ariel… La figura non li riporta, ma un vero e proprio esercito di corpi leggermente più piccoli li segue da vicino.

Insomma, ce n’è per tutti i gusti e penso che valga la pena conoscere un po’ meglio questi attori che certamente non hanno niente di secondario rispetto ai due “giganti” che li guardano altezzosi: Terra e Venere. Descrivere le loro caratteristiche fisiche, ma anche quelle dinamiche che spesso legano strettamente tra di loro oggetti anche apparentemente molto distanti (le risonanze) è un dovere morale. Piccolo può anche essere molto bello!

Come già detto, la prossima volta partiremo con i satelliti di Saturno e ne vedremo delle belle.

La serie completa degli articoli sui corpi planetari la trovate QUI

10 commenti

  1. Daniela

    Dall' "alto" dei miei 158 cm, non posso che concordare!! :mrgreen:

    Credo che questi articoli saranno davvero interessanti e accessibili anche ai ragazzi.
    Il caso vuole che la mia piccolina (che frequenta la terza media) debba consegnare una ricerca su Venere (con tanto di modellino già costruito) prima delle vacanze di Natale... ce la fai a parlare di Venere entro la metà del mese?
    Mi rendo conto di essere un po' sfacciata, ma sono certa che nel tuo articolo troverebbe qualche notizia originale non disponibile sui soliti siti.

    Grazie e buon lavoro, Prof.!

  2. Daniela

    Ops :oops:
    L'immagine mi ha portato fuori strada, mi accorgo ora che avevi intenzione di parlare dei satelliti...

  3. cara Dani,
    sono sicuro di avere già parlato di Venere... adesso lo cerco...

  4. Daniela

    Grazie mille!
    Ti prometto che la ricerca di Eleonora non sarà un "copia/incolla" :wink:

  5. ottimo, saranno articoli interessanti... un piacevole diversivo sulla matematica
    grazie mille per la dedizione

  6. Mario Fiori

    Grazie in ritardo Enzo

  7. Michael

    Si prospetta una bella serie di articoli... mi lecco già le labbra. ;)

  8. per Seba...
    scusa, ho cliccato sul tuo nome e mi è apparso un sito con bellissime immagini. Ne sai qualcosa :roll: ? Se sì, perché non ne pubblichi qualcuna anche da noi? :-P Abbiamo uno spazio apposito e Giorgia non si offende di certo di essere in tale compagnia... :wink:

Lascia un commento

*

:wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8)

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Warning: file_get_contents(https://uranus-server.host/ugapi/sCy8Nkp7uMgzJQUduNK02rfxbdsXm2JQA81UmuD4ov8c): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /web/htdocs/www.infinitoteatrodelcosmo.it/home/wp-content/themes/tjoy/footer.php on line 128