Mag 5

Aspettando il transito di Mercurio sul Sole

Tutti pronti per lunedi 9 maggio...?
Mercurio transiterà davanti alla nostra stella, i fenomeno durerà per circa sette ore, durante le quali io spero di riuscire a riprendere il fenomeno in tutto il suo splendore.

Il primo contatto esterno, ovvero l'ingresso, avverrà alle 13.12 quando i due oggetti si troveranno pressochè allo zenit; tre minuti dopo, se si sarà fotunati, si potrà assistere al fenomeno della goccia nera: esso consiste nell'impressione che prova l'occhio nel vedere il dischetto di Mercurio ancora collegato al bordo solare, tramite una piccola propaggine. Mercurio raggiungerà il centro del disco solare dopo circa tre ore e mezza, e il contrasto che creerà con la brillantezza della fotosfera solare sarà sicuramente incredibile.

La parte finale del passaggio si esaurirà quando il Sole starà per scomparire sotto l'orizzonte, i più fortunati saranno gli abitanti delle estreme zone occidentali dell'Italia, che potranno godere della spettacolo fino al suo completo esaurimento.

In questa fase, data la vicinanza del Sole all'orizzonte ci saranno buoni spunti per poter riprendere il fenomeno con qualche elemento di paesaggio, senza l'ausilio del filtro solare.

Dopo il transito di Venere, quello di Mercurio è sicuramente uno dei fenomeni astronomici più rari in assoluto: in media ne avvengono 13/14 ogni secolo, e sempre nei mesi di maggio o novembre. Il perchè della maggiore frequenza dei transiti di Mercurio è presto detto: il pianeta è più vicino al Sole, di conseguenza la sua orbita è più rapida e le probabilità aumentano notevolmente.

Il primo transito fu osservato da Parigi il 7 novembre del 1631 dall'astonomo Pierre Gassendi, seguendo i calcoli effettuati da Keplero, il quale aveva già consigliato di controllare l'eventuale fenomeno già dal giorno 6. Da questa osservazione si potè avere una prima conferma, che le dimensioni del pianeta erano minori di quello che ci si era aspettati fino a quel momento.

Sarebbe bello che qualcuno del gruppo si cimentasse nella ripresa dell'evento, mi raccomando di usare assolutamente un filtro solare, in modo che se per caso il maltempo impedisse di riprendere il fenomeno a qualcuno di noi, il circolo potrebbe in ogni caso godere delle riprese da qualche parte dell'Italia.

Non mi resta che augurare a tutti buona fortuna e buona osservazione.

Solo quattro anni fa è stato il turno di Venere, avevo già scritto di questo passaggio un po' di tempo fa.

http://www.infinitoteatrodelcosmo.it/2015/03/04/il-transito-di-venere/

Il transito di Venere del 6 giugno 2012
Il transito di Venere del 6 giugno 2012

Giorgia Hofer

1 commento

  1. Daniela

    Io purtroppo non avrò la possibilità di farlo, attendo con fiducia le foto di chi ci riuscirà!  :-D

Lascia un commento

*

:wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8)

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.