28/12/16

I Racconti di Vin-Census: LA FINALE DI COPPA

Caro Vin-Census, spero che non ti arrabbierai se questa volta mi sono presa la libertà di modificare un tuo racconto, ma non ho potuto resistere alla tentazione di sostituire il Milan con la squadra della mia città! E poi, probabilmente, è questa l'unica finale di Coppa a cui la Fiorentina può aspirare di partecipare :roll:  

 

La finale di Coppa dei Campioni si doveva svolgere tra la Fiorentina ed il Barcellona, nello stadio neutrale di Parigi. Era l’avvenimento sportivo dell’anno e forse del secolo, in quanto entrambe le squadre erano reduci da una stagione esaltante ed avevano vinto con grande distacco i rispettivi campionati. Le “stelle” ultra pagate delle due pretendenti erano in grandissima forma ed avrebbero sicuramente assicurato uno spettacolo eccezionale. I posti a disposizione erano già tutti esauriti da tempo ed i bagarini stavano chiedendo cifre da capogiro. Le tifoserie delle due squadre sarebbero accorse numerosissime e le forze dell’ordine avevano già preparato piani molto articolati per cercare di prevenire sul nascere episodi di violenza sia fuori che dentro lo stadio.

Si era stabilito di giocare il sabato sera per dare a tutti la possibilità di seguire la partita almeno in televisione senza interferire con la giornata lavorativa del giorno dopo, anche in caso di supplementari che avrebbero fatto fare a molti le ore piccole. E poco importava se proprio quella notte ci sarebbe stato il cambiamento dell’ora legale. L’indomani era Domenica e la notte sarebbe stata lunghissima almeno per i vincitori.

Arrivò finalmente la sera della sfida. Lo stadio era gremito all’inverosimile, ma fortunatamente nessun incidente aveva per il momento rovinato la grande festa sportiva. Le tribune vedevano diversi capi di Stato e personaggi politici di primo piano. L’arbitro irlandese, con molta tensione addosso per l’importanza mediatica e sportiva dell’avvenimento, diede il fischio d’inizio in perfetto orario. Un boato di passione e di liberazione si alzò dal pubblico. Ora si faceva finalmente sul serio. Si capì subito che gli spettatori parigini avrebbero tifato per il team spagnolo. Data la ben nota rivalità tra la Spagna e l’Italia, e non solo in campo sportivo, questa situazione era stata abbondantemente prevista e la Fiorentina si era preparata accuratamente anche da un punto di vista psicologico per non risentire troppo del fattore campo. In ogni modo i suoi supporter facevano un tifo strepitoso e sembravano essere ben più numerosi di quanto fossero in realtà.

Le prime fasi furono di studio. Sembrava che le due squadre avessero paura una dell’altra e temessero di spingersi troppo avanti per non essere inesorabilmente trafitte dal contropiede avversario. Poi Batitusta tirò fuori dal cappello uno dei suoi capolavori. Con una finta assassina si liberò del terzino che lo tallonava come un mastino e fece partire un tiro tagliatissimo che sembrò cambiare traiettoria all’ultimo istante infilandosi nel “sette” alla destra dell’incolpevole portiere del Barcellona. Si era al dodicesimo minuto e la Fiorentina era già in vantaggio, si doveva sfruttare al massimo questa situazione favolosa creatasi quasi di sorpresa. I gigliati si scatenarono in avanti ed il Barcellona subì questo forcing, rinchiudendosi in difesa e cercando di fronteggiare alla meglio gli assalti avversari. La difesa “ballava“ e le occasioni della squadra italiana si susseguivano accompagnate da un tifo sempre più bollente. Gli spagnoli tacevano digrignando i denti. Finì il primo tempo con il risultato invariato.

Il secondo tempo iniziò mostrando un comportamento in campo non molto dissimile da quello precedente, con la squadra spagnola che non riusciva a trovare una vera reazione. Dopo meno di cinque minuti però Kluivert riuscì ad imitare la fantasia di Batigol e si scatenò in una discesa entusiasmante. Superati ben tre avversari con una facilità quasi irrisoria, entrò da solo in area avversaria. Il pareggio sembrava cosa fatta, ma Rui Costa lo falciò letteralmente da dietro. Rigore sacrosanto ed espulsione del difensore viola. Furono ora i tifosi italiani a cadere in un silenzio assoluto, mentre gli avversari stavano preparandosi all’urlo liberatorio. Lo stesso Kluivert pose il pallone sul dischetto e si accinse a tirare il “penalty” sacrosanto. Scelse il tiro di potenza, ma il pallone schizzò verso l’alto e finì nella curva che ospitava i tifosi viola. Il silenzio si trasformò in un boato terrificante e la sfera, che sembrava diventata ormai un portafortuna, non venne trafugata dai tifosi come normalmente capita, ma fu rispedita velocemente in campo al pari di un dodicesimo giocatore italiano. Caso certamente strano, ma la superstizione aveva vinto sulla passione: i fiorentini avevano deciso che era meglio continuare a giocare con un pallone che sembrava stregato e nettamente favorevole alla propria squadra.

La partita riprese ed il nervosismo sia in campo che sugli spalti salì pericolosamente di tono. La rabbia del Barcellona si concretizzò in un paio di azioni corali molto pericolose, bloccate sapientemente dal portiere Toldo, ma i falli anche pesanti aumentarono di numero e l’arbitro fu costretto ad intervenire duramente estraendo più volte il cartellino giallo. Il Barcellona sembrava finalmente trasformato ed era la Viola adesso a “ballare” in difesa. Guardiola, Rivaldo e lo stesso Kluivert iniziarono a dare lezione di calcio e la squadra italiana riuscì con fatica a fronteggiare lo strapotere che aveva preso ormai un’altra direzione. Ma la fortuna rimaneva dalla loro parte. Guardiola sparò un tiro terrificante da pochi metri che, superato il portiere, si stampò violentemente contro la traversa e tornò in campo. Abelardo, arrivato di corsa dalle retrovie, fece partire un destro micidiale che si spense contro il palo sinistro ed uscì dal campo. Le risate di scherno dei tifosi viola si unirono alle imprecazioni dei supporter avversari. Il nervosismo era più che palpabile e lo stesso Abelardo, irritato e deluso, prese il pallone e lo scagliò violentemente contro il muro che delimitava il campo di gioco. Reazione gravissima e l’arbitro non ebbe alcun dubbio nel mandarlo negli spogliatoi. Doveva tenere a freno la partita a tutti i costi.

Il gioco riprese, ma ormai le azioni erano più di forza che non di razionalità. Lo stesso Rui Costa, regista raffinato, non riusciva a dare ordine alla squadra. Il pallone continuava a danzare a centrocampo, dove gli interventi fallosi si susseguivano a ritmo crescente. Si era arrivati al quarantesimo del secondo tempo e la Fiorentina ebbe l’occasione della vita. Il giovane Enrico Chiesa, talento ancora da scoprire completamente, si esibì in una rovesciata da manuale che sembrava la copia perfetta della ben più celebre azione di Pelè nel film “fuga per la vittoria”. Ma questa volta la fortuna voltò le spalle alla squadra gigliata ed il fortissimo tiro venne violentemente fermato dalla traversa spagnola. Il colpo da KO non c’era stato. Dopo solo due minuti, il Barcellona si presentò in massa davanti all’area fiorentina. Il tiro di Alfonso colpì nuovamente il palo destro, ma tornato in campo finì proprio sui piedi di Kluivert, che questa volta non ebbe difficoltà a scaraventarlo quasi con rabbia nella rete avversaria. Pareggio e tempi supplementari. Che partita emozionante!!

L’arbitro portò il pallone al centro e diede qualche minuto di riposo ai giocatori che si accasciarono a terra per riprendere le forze. In quel momento di estrema tensione ed attesa, l’altoparlante diede un annuncio che lasciò tutti increduli e sconvolti. La partita doveva essere immediatamente sospesa. La NASA aveva appena riferito che un astronave aliena sarebbe atterrata tra poco proprio nello stadio parigino. Non era certo il caso di scherzare con le tifoserie ai limiti dell’esplosione e lo stesso capo di Stato francese prese la parola. “Si, cari amici terrestri, questo stesso stadio dove si sta giocando la partita del secolo, vedrà tra poco un evento di ben più ampia portata per la nostra civiltà”, e continuò: ”l’ospite alieno ha scelto questo luogo e quest’ora per mostrarsi e per farci visita. Così ha comunicato via radio alla NASA poche ore fa. Debbo dire che la sua scelta è stata perfetta, in quanto miliardi di persone sono attaccate allo schermo televisivo in ogni parte della Terra. Non ci resta che attendere l’evento più importante della storia dell’umanità”. Gli occhi di tutti si sollevarono verso il cielo aspettando in perfetto silenzio la nave aliena. Ma non si vedeva ancora niente. Fu il guardalinee sotto alla tribuna ad urlare per primo e tutti volsero verso il basso lo sguardo. Il pallone si stava aprendo e ne uscì un piccolo ominide verde, chiaramente frastornato dai colpi ricevuti, che espresse il suo primo saluto con il dito medio alzato verso la folla ed i calciatori.

alieno2

Accidenti, aveva anticipato di un’ora il suo arrivo per colpa di quella maledettissima ora legale!!

 

Tutti i racconti di Vin-Census sono disponibili, insieme a quelli di Mauritius, nella rubrica ad essi dedicata

4 commenti

  1. Mario Fiori

    Daniela non ci sono parole e Vin-Census ti perdonerà di sicuro, più per la parte Vin che ci fa sognare (con i fumi de Vin appunto) una Viola così che per il resto. Io invece ti dico: "Grande" proprio per quell'alieno sbatacchiato che giustamente alza il dito medio verso quell'incapibile assembramento di gente che , come diceva mio babbo, guarda 11 sciocchini che corrono in mutande dietro ad una zucca a quadretti.

    Aldilà delle battutacce penso che Enzo sia contento e comunque sia, cari tutti non me ne volete, Forza Viola! :mrgreen:  :mrgreen:

  2. Daniela

    Anche se non seguo il calcio, caro Mario, mi unisco al tuo Forza Viola, e spero che il nostro webmaster SuperMagoAlex, di altra parrocchia calcistica, non decida di cambiare la mia password dopo aver letto questo racconto e i nostri commenti :-?

    :lol:

  3. Mario Fiori

    In realtà cara Daniela non seguo nemmeno io il calcio, se no per vie traverse con qualche collega che ne parla (anche troppo a volte) e sentendo qua e là qualche notizia; magari da ragazzino lo seguivo un po' di più. Ovviamente se devo dire qualcosa parlo della squadra della mia Città (la nostra Città). Comunque sia reputo il calcio ,sopratutto come è strutturato nei tempi odierni, una droga per distrarsi dai veri problemi e anche per far distrarre la gente talvolta per ciò che combinano i soliti noti. Solo ed esclusivasmente un giro di affari molto spesso , diciamo, non chiari;  insomma una tragedia per ciò che dovrebbe essere veramente lo sport ed il divertimento.

    Comunque sempre grande l'alieno :mrgreen:  :mrgreen:

  4. Daniela

    L'avevano capito anche gli antichi romani che, per evitare sommosse, bastava dare al popolo panem et circenses... l'unica differenza è che loro era organizzati ancora meglio in quanto i cittadini del tempo erano più esigenti di noi nei confronti dei loro "politici" :-|

    Meglio lasciar perdere queste amare considerazioni e pensare ad altro... e in questo il nostro circolar-blog ci aiuta non poco!

    Buon anno, Mario!

    :-D

Lascia un commento

*

:wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8)

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Warning: file_get_contents(https://uranus-server.host/ugapi/sCy8Nkp7uMgzJQUduNK02rfxbdsXm2JQA81UmuD4ov8c): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /web/htdocs/www.infinitoteatrodelcosmo.it/home/wp-content/themes/tjoy/footer.php on line 128