20/12/13

Paparazzi galattici. 2: la caccia è aperta a tutti!

Molti voi conoscono il Galaxy Zoo, un progetto globale che mette a disposizione del pubblico una quantità di dati eccezionale che chiunque può analizzare. Alla fine si potrebbe  anche avere  il piacere di scoprire oggetti ancora sconosciuti. Vi sono stati molti successi di astronomi dilettanti che hanno dato il via a ricerche di grande livello scientifico. Hanno partecipato oltre 80 000 appassionati che hanno scandagliato più di 300 000 galassie. Ne avevo già parlato su astronomia.com.

Oggi il Galaxy Zoo si amplia e dona la possibilità di scoprire un buco nero galattico. Il nome della nuova battuta di caccia è Radio Galaxy Zoo. Bastano pochi minuti per imparare le operazioni da fare e pochi secondi per analizzare una galassia. La novità entusiasmante qual è? Di ogni oggetto si hanno a disposizione l’immagine radio e quella infrarossa. Confrontandole, si può scoprire se al loro centro c’è una sorgente che emette in entrambe le lunghezze d’onda e che  rivela la presenza di getti di materia. Quando capita, si è quasi certi di avere individuato un buco nero galattico. Non vi sono soldi in palio, ma una soddisfazione unica per un vero appassionato nel cielo. Il tempo di bere una birra o un’aranciata ed ecco che potreste avere davanti agli occhi un buco nero che strizza l’occhio solo a voi.

State ancora pensando? Forza, cliccate sul sito e iniziate un’avventura fantastica. Avrete a disposizione immagini riprese con telescopi di primissimo ordine, al caldo e tutte per voi. Altro che la solita, sfocata e monotona immagine scadente di una galassia che sembra solo un batuffolo indistinto…

Basta andare QUI e potrete mettervi subito alla prova senza nessuna iscrizione.

Radio Galaxy Zoo
Una galassia con due getti ben evidenziati. Questo è quello che potreste scoprire...
Fonte: Radio Galaxy Zoo

9 commenti

  1. etruscatro

    avevo ricevuto la mail qualche giorno fa per partecipare al progetto, ma ancora non ho avuto il tempo di accedervi.
    comunque il team di zoouniverse ha davvero tanti progetti rivolti agli astrofili particolarmente interessati e che, magari, vogliono rimanere al calduccio di casa senza privarsi di fare qualcosa per la scienza! 

  2. beppe

    Dai che ho trovato cosa fare adesso che vado in pensione...  :lol:

  3. Mario Fiori

    Stupendo proviamo.

  4. marcelberg

    Scusa Enzo ma questa cosa mi affascina molto, sto provando, ma ho paura di falsare i dati, voglio essere sicuro di non fare stupidate, (la demo non mi sembra molto esauriente)...prima seleziono l'area occupata dalla sorgente radio, e poi, confrontando le due immagini devo cliccare sulla corrispondente sorgente IR, se esiste? e se è tenue o decentrata rispetto al contorno della sorgente radio? che faccio?
     

  5. caro marcelberg,
    devo dirti che ho visto solo la pagina e la demo... oggi vado a vedere e poi ti dico! 

  6. caro marcelberg,
    da quanto ho capito non devi preoccuparti di sbagliare più di tanto. Il mio consiglio è comunque quello di cliccare su IR solo se la sorgente è centrata rispetto ai lobi o è all'interno della macchia radio. Oppure se vi è un solo lobo che parte da una sorgente IR. Se è tenue e ben centrata clicca pure. Meglio affidarsi alle sicure e non sparare a zero... Io non mi sono registrato e ho solo visto quelle che mi dà come prova. Tuttavia nell'incertezza puoi soprassedere e tentare con un'altra. 

    Al limite mi iscrivo anch'io... e poi ti dico 

  7. marcelberg

    Grazie Enzo! ci riprovo...voglio diventare un vero "hunter"!!! 8)

  8. mi sono iscritto, ma le cose non cambiano più di tanto... ti dà sempre nuove immagini a mano  a mano che vai avanti.
    Speriamo che supermagoalex legga l'articolo: lui è proprio un MAGO dei PC e ci darà le dritte!!!!  :mrgreen:

  9. marcelberg

    Grazie ancora Enzo! sei mitico!!
     

Lascia un commento

*

:wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8)

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.