19/03/16

E gli ingegneri non sanno più che fare *

Siamo costantemente assillati e tartassati dagli effetti del riscaldamento globale sui fenomeni estremi (siccità, nubifragi, bombe d’acqua, cicloni o uragani in zone che mai li avevano visti, ecc., ecc.). Nessuno sembra mettere in dubbio che le due cose siano perfettamente legate. A tal punto che se nevica o se c’è troppo caldo la colpa è sempre del GW. Ricordate il film “Non ci resta che piangere"? Il maestro Benigni diceva che avrebbe comunque bocciato un certo alunno, qualunque fosse stato il suo profitto e la sua condotta. L’avrebbe bocciato per definizione…

Il problema nasce quando si vanno ad analizzare i fenomeni estremi subiti dalla Terra nell’ultimo secolo (quello in cui l’uomo ha manipolato a suo piacere il clima, attraverso la sua diabolica alleata CO2). Le parole catastrofiche dei media contano poco e ci si deve riferire ai dati osservati.

E qui casca l’asino… dato che risulta chiarissimo che che la prima metà del secolo ventesimo è stata notevolmente più ricca di fenomeni estremi che non la seconda . Le ricerche scientifiche a riguardo sono numerose,  addirittura dovute anche a membri dell’IPCC (forse sono già stati frustati pubblicamente e con derisione)…

No, c’è qualcosa che non va… il GW è ormai al di fuori di qualsiasi controllo (così ci continuano a dire) e la frequenza e la violenza dei fenomeni estremi dovrebbero ovviamente peggiorare sempre più. E, invece, capita il contrario! Non sarebbe male se qualcuno, finalmente, ci spiegasse questo paradosso, ben più strano di quello dei gemelli di origine einsteniana…

La faccenda prende poi una veste molto più tecnica e pratica, quando si viene a sapere che molti ingegneri in giro per il mondo stanno lavorando per cercare di modificare le future infrastrutture in modo da renderle più adatte agli effetti del cambiamento climatico. Purtroppo. si trovano di fronte a un’assurda contrapposizione tra i dati reali, che possono essere verificati e quantificati, e le previsioni teoriche, mai confermate, che portano a situazioni del tutto opposte.

Cosa devono fare? Il futuro sarà meno “rischioso” come dicono i dati o ancora più “catastrofico" come dicono le previsioni teoriche (che cambiano di anno in anno…)?

Un ingegnere dell’Università di Cambridge ha pubblicato un articolo estremamente interessante che espone perfettamente la situazione…

Una piccola aggiunta personale riguardo alle notizie “scientifiche” che vengono date dall’unico telegiornale scientifico della RAI TV (Leonardo). Una volta riuscivo perfino a collaborarci e lo reputavo una piccola oasi in un mare sempre più tempestoso. Oggi, le cose sono molto cambiate…

Quasi ridicoli sono i servizi che si susseguono sul 2015 caldissimo e sui primi mesi del 2016. Un giorno si dice che è il segno inequivocabile del GW che ha ripreso vigore e che ormai non guarda più in faccia nessuno. Il giorno dopo si parla solo de el Nino e di come abbia portato allagamenti e siccità in un 2015 reso, da lui, straordinariamente caldo.

Il giorno dopo si ritorna al GW, in un’altalena di notizie del tutto slegate, senza che nessuno senta il minimo bisogno di spiegar alla gente comune che legame potrebbe mai esserci (e in realtà non c’è) tra due situazioni climatologiche (una sicuramente reale, El Nino, e una sempre più ipotetica, GW). Si cambia totalmente versione, fregandosene di chi ascolta...

E’ come se oggi scrivessi che la Luna ha abbandonato la Terra e domani, al suo ovvio apparire, parlassi tranquillamente dei suoi crateri e delle sue eclissi senza far riferimento alla notizia bomba del giorno prima.

Se non sbaglio, la prossima settimana dovrebbe toccare a el Nino… devo farmi uno schema da mandare ai responsabili…

2 commenti

  1. Mario Fiori

    Ora basta però caro Enzo, non si può sottostare a questo massacro della Scienza, della Cultura in genere. Quì impera il negativo. Qui si vuole a tutti i costi che ci allineiamo al disastro di questa società che deve pensare solamente agli interessi economici di pochi e quindi si invente tutto e il contrario di tutto in un turbinio di verità e falsità che si compenetrano per confondere.  Carop enzo scusa lo sfogo ma non ce la facevo a non dirlo.

  2. Mario Fiori

    E naturalmente scusa per gli errori ma mi sono annodato arrabbiandomi.

Lascia un commento

*

:wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8)

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Warning: file_get_contents(https://uranus-server.host/ugapi/sCy8Nkp7uMgzJQUduNK02rfxbdsXm2JQA81UmuD4ov8c): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /web/htdocs/www.infinitoteatrodelcosmo.it/home/wp-content/themes/tjoy/footer.php on line 128