lacomics.org
postyourgirls.webcam
12/05/16

I racconti di Vin-Census: L'EMOZIONE NON HA VOCE

In quell'incredibile intreccio di fili invisibili che continuamente si legano e si sciolgono e finiscono per influenzare il destino di ognuno di noi, può capitare che uno di essi sconvolga la vita di una famiglia e un altro restituisca loro la gioia di vivere... e nel mistero di come ciò avvenga, la mente si arrende e il cuore si scioglie... Vin-Census questa volta mette da parte la sua proverbiale ironia e ci offre il meglio della sua fantasia e sensibilità!

 

Tom era un bel ragazzone di 14 anni. Spalle larghe, gambe robuste, due mani che sembravano quelle di suo padre, capelli neri e ricci. Ma gli occhi erano sempre persi nel vuoto. I medici erano stati chiari fin dall’inizio con i signori Norton: il loro unico figlio aveva un grave ritardo mentale. Non vi erano speranze, al limite si poteva renderlo autosufficiente e capace di semplici ed infantili ragionamenti. Niente di più.

Il colpo fu durissimo, ma la famiglia reagì nel modo migliore. Cercò sempre di trattarlo come un bambino normale, lo mandò nella migliore scuola, specializzata in casi del genere, malgrado dovesse fare i salti mortali per pagare la salatissima retta mensile. A tavola lo lasciavano fare. Se spesso si sporcava o gli cadeva il cibo per terra, facevano finta di niente, anzi talvolta il signor Norton fingeva anch’egli di sporcarsi maldestramente e, con le sue smorfie, riusciva anche a fare brevemente sorridere il suo Tom.

Era un bambino di una dolcezza infinita e riusciva a giocare con niente: un bastoncino lo teneva occupato per ore e ore; un tappo ed un bicchiere d’acqua lo appassionavano e gli facevano perfino brillare quegli occhi così normalmente spenti. Ma i veri problemi nascevano con i contatti esterni. Quando la mamma lo accompagnava ai giardini per prendere un po’ d’aria fresca, gli altri bambini già abbastanza grandicelli lo evitavano, oppure, ancor peggio, lo prendevano in giro, costringendolo a volte a fare azioni ridicole e umilianti. Anche se sembrava che niente lo potesse urtare, Tom nel suo intimo ed in maniera forse inconscia doveva sicuramente soffrire. Lui non lo faceva trasparire e guardava gli altri con lo stesso sguardo spento ed ebete di sempre. Ma la mamma era convinta che lo ferissero duramente e ne soffriva moltissimo.

Andava un po’ meglio con i bambini decisamente più piccoli di lui, che lo accettavano facilmente non sapendo ancora decifrare compiutamente il suo ritardo mentale. Purtroppo, in quei casi, erano le madri che intervenivano per allontanare i propri figli da quello che consideravano un pericolo latente. Un ragazzo così grande e robusto, completamente idiota, poteva passare alle maniere forti e far del male ai loro piccoli indifesi. Le uscite ai giardini divennero perciò sempre più rare e Tom passava ormai la maggior parte del suo tempo a casa. Gli avevano anche comprato un cagnolino tutto pelo che non lo mollava un attimo. Il ragazzo gli si era affezionato profondamente e lo trattava con tutti i riguardi. In realtà il povero Tom non era capace di far male ad una mosca e sapeva benissimo dosare la sua notevole forza. Ma era un “diverso” ed il suo destino segnato senza alcuna speranza.

Qualche volta lo mandavano a scuola da solo, seguendolo a distanza, e lui ne era contento e spaventato al tempo stesso. Ma serviva sicuramente, dicevano i medici, ed i Norton avevano accettato quell’angoscia supplementare con rassegnazione. Che tristezza quando lo vedevano fermarsi a guardare i ragazzi giocare. Una volta era stato attratto da una partita di basket giocata nel campetto a fianco della chiesa. I giovani giocatori si erano accorti della sua presenza e con la cattiveria tipica di quell’età lo avevano invitato a tirare il pallone a canestro. Tom aveva già faticato a tenerlo in mano e poi lo aveva lanciato ad una velocità impressionante verso il muro di fronte, ben lontano dalla meta. Quante risate. Anche lui aveva cercato di ridere, ma non ci riusciva molto bene ed aveva proseguito a capo chino verso la scuola.

I mesi passavano in quel monotono e triste piccolo universo di rassegnazione.

Fu il signor Norton ad accorgersene per primo o, quantomeno a sollevare il dubbio parlandone con la moglie: “non ti pare che stia mangiando con maggiore scioltezza? E’ tanto che non si sporca più e sembra che riesca perfino ad avvolgere gli spaghetti con la forchetta”. La moglie minimizzò la situazione: “no, caro, non me ne sono accorta …”. In cuor suo sapeva però che era vero, solo che aveva paura di esprimere anche a se stessa quella flebile speranza. Poi un pomeriggio, tornando dal lavoro il papà lo vide davanti al suo computer. Era difficile che toccando a casaccio i tasti si potesse fare un grande danno, ma il rischio esisteva. Dicevano che, a furia di provare, anche una scimmia era in grado di dipingere casualmente qualcosa di sensato. Poteva quindi anche succedere che suo figlio gli cancellasse i file che contenevano il suo lavoro di anni. Cercò di allontanarlo con una scusa, ma intanto si accorse che sullo schermo vi era un gioco di abilità manuale e che il punteggio acquisito era abbastanza alto. Un caso, un puro caso, si disse. Ma il suo cuore batteva all’impazzata.

Non ne parlò più con la moglie, pur sapendo che entrambi facevano finta di niente, ma stavano vivendo un’ansia terrificante. Poi un giorno lo videro leggere un giornale a fumetti. Si, a scuola era capace di leggere frasi corte e semplicissime. Ma adesso stava leggendo con molta concentrazione e, soprattutto, stava ridendo. E subito gli guardarono gli occhi (era tanto che cercavano di evitarli per paura di perdere quel sottile filo di speranza). No, non c’erano dubbi. Erano cambiati, erano svegli e brillanti.

Poi tutto capitò in fretta. Tom iniziò a parlare con parole sempre più forbite. Cominciò a raccontare quello che succedeva a scuola e dei progressi che faceva. Proprio due giorni dopo la preside dell’Istituto chiamò i Signori Norton per un colloquio urgente. Fecero andare avanti Tom da solo e lo seguirono a distanza. Si fermò di nuovo a guardare i soliti ragazzi che giocavano a pallacanestro. Come sempre, iniziarono a prenderlo in giro e gli offrirono il pallone. Il ragazzo “ritardato” lo raccolse con mano ferma e fece un canestro perfetto da grande distanza. Ci fu un momento di silenzio, con le risate già iniziate che si spensero improvvisamente. Poi qualcuno disse: “prova di nuovo, campione!”. E lui rifece canestro e poi ancora, ed ancora. Uno addirittura a spalle voltate. Sorrise e proseguì verso scuola fischiettando, cosa che non sapeva assolutamente fare.

La preside era eccitata ed un po’ sconvolta. I progressi di Tom erano stati inaspettati ed incredibili. Non solo faceva tutti i suoi compiti, ma aiutava anche gli altri. Avevano fatto anche dei test specifici ed il suo quoziente intellettivo era diventato come quello di un normale ragazzo della sua età. Inspiegabile, ma magnifico!

In breve Tom superò di molto il livello medio e non ebbe problemi ad andare in una scuola normale ed a stupire gli insegnanti. Amava soprattutto il calcolo differenziale, ma anche la letteratura latina e la storia della filosofia antica. Ormai studiava e leggeva. E scriveva anche con una scioltezza invidiabile. Fu portato in ospedale dai migliori specialisti: dissero molte frasi complicate, paroloni incomprensibili, ma si capiva perfettamente che brancolavano nel buio. I signori Norton non se ne curarono più di tanto. Quello che importava è che il loro Tom fosse guarito. E sarebbe potuto andare anche all’Università, trovarsi un lavoro, una moglie, vivere una vita felice. Il resto erano solo parole. Anche se non praticanti, si trovarono a ringraziare il Signore.

cervello 1

 

In piena notte arrivò la chiamata che Zynklon aspettava da tempo. Aveva pensato continuamente a cosa avrebbe dovuto rispondere. Fu perciò molto chiaro e risoluto nella sua breve e telegrafica relazione: “Intervenuti gravi ed inaspettati problemi irrisolvibili. Missione perlustrativa per eventuale futura invasione fallita. Impossibilitato a rientrare. Consideratemi disperso per sempre. Gloria ad Altair IV”. La risposta fu un accorato messaggio di cordoglio e di incitamento. Lo rassicurarono che sarebbe stato considerato un eroe per l’eternità. Zynklon tirò un sospiro di sollievo, tutto sembrava essere andato perfettamente. Non ci sarebbero stati più contatti. Con grande delicatezza entrò nell’orecchio di Tom e riprese il suo ormai abituale posto sopra il cervelletto. Che emozione: il ragazzo aveva scoperto l’intelligenza, e lui la bontà.

 

Potete trovare tutti i racconti di Vin-Census nella rubrica ad essi dedicata

11 commenti

  1. Gianni Bolzonella

    È bello questo racconto,ci rende leggeri.Ci sono anche gli altri,quelli che ci fanno sentire a disagio,probabilmente a cause di etiche sulla carta belle ma mal calibrate e spesso rifiutate intimamente,sfruttate da gente cattiva che le usa per carriere o peggio per motivi abbietti e lucrare sui nostri sensi di colpa, per cose che molti non conoscono non avendole vissute."Gigante pensaci tu",era un motivetto reklam di molti anni fa,lo cantiamo spesso noi umani in particolari momenti,con altre parole,probabilmente perché abbiamo avuto dei genitori;è la speranza che si insinua in noi, spero non quella dolciastra un po' ebete,no quella positiva che ci rende consapevoli che ogni giorno la partita si gioca nuova e con nuove regole.Detto questo ci sono persone buone che aiutano in prima persona il prossimo,di solito con discrezione,dei veri alieni.Complimenti Daniela! :-D

  2. Daniela

    Grazie a te, Gianni, per questo commento, non hai idea di quanto sia calzante!
    E i complimenti me li prendo al 10% (in fondo l'ho scelto io fra decine e decine di racconti), mentre il 90 lo lascio a Vin-Census :-D

  3. Paolo

    Bello... per mille motivi... il giudizio, il pregiudizio, lo scambio che accresce, la vacuità di tenersi tutto per sé...

    A propositi Gianni io del motivetto usavo l'opposto, ossia l'altro tormentone: “E che c'ho scritto Joe condor?” :mrgreen:

    Paolo

  4. Daniela

    Giusto, Paolo, anch'io ricordo bene (e ogni tanto lo uso ancora, per rispondere a delle richieste "stravaganti") la seconda parte del motivetto! :mrgreen:  :mrgreen:

  5. Comunque sia, l'introduzione (delicatissima e profonda) l'ha aggiunta Daniela...  :lol:  e non è poco...

  6. Daniela

    Me lo dovrò pur guadagnare il 10%... se no l'1% sarebbe stato più che sufficiente!!! :wink:  :-P

  7. Gianni Bolzonella

    Cosa mi fai venire in mente Paolo,mi ero completamente dimenticato di questo tormentone,noi in Veneto usavamo già: "Ma che c'è scritto,Sali &Tabacchi?"Oppure uno ancora più antico,vero tormentone terrificante:"Copa la vecchia col Flit,Vecchia Romagna Buton"Per i non veneti Copa=ammazza- il Flit era il DDT per le zanzare che avevano portato gli Americani nel dopoguerra che noi,oggi diversamente giovani,abbiamo respirato inconsciamente per anni senza porsi nessun problema  :cry:

  8. Paolo

    Gianni anche se non sono Veneto... alcuni mie amici della zona di Rovigo usano come intercalare per definire situazioni poco gradevoli “loamaro”... che tradotto in italiano è “letamaio”... un'associazione di idee che evidentemente nasce da una cultura contadina...

    Ti confesso che ho sempre trovato interessante la radice da cui nascono molti proverbi...

    Chiedo scusa per l'OT.

    Paolo

  9. Daniela

    Dalle mie parti, Gianni, si diceva " 'mazza la vecchia col flit, e se non basta, col gas!"  :lol:

  10. Gianni Bolzonella

    Allora Daniela,l'Italia si faceva anche con queste innocue e,viste con i tempi attuali, "romantiche"frasi.

    Pensa Paolo,proprio l'altro giorno tornando da Ferrara mi sono fermato a Rovigo,ma noi a Padova abbiamo un lessico quantistico,diciamo leamaro o luamaro,sai noi abbiamo l'università... :-D

  11. Paolo

    Noto che è stato applicato il principio di indeterminazione delle vocali... :lol:

    Paolo

Lascia un commento

*

:wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8)

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

shemale777.com vrpornx.net kinkydom.net