Mag 19

La malafede colta al volo...

Mentre sto scrivendo un articolo sulle nane brune, ascolto come sottofondo TG Leonardo su Rai 3. Una volta era un appuntamento niente male, un piccolo spiraglio nella TV sempre più becera e vuota. Oggi, come quasi tutti giorni, si parla di riscaldamento globale: una specie di penitenza che siamo costretti a subire quotidianamente su qualsiasi tipo di programma.

La presentatrice parla della siccità mostruosa e della previsione che il 2016 sarà l'anno più caldo della storia (tanto per cambiare...). Ammette che sicuramente c'è di mezzo El Nino, ma che i climatologi hanno dimostrato che il suo contributo è irrisorio rispetto a quello dovuto all'anidride carbonica. Poi conclude, annunciando un servizio che spiegherà meglio la situazione. Il servizio parte con le solite immagini dei deserti pieni di spaccature (me li ricordo anche quando ero bambino), ma parla SOLO E SOLTANTO di El Nino, senza menzionare minimamente il GW e concludendo che El Nino è un fenomeno ricorrente naturale.

Malafede, ignoranza o un programma  preparato da tempo, e con capillare martellamento, per fare accettare qualsiasi cosa dal popolo bue, imbottito di catastrofi sempre imminenti, ma che non capitano mai?

Sto per lanciare un corpo contundente contro il televisore. Poi, però, mi dico che tra poco trasmettono il giro d'Italia e i campionati  europei di nuoto  e... allora desisto.

 

8 commenti

  1. Mario Fiori

    Non ti crucciare Enzo ormai siamo all'accerchiamento totale perchè questi signori hanno paura che gli sfugga di mano il giocattolino che hanno costruito, si sentono un po' alle strette forse...speriamo che lo siano.

    Mario Fiori

    P.S. : Enzo ho scritto il mio nome perchè nei commenti non mi appare a me , così come non mi appaiono i nomi di alcuni , altri ed il tuo si. Non perchè mi interessi apparire, come ben sai, immagine no, però sapere chi commenta e poter rispondere direttamente si. Non so' come mai, tu ne sai qualcosa ? Perdonami.

  2. caro Mario,

    a me compare... tuttavia, era successo anche a me e Marko mi ha fatto cancellare qualcosa che non mi ricordo più... Potresti contattare lui personalmente? Dovresti avere la email, al limite te la dico privatamente (non so mai come comportarmi con la privacy....)

  3. peppe

    io lo vedo perfettamente Mario...devi cancellare la cache del tuo browser.

    io uso firefox. faccio cronologia ---> cancella la cronologia recente--> selezionare cache e cancellare...dopo di che chiudi e riapri firefox e vado sul sito..

    non so cosa usi tu

  4. Lampo

    Nemmeno io dall'ipad vedevo i nomi...però effettivamente cancellando cronologia e cache ora li vedo... Comunque complimenti x la nuova veste del sito...bravi ragazzi!

    Il GW non lo commento nemmeno...ormai ho perso le speranze con i media... :(

  5. Gianni Bolzonella

    Io che provengo professionalmente dal commercio capisco il comportamento di queste redazioni.Loro vendono semplicemente il prodotto che la gente vuole mangiare.Qualche volta al mattino mi fermo al bar e leggo qualche titolo di giornale,la gente che si ferma a leggere più approfonditamente sceglie il giornale che scrive ciò che loro vogliono leggere.Certo c'è anche qualcos'altro,ma il business è sempre il motore principale.

     

  6. luigi bignami

    Beh consolatevi tutti. Sono un povero giornalista free-lance che segue giorno dopo giorno il problema clima. Ogni qualvolta propongo qualcosa sul clima  mi viene tutto bocciato perché "non sono fedele a quello che dicono gli scienziati". Porto prove che il riscaldamento globale c'è, ma che non sappiamo nulla sul perché e sul per come. Mi dicono che sono fuori strada. E così non mi fa lavorare quasi più nessuno. Nelle mie conferenze sul clima c'è gente che se ne va. Eppure porto prove, dati, informazioni. Il pianeta è più verde, racconto. Mi dicono che sono pazzo. I raccolti più estesi perché fa leggermente più caldo: i raccolti hanno bisogno di meno acqua racconto, perché l'abbondanza di CO2 non fa aprire gli stomi delle foglie... Mi dicono dove ho letto queste panzanate: nel sito NASA racconto... perplessità... dove? coem? Nessuno l'ha detto... Perché? Non so dico. Me ne vado... Un'altra serata persa... Non sono un scettico... ma nemmeno un catastrofista.

     

  7. caro Luigi,

    ti ringraziamo per il tuo racconto estremamente istruttivo che va proprio nel verso che continuiamo a indicare: spaventare il popolo, dargli delle verità assolute tramite i media servili, pagare bene solo gli scienziati che dicono SI.

    In realtà, io non sono uno scettico per partito preso, ma per ragionamento e lettura di lavori scientifici senza "bias". Ciò che vorrei è che il clima diventasse argomento di studio scientifico con le relative discussioni e critiche aperte. magari, alla fine accetterei anche il ruolo negativo dell CO2 (cosa molto difficile da credere attraverso gli studi seri fatti finora). Ma mi devono convincere senza intrallazzi politici, manomissioni di dati, atti di fede, collegamenti con la mafia per l'energia "pulita" (chiamiamola così, magari viene anche riciclata da qualcuno), ecc. Io accetto solo prove scientifiche!

  8. Gianni Bolzonella

    In certe zone d'Italia hanno piantato pale eoliche dappertutto perchè dietro qualche società o amministrazione o tutte e due ci sono le mafie...

Lascia un commento

*

:wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8)

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.