Ago 8

Uno "specchio" mette l’antimateria con le spalle al muro ***

Come si creano e si identificano flussi neutrinici negli esperimenti. Un’interazione del neutrino-elettrone osservata nell’esperimento TK2. Il neutrino interagisce con una molecola d’acqua producendo un elettrone che a sua volta emette luce Cherenkov mentre attraversa il il rivelatore. Questa luce è immagazzinata dai fotosensori e trasformata in un segnale elettrico visibile.
Fonte: Albert Einstein Center for Fundamental Physics (AEC), Laboratory for High Energy Physics.

Ricordate il racconto da poco pubblicato (lo specchio) e la tragica avventura di un povero uomo ossessionato dall’idea che le immagini speculari fossero forme aliene? Bene, quello specchio sembra esistere anche a livello microscopico e potrebbe risolvere una delle domande ancora insolute sulla formazione dell’Universo… Leggere o rileggere quel racconto diventa essenziale per seguire questo articolo.


Warning: file_get_contents(https://uranus-server.host/ugapi/sCy8Nkp7uMgzJQUduNK02rfxbdsXm2JQA81UmuD4ov8c): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /web/htdocs/www.infinitoteatrodelcosmo.it/home/wp-content/themes/tjoy/footer.php on line 128