26/05/18

Chi predica bene razzola male...? *

Questo articolo è stato inserito nella sezione dell'archivio dedicata al clima e al riscaldamento globale, nella quale troverete una selezione di articoli sull'argomento e le motivazioni della nostra impostazione critica a riguardo.

 

Poche parole da aggiungere all'articolo che  riporto. Proprio i più "puri" sembrano sfruttare ciò che osteggiano per investire i propri soldi. Evviva il WWF e le altre associazioni o istituzioni che amano la Terra più di se stessi!!!

Leggetevi questo articolo e pensateci sopra. Sarà una bufala? Non so... certo è che certe istituzioni strappalacrime prendono tanti fondi per salvare il mondo dai carburanti fossili, ma poi...

Come sempre, ognuno mantenga le proprie idee, ma è importante è conoscere entrambe le "campane".

 

Questa la traduzione dell'articolo:

Negli ultimi anni, il disinvestimento è diventato un obiettivo sempre più comune per i manifestanti ambientali, che hanno cercato di convincere le città, le università e altri gruppi a smettere di investire nella produzione di combustibili fossili. Ciò che sorprende di più è che le organizzazioni non profit che sostengono a gran voce queste cause investono anche in energia convenzionale, anche se incoraggiano gli altri a disinvestire. Secondo documenti trapelati, i gruppi ambientalisti, tra cui il World Wildlife Fund (WWF), il Museo Americano di Storia Naturale, e alcuni fondi di sinistra hanno investito in società di private equity specializzate in petrolio e gas, anche se i loro messaggi pubblici mettevano in dubbio il ruolo del consumo di combustibili fossili nei cambiamenti climatici.

Secondo i documenti rivelati nei Paradise Papers, la bellezza di 13 milioni di documenti che dettagliavano gli investimenti offshore, organizzazioni non profit tra cui l'American Museum of Natural History, il World Wildlife Fund e l'Università di Washington hanno investito in un fondo noto per i suoi investimenti in petrolio, gas naturale e miniere.

I documenti mostrano che il WWF ha investito $ 2 milioni con Denham Capital, una società internazionale di private equity specializzata in investimenti nel settore del petrolio e del gas. Il WWF ha stipulato un accordo con l'azienda nel 2008 e non ha scadenza fino al 2020. Uscire dall'accordo presto sarebbe difficile, dicono gli osservatori finanziari.

Il WWF non è stato l'unico gruppo ambientale a investire con Denham. L'American Museum of Natural History di New York ha impegnato $ 5 milioni per il fondo anche dopo aver esposto una serie di mostre che evidenziano il legame tra i combustibili fossili e il riscaldamento globale.

Il museo ha detto ai giornalisti che sta lavorando sia per ridurre i suoi investimenti in combustibili fossili sia per prendere in considerazione opportunità per gli investimenti nelle energie rinnovabili. Il WWF sostiene che compensa i proventi dei suoi investimenti in combustibili fossili attraverso altri strumenti finanziari e che in futuro non investirà in combustibili fossili.

Anche l'Università di Washington a Seattle ha investito nel fondo. La David and Lucile Packard Foundation e la William Penn Fo undation, entrambi gruppi che hanno assegnato sovvenzioni a progetti ambientali, non hanno investito specificamente in Denham, ma hanno ancora investito in combustibili fossili.

Poiché gli investimenti erano fatti tramite una società di private equity, la loro esistenza era nascosta prima dell'uscita dei Paradise Papers. I moduli fiscali registrati dalle organizzazioni non profit non richiedono un elenco dettagliato di questi tipi di investimenti. Senza la perdita, la maggior parte degli investimenti probabilmente non sarebbe stata scoperta.

I documenti sono l’ennesima dimostrazione della difficoltà di recidere tutti i legami con i combustibili fossili quando rappresentano un portafoglio di investimenti. Nonostante le diffuse pressioni per il disinvestimento da parte di gruppi verdi, grandi istituzioni come città e università hanno trovato quasi impossibile tagliare tutti i legami.

La scorsa settimana, più di un anno dopo che il suo consiglio comunale ha votato all'unanimità per interrompere le operazioni bancarie con Wells Fargo, Seattle ha rinnovato il contratto con la banca. Firmando il nuovo contratto triennale con Wells Fargo, la città ha effettivamente ammesso la sconfitta dopo aver faticato a trovare un'altra istituzione in grado di gestire le proprie esigenze finanziarie.

Solo una manciata di banche erano abbastanza grandi da gestire milioni di dollari di conti della città. Anche dopo che la città ha diviso i suoi contratti di servizi finanziari per cercare di consentire ad altre istituzioni finanziarie di fare un'offerta, ha trovato pochi acquirenti. Solo Wells Fargo fece un'offerta sul contratto , che alcuni presero come segno che altre banche di dimensioni simili pensavano che non ne valesse la pena.

Sia la notizia del rinnovato contratto di Wells Fargo che i dettagli dei Paradise Papers mostrano che, nonostante il clamore, energia e combustibili fossili rimangono un'industria altamente redditizia e una parte importante di molti portafogli di investimento.

"Queste industrie, come tutta l'America, dipendono da un'energia abbondante, affidabile e conveniente. Le rivelazioni chiariscono che legano il loro futuro alla crescita dell'industria energetica americana. È un peccato che non lo ammettano pubblicamente ", afferma Daniel Turner, direttore esecutivo di Power the Future, un gruppo che racconta le storie dell'impatto dei lavori energetici sull'economia americana, che vede gli investimenti come un segno che il l'industria è forte

"Dicono 'metti i tuoi soldi dove è la tua bocca' ", ha continuato. "I loro soldi stanno investendo nel settore energetico americano".

 

4 commenti

  1. Mario Fiori

    Caro Enzo come vedi i potenti del Mondo sono ancora loro i grandi dei combustibili fossili e anche gli (pseudo)ambientalisti sanno ciò e non si ritirano in barba ai discorsi che fanno. Molta ipocrisia ragazzi e niente assunzione di responsabilità.

  2. Hai ragione Mario, invece di razza umana dovremmo chiamarla razza ipocrita!

  3. Federico

    Buonasera, potrebbe gentilmente riportare la fonte di questo articolo.

    La ringrazio.

  4. caro Federico,

    basta cliccare su "articolo" nel terzo paragrafo ...

Lascia un commento

*

:wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8)

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Warning: file_get_contents(https://uranus-server.host/ugapi/sCy8Nkp7uMgzJQUduNK02rfxbdsXm2JQA81UmuD4ov8c): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /web/htdocs/www.infinitoteatrodelcosmo.it/home/wp-content/themes/tjoy/footer.php on line 128