lacomics.org
postyourgirls.webcam
15/10/15

E' il momento della CO2. Era ora... e poi ognuno usi la propria testa...

E' proprio il momento della riabilitazione della CO2. E' bello tornare a vederla come l'essenza stessa della vita e non come perfido nemico come ormai si insegna anche nelle scuole. Patrick Moore ha tenuto una bellissima conferenza che riporto pari pari in inglese (per non dar adito a sospetti di miei possibili "taroccamenti"...). Moore non solo è uno scienziato, ma è anche stato presidente di Greenpeace. Se ne è poi allontanato per ragioni non difficili da comprendere ed è stato, ovviamente, accusato dall'Istituzione (che ormai gira in lungo e in largo con motoscafi, motonavi e attrezzature da migliaia e migliaia di dollari... come mai? Chi li paga?) di essere al servizio dell'Industria. Beh... ognuno deciderà secondo la propria testa (sperando che sia così). Nel frattempo, ha tenuto varie conferenze tra cui questa che dà alla CO2 il suo giusto ruolo nella storia della Terra e dell'umanità. Una voce utile per poter giudicare senza dover accettare passivamente e una conferma di quanto riportato pochi giorni fa. Se avete problemi, fatemelo sapere e mi impegnerò a tradurla. Buona lettura.

 

Should we celebrate CO2?

by Patrick Moore

My Lords and Ladies, Ladies and Gentlemen.

Thank you for the opportunity to set out my views on climate change. As I have stated publicly on many occasions, there is no definitive scientific proof, through real-world observation, that carbon dioxide is responsible for any of the slight warming of the global climate that has occurred during the past 300 years, since the peak of the Little Ice Age. If there were such a proof through testing and replication it would have been written down for all to see.

The contention that human emissions are now the dominant influence on climate is simply a hypothesis, rather than a universally accepted scientific theory. It is therefore correct, indeed verging on compulsory in the scientific tradition, to be skeptical of those who express certainty that “the science is settled” and “the debate is over”.

But there is certainty beyond any doubt that CO2 is the building block for all life on Earth and that without its presence in the global atmosphere at a sufficient concentration this would be a dead planet. Yet today our children and our publics are taught that CO2 is a toxic pollutant that will destroy life and bring civilization to its knees. Tonight I hope to turn this dangerous human-caused propaganda on its head. Tonight I will demonstrate that human emissions of CO2 have already saved life on our planet from a very untimely end. That in the absence of our emitting some of the carbon back into the atmosphere from whence it came in the first place, most or perhaps all life on Earth would begin to die less than two million years from today.

But first a bit of background.

I was born and raised in the tiny floating village of Winter Harbour on the northwest tip of Vancouver Island, in the rainforest by the Pacific. There was no road to my village so for eight years myself and a few other children were taken by boat each day to a one-room schoolhouse in the nearby fishing village. I didn’t realize how lucky I was playing on the tide flats by the salmon-spawning streams in the rainforest, until I was sent off to boarding school in Vancouver where I excelled in science. I did my undergraduate studies at the University of British Columbia, gravitating to the life sciences – biology, biochemistry, genetics, and forestry – the environment and the industry my family has been in for more than 100 years. Then, before the word was known to the general public, I discovered the science of ecology, the science of how all living things are inter-related, and how we are related to them. At the height of the Cold War, the Vietnam War, the threat of all-out nuclear war and the newly emerging consciousness of the environment I was transformed into a radical environmental activist. While doing my PhD in ecology in 1971 I joined a group of activists who had begun to meet in the basement of the Unitarian Church, to plan a protest voyage against US hydrogen bomb testing in Alaska.

We proved that a somewhat rag-tag looking group of activists could sail an old fishing boat across the north Pacific ocean and help change the course of history. We created a focal point for the media to report on public opposition to the tests.

When that H-bomb exploded in November 1971, it was the last hydrogen bomb the United States ever detonated. Even though there were four more tests planned in the series, President Nixon canceled them due to the public opposition we had helped to create. That was the birth of Greenpeace.

Flushed with victory, on our way home from Alaska we were made brothers of the Namgis Nation in their Big House at Alert Bay near my northern Vancouver Island home. For Greenpeace this began the tradition of the Warriors of the Rainbow, after a Cree Indian legend that predicted the coming together of all races and creeds to save the Earth from destruction. We named our ship the Rainbow Warrior and I spent the next fifteen years in the top committee of Greenpeace, on the front lines of the environmental movement as we evolved from that church basement into the world’s largest environmental activist organization.

Next we took on French atmospheric nuclear testing in the South Pacific. They proved a bit more difficult than the US nuclear tests. It took years to eventually drive these tests underground at Mururoa Atoll in French Polynesia. In 1985, under direct orders from President Mitterrand, French commandos bombed and sank the Rainbow Warrior in Auckland Harbour, killing our photographer. Those protests continued until long after I left Greenpeace. It wasn’t until the mid-1990s that nuclear testing finally ended in the South Pacific, and it most other parts of the world as well.

Going back to 1975, Greenpeace set out to save the whales from extinction at the hands of huge factory whaling fleets.  We confronted the Soviet factory whaling fleet in the North Pacific, putting ourselves in front of their harpoons in our little rubber boats to protect the fleeing whales. This was broadcast on television news around the world, bringing the Save the Whales movement into everyone’s living rooms for the first time. After four years of voyages, in 1979 factory whaling was finally banned in the North Pacific, and by 1981 in all the world’s oceans.

In 1978 I sat on a baby seal off the East Coast of Canada to protect it from the hunter’s club. I was arrested and hauled off to jail, the seal was clubbed and skinned, but a photo of me being arrested while sitting on the baby seal appeared in more than 3000 newspapers around the world the next morning. We won the hearts and minds of millions of people who saw the baby seal slaughter as outdated, cruel, and unnecessary.

Why then did I leave Greenpeace after 15 years in the leadership? When Greenpeace began we had a strong humanitarian orientation, to save civilization from destruction by all-out nuclear war. Over the years the “peace” in Greenpeace was gradually lost and my organization, along with much of the environmental movement, drifted into a belief that humans are the enemies of the earth. I believe in a humanitarian environmentalism because we are part of nature, not separate from it. The first principle of ecology is that we are all part of the same ecosystem, as Barbara Ward put it, “One human family on spaceship Earth”, and to preach otherwise teaches that the world would be better off without us. As we shall see later in the presentation there is very good reason to see humans as essential to the survival of life on this planet.

In the mid 1980s I found myself the only director of Greenpeace International with a formal education in science. My fellow directors proposed a campaign to “ban chlorine worldwide”, naming it “The Devil’s Element”. I pointed out that chlorine is one of the elements in the Periodic Table, one of the building blocks of the Universe and the 11th most common element in the Earth’s crust. I argued the fact that chlorine is the most important element for public health and medicine. Adding chlorine to drinking water was the biggest advance in the history of public health and the majority of our synthetic medicines are based on chlorine chemistry. This fell on deaf ears, and for me this was the final straw. I had to leave.

When I left Greenpeace I vowed to develop an environmental policy that was based on science and logic rather than sensationalism, misinformation, anti-humanism and fear. In a classic example, a recent protest led by Greenpeace in the Philippines used the skull and crossbones to associate Golden Rice with death, when in fact Golden Rice has the potential to help save 2 million children from death due to vitamin A deficiency every year.

The Keeling curve of CO2 concentration in the Earth’s atmosphere since 1959 is the supposed smoking gun of catastrophic climate change. We presume CO2 was at 280 ppm at the beginning of the Industrial Revolution, before human activity could have caused a significant impact. I accept that most of the rise from 280 to 400 ppm is caused by human CO2 emissions with the possibility that some of it is due to outgassing from warming of the oceans.

NASA tells us that “Carbon Dioxide Controls Earth’s Temperature” in child-like denial of the many other factors involved in climate change. This is reminiscent of NASA’s contention that there might be life on Mars. Decades after it was demonstrated that there was no life on Mars, NASA continues to use it as a hook to raise public funding for more expeditions to the Red Planet. The promulgation of fear of Climate Change now serves the same purpose. As Bob Dylan prophetically pointed out, “Money doesn’t talk, it swears”, even in one of the most admired science organizations in the world.

On the political front the leaders of the G7 plan to “end extreme poverty and hunger” by phasing out 85% of the world’s energy supply including 98% of the energy used to transport people and goods, including food. The Emperors of the world appear clothed in the photo taken at the close of the meeting but it was obviously Photo-shopped. They should be required to stand naked for making such a foolish statement.

The world’s top climate body, the Intergovernmental Panel on Climate change, is hopelessly conflicted by its makeup and it mandate. The Panel is composed solely of the World Meteorological Organization, weather forecasters, and the United Nations Environment Program, environmentalists. Both these organizations are focused primarily on short-term timescales, days to maybe a century or two. But the most significant conflict is with the Panel’s mandate from the United Nations. They are required only to focus on “a change of climate which is attributed directly or indirectly to human activity that alters the composition of the atmosphere, and which is in addition to natural climate variability.”
So if the IPCC found that climate change was not being affected by human alteration of the atmosphere or that it is not “dangerous” there would be no need for them to exist. They are virtually mandated to find on the side of apocalypse.

Scientific certainty, political pandering, a hopelessly conflicted IPCC, and now the Pope, spiritual leader of the Catholic Church, in a bold move to reinforce the concept of original sin, says the Earth looks like “an immense pile of filth” and we must go back to pre-industrial bliss, or is that squalor?

And then there is the actual immense pile of filth fed to us more than three times daily by the green-media nexus, a seething cauldron of imminent doom, like we are already condemned to Damnation in Hell and there is little chance of Redemption. I fear for the end of the Enlightenment. I fear an intellectual Gulag with Greenpeace as my prison guards.

Let’s begin with our knowledge of the long-term history of the Earth’s temperature and of CO2 in the Earth’s atmosphere. Our best inference from various proxies back indicate that CO2 was higher for the first 4 billion years of Earth’s history than it has been since the Cambrian Period until today. I will focus on the past 540 million years since modern life forms evolved. It is glaringly obvious that temperature and CO2 are in an inverse correlation at least as often as they are in any semblance of correlation. Two clear examples of reverse correlation occurred 150 million years and 50 million years ago. At the end of the Jurassic temperature fell dramatically while CO2 spiked. During the Eocene Thermal Maximum, temperature was likely higher than any time in the past 550 million years while CO2 had been on a downward track for 100 million years. This evidence alone sufficient to warrant deep speculation of any claimed lock-step causal relationship between CO2 and temperature.

The Devonian Period beginning 400 million years ago marked the culmination of the invasion of life onto the land. Plants evolved to produce lignin, which in combination with cellulose, created wood which in turn for the first time allowed plants to grow tall, in competition with each other for sunlight. As vast forests spread across the land living biomass increased by orders of magnitude, pulling down carbon as CO2 from the atmosphere to make wood. Lignin is very difficult to break down and no decomposer species possessed the enzymes to digest it. Trees died atop one another until they were 100 metres or more in depth. This was the making of the great coal beds around the world as this huge store of sequestered carbon continued to build for 90 million years. Then, fortunately for the future of life, white rot fungi evolved to produce the enzymes that can digest lignin and coincident with that the coal-making era came to an end.

There was no guarantee that fungi or any other decomposer species would develop the complex of enzymes required to digest lignin. If they had not, CO2, which had already been drawn down for the first time in Earth’s history to levels similar to todays, would have continued to decline as trees continued to grow and die. That is until CO2 approached the threshold of 150 ppm below which plants begin first to starve, then stop growing altogether, and then die. Not just woody plants but all plants. This would bring about the extinction of most, if not all, terrestrial species, as animals, insects, and other invertebrates starved for lack of food. And that would be that. The human species would never have existed. This was only the first time that there was a distinct possibility that life would come close to extinguishing itself, due to a shortage of CO2, which is essential for life on Earth.

A well-documented record of global temperature over the past 65 million years shows that we have been in a major cooling period since the Eocene Thermal Maximum 50 million years ago. The Earth was an average 16C warmer then, with most of the increased warmth at the higher latitudes. The entire planet, including the Arctic and Antarctica were ice-free and the land there was covered in forest. The ancestors of every species on Earth today survived through what may have been the warmest time in the history of life. It makes one wonder about dire predictions that even a 2C rise in temperature from pre-industrial times would cause mass extinctions and the destruction of civilization. Glaciers began to form in Antarctica 30 million years ago and in the northern hemisphere 3 million years ago. Today, even in this interglacial period of the Pleistocene Ice Age, we are experiencing one of the coldest climates in the Earth’s history.

Coming closer to the present we have learned from Antarctic ice cores that for the past 800,000 years there have been regular periods of major glaciation followed by interglacial periods in 100,000 year-cycles. These cycles coincide with the Milankovitch cycles that are tied to the eccentricity of the Earth’s orbit and its axial tilt. It is highly plausible that these cycles are related to solar intensity and the seasonal distribution of solar heat on the Earth’s surface. There is a strong correlation between temperature and the level of atmospheric CO2 during these successive glaciations, indicating a possible cause-effect relationship between the two. CO2 lags temperature by an average of 800 years during the most recent 400,000-year period, indicating that temperature is the cause, as the cause never comes after the effect.

Looking at the past 50,000 years of temperature and CO2 we can see that changes in CO2 follow changes in temperature. This is as one could expect, as the Milankovitch cycles are far more likely to cause a change in temperature than a change in CO2. And a change in the temperature is far more likely to cause a change in CO2 due to outgassing of CO2 from the oceans during warmer times and an ingassing (absorption) of CO2 during colder periods. Yet climate alarmists persist in insisting that CO2 is causing the change in temperature, despite the illogical nature of that assertion.

It is sobering to consider the magnitude of climate change during the past 20,000 years, since the peak of the last major glaciation. At that time there were 3.3 kilometres of ice on top of what is today the city of Montreal, a city of more than 3 million people. 95% of Canada was covered in a sheet of ice. Even as far south as Chicago there was nearly a kilometre of ice. If the Milankovitch cycle continues to prevail, and there is little reason aside from our CO2 emissions to think otherwise, this will happen gradually again during the next 80,000 years. Will our CO2 emissions stave off another glaciation as James Lovelock has suggested? There doesn’t seem to be much hope of that so far, as despite 1/3 of all our CO2 emissions being released during the past 18 years the UK Met Office contends there has been no statistically significant warming during this century.

At the height of the last glaciation the sea level was about 120 metres lower than it is today. By 7,000 years ago all the low-altitude, mid-latitude glaciers had melted. There is no consensus about the variation in sea level since then although many scientists have concluded that the sea level was higher than today during the Holocene Thermal optimum from 9,000 to 5,000 years ago when the Sahara was green. The sea level may also have been higher than today during the Medieval Warm Period.

Hundred of islands near the Equator in Papua, Indonesia, have been undercut by the sea in a manner that gives credence to the hypothesis that there has been little net change in sea level in the past thousands of years. It takes a long time for so much erosion to occur from gentle wave action in a tropical sea.

Coming back to the relationship between temperature and CO2 in the modern era we can see that temperature has risen at a steady slow rate in Central England since 1700 while human CO2 emissions were not relevant until 1850 and then began an exponential rise after 1950. This is not indicative of a direct causal relationship between the two. After freezing over regularly during the Little Ice Age the River Thames froze for the last time in 1814, as the Earth moved into what might be called the Modern Warm Period.

The IPCC states it is “extremely likely” that human emissions have been the dominant cause of global warming “since the mid-20th century”, that is since 1950. They claim that “extremely” means 95% certain, even though the number 95 was simply plucked from the air like an act of magic. And “likely” is not a scientific word but rather indicative of a judgment, another word for an opinion.

There was a 30-year period of warming from 1910-1940, then a cooling from 1940 to 1970, just as CO2 emissions began to rise exponentially, and then a 30-year warming from 1970-2000 that was very similar in duration and temperature rise to the rise from 1910-1940. One may then ask “what caused the increase in temperature from 1910-1940 if it was not human emissions? And if it was natural factors how do we know that the same natural factors were not responsible for the rise between 1970-2000.” You don’t need to go back millions of years to find the logical fallacy in the IPCC’s certainty that we are the villains in the piece.

Water is by far the most important greenhouse gas, and is the only molecule that is present in the atmosphere in all three states, gas, liquid, and solid. As a gas, water vapour is a greenhouse gas, but as a liquid and solid it is not. As a liquid water forms clouds, which send solar radiation back into space during the day and hold heat in at night. There is no possibility that computer models can predict the net effect of atmospheric water in a higher CO2 atmosphere. Yet warmists postulate that higher CO2 will result in positive feedback from water, thus magnifying the effect of CO2 alone by 2-3 times. Other scientists believe that water may have a neutral or negative feedback on CO2. The observational evidence from the early years of this century tends to reinforce the latter hypothesis.

How many politicians or members of the media or the public are aware of this statement about climate change from the IPCC in 2007?

we should recognise that we are dealing with a coupled nonlinear chaotic system, and therefore that the long-term prediction of future climate states is not possible.

There is a graph showing that the climate models have grossly exaggerated the rate of warming that confirms the IPCC statement. The only trends the computer models seem able to predict accurately are ones that have already occurred.

Coming to the core of my presentation, CO2 is the currency of life and the most important building block for all life on Earth. All life is carbon-based, including our own. Surely the carbon cycle and its central role in the creation of life should be taught to our children rather than the demonization of CO2, that “carbon” is a “pollutant” that threatens the continuation of life. We know for a fact that CO2 is essential for life and that it must be at a certain level in the atmosphere for the survival of plants, which are the primary food for all the other species alive today. Should we not encourage our citizens, students, teachers, politicians, scientists, and other leaders to celebrate CO2 as the giver of life that it is?

It is a proven fact that plants, including trees and all our food crops, are capable of growing much faster at higher levels of CO2 than present in the atmosphere today. Even at the today’s concentration of 400 ppm plants are relatively starved for nutrition. The optimum level of CO2 for plant growth is about 5 times higher, 2000 ppm, yet the alarmists warn it is already too high. They must be challenged every day by every person who knows the truth in this matter. CO2 is the giver of life and we should celebrate CO2 rather than denigrate it as is the fashion today.

We are witnessing the “Greening of the Earth” as higher levels of CO2, due to human emissions from the use of fossil fuels, promote increased growth of plants around the world. This has been confirmed by scientists with CSIRO in Australia, in Germany, and in North America. Only half of the CO2 we are emitting from the use of fossil fuels is showing up in the atmosphere. The balance is going somewhere else and the best science says most of it is going into an increase in global plant biomass. And what could be wrong with that, as forests and agricultural crops become more productive?

All the CO2 in the atmosphere has been created by outgassing from the Earth’s core during massive volcanic eruptions. This was much more prevalent in the early history of the Earth when the core was hotter than it is today. During the past 150 million years there has not been enough addition of CO2 to the atmosphere to offset the gradual losses due to burial in sediments.

Let’s look at where all the carbon is in the world, and how it is moving around.

Today, at just over 400 ppm CO2 there are 850 billion tons of CO2 in the atmosphere. By comparison, when modern life-forms evolved over 500 million years ago there was nearly 15,000 billion tons of CO2 in the atmosphere, 17 times today’s level. Plants and soils combined contain more than 2,000 billion tons of carbon, more that twice as much as the entire global atmosphere. The oceans contain 38,000 billion tons of dissolved CO2, 45 times as much as in the atmosphere. Fossil fuels, which were made from plants that pulled CO2 from the atmosphere account for 5,000 – 10,000 billion tons of carbon, 6 – 12 times as much carbon as is in the atmosphere.

But the truly stunning number is the amount of carbon that has been sequestered from the atmosphere and turned into carbonaceous rocks. 100,000,000 billion tons, that’s one quadrillion tons of carbon, have been turned into stone by marine species that learned to make armour-plating for themselves by combining calcium and carbon into calcium carbonate. Limestone, chalk, and marble are all of life origin and amount to 99.9% of all the carbon ever present in the global atmosphere. The white cliffs of Dover are made of the calcium carbonate skeletons of coccolithophores, tiny marine phytoplankton.

The vast majority of the carbon dioxide that originated in the atmosphere has been sequestered and stored quite permanently in carbonaceous rocks where it cannot be used as food by plants.

Beginning 540 million years ago at the beginning of the Cambrian Period many marine species of invertebrates evolved the ability to control calcification and to build armour plating to protect their soft bodies. Shellfish such as clams and snails, corals, coccolithofores (phytoplankton) and foraminifera (zooplankton) began to combine carbon dioxide with calcium and thus to remove carbon from the life cycle as the shells sank into sediments; 100,000,000 billion tons of carbonaceous sediment. It is ironic that life itself, by devising a protective suit of armour, determined its own eventual demise by continuously removing CO2 from the atmosphere. This is carbon sequestration and storage writ large. These are the carbonaceous sediments that form the shale deposits from which we are fracking gas and oil today. And I add my support to those who say, “OK UK, get fracking”.

The past 150 million years has seen a steady drawing down of CO2 from the atmosphere. There are many components to this but what matters is the net effect, a removal on average of 37,000 tons of carbon from the atmosphere every year for 150 million years. The amount of CO2 in the atmosphere was reduced by about 90% during this period. This means that volcanic emissions of CO2 have been outweighed by the loss of carbon to calcium carbonate sediments on a multi-million year basis.

If this trend continues CO2 will inevitably fall to levels that threaten the survival of plants, which require a minimum of 150 ppm to survive. If plants die all the animals, insects, and other invertebrates that depend on plants for their survival will also die.

How long will it be at the present level of CO2 depletion until most or all of life on Earth is threatened with extinction by lack of CO2 in the atmosphere?

During this Pleistocene Ice Age, CO2 tends to reach a minimum level when the successive glaciations reach their peak. During the last glaciation, which peaked 18,000 years ago, CO2 bottomed out at 180 ppm, extremely likely the lowest level CO2 has been in the history of the Earth. This is only 30 ppm above the level that plants begin to die. Paleontological research has demonstrated that even at 180 ppm there was a severe restriction of growth as plants began to starve. With the onset of the warmer interglacial period CO2 rebounded to 280 ppm.  But even today, with human emissions causing CO2 to reach 400 ppm plants are still restricted in their growth rate, which would be much higher if CO2 were at 1000-2000 ppm.

Here is the shocking news. If humans had not begun to unlock some of the carbon stored as fossil fuels, all of which had been in the atmosphere as CO2 before sequestration by plants and animals, life on Earth would have soon been starved of this essential nutrient and would begin to die. Given the present trends of glaciations and interglacial periods this would likely have occurred less than 2 million years from today, a blink in nature’s eye, 0.05% of the 3.5 billion-year history of life.

No other species could have accomplished the task of putting some of the carbon back into the atmosphere that was taken out and locked in the Earth’s crust by plants and animals over the millennia. This is why I honour James Lovelock in my lecture this evening. Jim was for many years of the belief that humans are the one-and-only rogue species on Gaia, destined to cause catastrophic global warming. I enjoy the Gaia hypothesis but I am not religious about it and for me this was too much like original sin. It was as if humans were the only evil species on the Earth.

But James Lovelock has seen the light and realized that humans may be part of Gaia’s plan, and he has good reason to do so. And I honour him because it takes courage to change your mind after investing so much of your reputation on the opposite opinion. Rather than seeing humans as the enemies of Gaia, Lovelock now sees that we may be working with Gaia to “stave of another ice age”, or major glaciation. This is much more plausible than the climate doom-and gloom scenario because our release of CO2 back into the atmosphere has definitely reversed the steady downward slide of this essential food for life, and hopefully may reduce the chance that the climate will slide into another period of major glaciation. We can be certain that higher levels of CO2 will result in increased plant growth and biomass. We really don’t know whether or not higher levels of CO2 will prevent or reduce the eventual slide into another major glaciation. Personally I am not hopeful for this because the long-term history just doesn’t support a strong correlation between CO2 and temperature.

It does boggle the mind in the face of our knowledge that the level of CO2 has been steadily falling that human CO2 emissions are not universally acclaimed as a miracle of salvation. From direct observation we already know that the extreme predictions of CO2’s impact on global temperature are highly unlikely given that about one-third of all our CO2 emissions have been discharged during the past 18 years and there has been no statistically significant warming. And even if there were some additional warming that would surely be preferable to the extermination of all or most species on the planet.

You heard it here. “Human emissions of carbon dioxide have saved life on Earth from inevitable starvation and extinction due to lack of CO2”. To use the analogy of the Atomic Clock, if the Earth were 24 hours old we were at 38 seconds to midnight when we reversed the trend towards the End Times. If that isn’t good news I don’t know what is. You don’t get to stave off Armageddon every day.

I issue a challenge to anyone to provide a compelling argument that counters my analysis of the historical record and the prediction of CO2 starvation based on the 150 million year trend. Ad hominem arguments about “deniers” need not apply. I submit that much of society has been collectively misled into believing that global CO2 and temperature are too high when the opposite is true for both. Does anyone deny that below 150 ppm CO2 that plants will die? Does anyone deny that the Earth has been in a 50 million-year cooling period and that this Pleistocene Ice Age is one of the coldest periods in the history of the planet?

If we assume human emissions have to date added some 200 billion tons of CO2 to the atmosphere, even if we ceased using fossil fuels today we have already bought another 5 million years for life on earth. But we will not stop using fossil fuels to power our civilization so it is likely that we can forestall plant starvation for lack of CO2 by at least 65 million years. Even when the fossil fuels have become scarce we have the quadrillion tons of carbon in carbonaceous rocks, which we can transform into lime and CO2 for the manufacture of cement. And we already know how to do that with solar energy or nuclear energy. This alone, regardless of fossil fuel consumption, will more than offset the loss of CO2 due to calcium carbonate burial in marine sediments. Without a doubt the human species has made it possible to prolong the survival of life on Earth for more than 100 million years. We are not the enemy of nature but its salvation.

As a postscript I would like to make a few comments about the other side of the alleged dangerous climate change coin, our energy policy, in particular the much maligned fossil fuels; coal, oil, and natural gas.

Depending how it’s tallied, fossil fuels account for between 85-88% of global energy consumption and more than 95% of energy for the transport of people and goods, including our food.

Earlier this year the leaders of the G7 countries agreed that fossil fuels should be phased out by 2100, a most bizarre development to say the least. Of course no intelligent person really believes this will happen but it is a testament to the power of the elites that have converged around the catastrophic human-caused climate change that so many alleged world leaders must participate in the charade. How might we convince them to celebrate CO2 rather than to denigrate it?

A lot of nasty things are said about fossil fuels even though they are largely responsible for our longevity, our prosperity, and our comfortable lifestyles.

Hydrocarbons, the energy components of fossil fuels, are 100% organic, as in organic chemistry. They were produced by solar energy in ancient seas and forests. When they are burned for energy the main products are water and CO2, the two most essential foods for life. And fossil fuels are by far the largest storage battery of direct solar energy on Earth. Nothing else comes close except nuclear fuel, which is also solar in the sense that it was produced in dying stars.

Today, Greenpeace protests Russian and American oil rigs with 3000 HP diesel-powered ships and uses 200 HP outboard motors to board the rigs and hang anti-oil plastic banners made with fossil fuels. Then they issue a media release telling us we must “end our addiction to oil”. I wouldn’t mind so much if Greenpeace rode bicycles to their sailing ships and rowed their little boats into the rigs to hang organic cotton banners. We didn’t have an H-bomb on board the boat that sailed on the first Greenpeace campaign against nuclear testing.

Some of the world’s oil comes from my native country in the Canadian oil sands of northern Alberta. I had never worked with fossil fuel interests until I became incensed with the lies being spread about my country’s oil production in the capitals of our allies around the world. I visited the oil sands operations to find out for myself what was happening there.

It is true it’s not a pretty sight when the land is stripped bare to get at the sand so the oil can be removed from it. Canada is actually cleaning up the biggest natural oil spill in history, and making a profit from it. The oil was brought to the surface when the Rocky Mountains were thrust up by the colliding Pacific Plate. When the sand is returned back to the land 99% of the so-called “toxic oil” has been removed from it.

Anti-oil activists say the oil-sands operations are destroying the boreal forest of Canada. Canada’s boreal forest accounts for 10% of all the world’s forests and the oil-sands area is like a pimple on an elephant by comparison. By law, every square inch of land disturbed by oil-sands extraction must be returned to native boreal forest. When will cities like London, Brussels, and New York that have laid waste to the natural environment be returned to their native ecosystems?

The art and science of ecological restoration, or reclamation as it is called in the mining industry, is a well-established practice. The land is re-contoured, the original soil is put back, and native species of plants and trees are established. It is possible, by creating depressions where the land was flat, to increase biodiversity by making ponds and lakes where wetland plants, insects, and waterfowl can become established in the reclaimed landscape.

The tailings ponds where the cleaned sand is returned look ugly for a few years but are eventually reclaimed into grasslands. The Fort McKay First Nation is under contract to manage a herd of bison on a reclaimed tailings pond. Every tailings pond will be reclaimed in a similar manner when operations have been completed.

As an ecologist and environmentalist for more than 45 years this is good enough for me. The land is disturbed for a blink of an eye in geological time and is then returned to a sustainable boreal forest ecosystem with cleaner sand. And as a bonus we get the fuel to power our weed-eaters, scooters, motorcycles, cars, trucks, buses, trains, and aircraft.

To conclude, carbon dioxide from burning fossil fuels is the stuff of life, the staff of life, the currency of life, indeed the backbone of life on Earth.

I am honoured to have been chosen to deliver your annual lecture.

Thank you for listening to me this evening.

I hope you have seen CO2 from a new perspective and will join with me to Celebrate CO2!

https://en.wikipedia.org/wiki/Patrick_Moore_(environmentalist)

10 commenti

  1. Diego

    Caro Enzo ho letto con molto interesse questo intervento e nello scritto si percepisce davvero il sapore della divulgazione scientifica fatta con tutti i crismi ed è un grande piacere e godimento scoprire relazioni di questo calibro da vero scienziato per cui ho sentito forte il bisogno di postare la traduzione dall'inglese anche se approssimativa ed un poco rozza di quanto è stato detto. Ringraziandoti Enzo per la segnalazione spero di fare cosa gradita anche a tutti i frequentatori del circolo..... Non mi resta altro che augurare a mia volta buona lettura. :-P

    I miei signori e signore, signore e signori.

    Grazie per l'opportunità di esporre le mie opinioni sul cambiamento climatico. Come ho già dichiarato pubblicamente in molte occasioni, non vi è alcuna prova scientifica definitiva, attraverso l'osservazione del mondo reale, che l'anidride carbonica è responsabile per qualsiasi del leggero riscaldamento del clima globale che si è verificato nel corso degli ultimi 300 anni, da quando il picco di la piccola era glaciale. Se ci fosse una prova del genere attraverso test e la replica sarebbe stata scritta per tutti da vedere.

    La tesi che le emissioni umane sono ora l'influenza dominante sul clima è semplicemente una ipotesi, piuttosto che una teoria scientifica universalmente accettata. E 'quindi corretto, anzi tendente al obbligatoria nella tradizione scientifica, per essere scettici di coloro che esprimono certezza che "la scienza è risolta" e "il dibattito è finito".

    Ma non vi è certezza di là di ogni dubbio che la CO2 è il blocco di costruzione per tutta la vita sulla Terra e che, senza la sua presenza in atmosfera globale ad una concentrazione sufficiente questo sarebbe un pianeta morto. Eppure oggi i nostri figli e le nostre opinioni pubbliche viene insegnato che la CO2 è un inquinante tossico che distruggerà la vita e portare la civiltà in ginocchio. Stasera spero di trasformare questa propaganda causato dall'uomo pericoloso sulla sua testa. Stasera mi dimostrerà che le emissioni umane di CO2 hanno già salvato la vita sul nostro pianeta da un finale molto prematura. Che, in assenza di una emettono parte del carbonio nell'atmosfera da dove è venuto in primo luogo, la maggior parte o forse tutta la vita sulla Terra comincerebbe a morire meno di due milioni di anni da oggi.

    Ma prima un po 'di background.

    Sono nato e cresciuto nel piccolo villaggio galleggiante del porto di inverno sulla punta nord-ovest dell'isola di Vancouver, nella foresta pluviale del Pacifico. Non c'era nessuna strada al mio villaggio così per otto anni io e pochi altri bambini sono stati presi in barca ogni giorno per una scuola di una stanza nel vicino villaggio di pescatori. Non mi rendevo conto quanto fortunato stavo giocando sugli appartamenti di marea da parte dei flussi di salmone deposizione delle uova nella foresta, fino a quando sono stato mandato in collegio a Vancouver dove eccelleva nel campo della scienza. Ho fatto i miei studi universitari presso la University of British Columbia, gravitando alle scienze della vita - biologia, biochimica, genetica, e silvicoltura - l'ambiente e l'industria la mia famiglia è stata per più di 100 anni. Poi, prima che la parola era noto al grande pubblico, ho scoperto la scienza dell'ecologia, la scienza di come tutti gli esseri viventi sono correlati tra loro, e il modo in cui sono legati a loro. Al culmine della guerra fredda, la guerra del Vietnam, la minaccia di una guerra nucleare totale e la coscienza emergente dell'ambiente che fu trasformato in un attivista ambientalista radicale. Mentre si fa il mio dottorato di ricerca in ecologia, nel 1971 mi sono iscritto un gruppo di attivisti che avevano cominciato a riunirsi nel sottosuolo della Chiesa Unitaria, per pianificare un viaggio di protesta contro l'US bomba all'idrogeno test in Alaska.

    Abbiamo dimostrato che un gruppo piuttosto disorganizzato cercando di attivisti poteva navigare un vecchio peschereccio in tutto il nord Pacifico e contribuire a cambiare il corso della storia. Abbiamo creato un punto focale per i media a riferire in merito l'opposizione pubblica alle prove.

    Quando quella H-bomba è esplosa nel mese di novembre del 1971, fu l'ultima bomba all'idrogeno degli Stati Uniti mai fatta esplodere. Anche se c'erano altre quattro prove in programma nella serie, il presidente Nixon li annullata a causa della opposizione pubblica che avevamo contribuito a creare. Questa è stata la nascita di Greenpeace.

    Giù per il tubo con la vittoria, al nostro ritorno dall'Alaska ci siamo fratelli della Nazione Namgis nella loro grande casa a Alert Bay vicino alla mia casa a nord di Vancouver Island. Per Greenpeace questo ha cominciato la tradizione dei Warriors of the Rainbow, dopo una leggenda indiana Cree che prevedevano l'unione di tutte le razze e religioni per salvare la Terra dalla distruzione. Abbiamo chiamato la nostra nave Rainbow Warrior e Ho passato i successivi quindici anni nel comitato superiore di Greenpeace, in prima linea del movimento ambientalista, come ci siamo evoluti da quella chiesa cantina in maggiore organizzazione ambientalista nel mondo.

    Successivo abbiamo preso il francese esperimenti nucleari atmosferici nel Pacifico meridionale. Hanno dimostrato un po 'più difficile rispetto ai test nucleari degli Stati Uniti. Ci sono voluti anni per guidare alla fine questi test sotterraneo a Mururoa atollo in Polinesia Francese. Nel 1985, sotto gli ordini diretti del presidente Mitterrand, commandos francesi hanno bombardato e affondato il Rainbow Warrior nel porto di Auckland, uccidendo il nostro fotografo. Queste proteste sono continuate fino a molto tempo dopo aver lasciato Greenpeace. Non è stato fino alla metà degli anni 1990 che i test nucleari si è conclusa definitivamente nel Pacifico del sud, e esso la maggior parte altre parti del mondo pure.

    Tornando al 1975, Greenpeace ha precisato per salvare le balene dall'estinzione per mano di grandi flotte baleniere fabbrica. Abbiamo di fronte la fabbrica sovietica baleniera flotta nel Pacifico settentrionale, mettendoci di fronte a loro arpioni nei nostri piccoli gommoni per proteggere le balene in fuga. Questo è stato trasmesso in televisione notizie in tutto il mondo, portando il movimento Save the Whales nei salotti di tutti per la prima volta. Dopo quattro anni di viaggi, nel 1979 fabbrica caccia alla balena è stato finalmente vietato nel Pacifico settentrionale, e nel 1981 in tutti gli oceani del mondo.

    Nel 1978 mi sono seduto su un bambino sigillo al largo della costa orientale del Canada per proteggerlo dalla squadra del cacciatore. Sono stato arrestato e tirai in prigione, il sigillo è stato bastonato e scuoiato, ma una foto di me di essere arrestato mentre seduto sul cucciolo di foca è apparso in più di 3000 giornali di tutto il mondo la mattina successiva. Abbiamo vinto i cuori e le menti di milioni di persone che hanno visto il sigillo massacro bambino come obsoleto, crudele, e inutile.

    Perché allora ho lasciato Greenpeace dopo 15 anni di leadership? Quando Greenpeace ha iniziato abbiamo avuto un forte orientamento umanitario, per salvare la civiltà dalla distruzione da una guerra nucleare totale. Nel corso degli anni la "pace" di Greenpeace fu gradualmente persa e la mia organizzazione, insieme a gran parte del movimento ambientalista, alla deriva in una convinzione che gli esseri umani sono i nemici della terra. Credo in un ambientalismo umanitaria perché siamo parte della natura, non separato da essa. Il primo principio dell'ecologia è che siamo tutti parte dello stesso ecosistema, come Barbara Ward ha messo, "Una sola famiglia umana in nave spaziale Terra", e di predicare altrimenti insegna che il mondo sarebbe stato meglio senza di noi. Come vedremo più avanti nella presentazione c'è buona ragione di vedere gli esseri umani come essenziale per la sopravvivenza della vita su questo pianeta.

    A metà degli anni 1980 mi sono trovato l'unico regista di Greenpeace International, con una educazione formale nella scienza. I miei compagni di Amministrazione ha proposto una campagna per "vietare il cloro in tutto il mondo", chiamandolo "Elemento del Diavolo". Ho fatto notare che il cloro è uno degli elementi della tavola periodica, uno degli elementi costitutivi dell'universo e l'elemento più comune nel 11 ° crosta terrestre. Ho sostenuto il fatto che il cloro è l'elemento più importante per la salute pubblica e la medicina. Aggiungendo il cloro all'acqua potabile è stato il più grande anticipo nella storia della salute pubblica e la maggior parte dei nostri farmaci sintetici sono basati sulla chimica del cloro. Questo è caduto nel vuoto, e per me questa è stata l'ultima goccia. Ho dovuto lasciare.

    Quando ho lasciato Greenpeace ho giurato di sviluppare una politica ambientale che si basa sulla scienza e la logica, piuttosto che il sensazionalismo, disinformazione, anti-umanesimo e la paura. In un classico esempio, una recente protesta condotta da Greenpeace nelle Filippine ha utilizzato il teschio e ossa incrociate associare Golden Rice con la morte, quando in realtà Golden Rice ha il potenziale per contribuire a salvare 2 milioni di bambini dalla morte a causa della carenza di vitamina A ogni anno.

    La curva di Keeling della concentrazione di CO2 nell'atmosfera terrestre dal 1959 è la pistola fumante presunta cambiamenti climatici catastrofici. Presumiamo di CO2 era a 280 ppm, all'inizio della rivoluzione industriale, prima che l'attività umana potrebbe aver causato un impatto significativo. Accetto che la maggior parte l'aumento 280-400 ppm è causato dalle emissioni di CO2 umane con la possibilità che alcuni di esso è dovuto a degassamento dal riscaldamento degli oceani.

    La NASA ci dice che "l'anidride carbonica controllo della temperatura della Terra" nella negazione infantile dei molti altri fattori coinvolti nel cambiamento climatico. Questo ricorda la tesi della NASA che ci potrebbe essere vita su Marte. Decenni dopo che è stato dimostrato che non vi era alcuna vita su Marte, la NASA continua a usarlo come un gancio per raccogliere fondi pubblici per ulteriori spedizioni al pianeta rosso. La promulgazione della paura del cambiamento climatico ora serve allo stesso scopo. Come Bob Dylan profeticamente ha sottolineato, "Il denaro non parla, si giura", anche in una delle organizzazioni scientifiche più ammirate al mondo.

    Sul fronte politico i responsabili del piano G7 a "fine alla povertà estrema e la fame" eliminando gradualmente l'85% dell'approvvigionamento energetico del mondo, tra cui il 98% dell'energia utilizzata per il trasporto di persone e merci, compreso il cibo. Gli imperatori del mondo appaiono rivestite della foto scattata al termine della riunione, ma era ovviamente Photo-compere. Essi dovrebbero essere tenuti a stare in piedi nudi per fare una simile dichiarazione sciocca.

    Corpo clima più importanti del mondo, dal Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici, è irrimediabilmente in conflitto con la sua composizione e mandato. Il pannello è composto unicamente della World Meteorological Organization, meteorologi, e il Programma Ambientale delle Nazioni Unite, gli ambientalisti. Entrambe queste organizzazioni si concentrano principalmente su scale temporali a breve termine, a giorni forse un secolo o due. Ma il conflitto più significativo è con mandato delle Nazioni Unite del panel. Essi sono tenuti solo a concentrarsi su "un cambiamento di clima attribuito direttamente o indirettamente all'attività umana che altera la composizione dell'atmosfera, e che è, oltre a variabilità naturale del clima." Quindi se l'IPCC ha rilevato che il cambiamento climatico non è stato risentendo alterazione umana dell'atmosfera o che non è "pericolosa" non ci sarebbe alcuna necessità per loro di esistere. Sono praticamente mandato di trovare sul lato di apocalisse.

    Certezza scientifica, ruffiano politico, un IPCC irrimediabilmente in conflitto, e ora il Papa, leader spirituale della Chiesa cattolica, in una mossa audace per rafforzare il concetto di peccato originale, dice la Terra appare come "un mucchio immenso di sporcizia" e noi dovrem tornare alla beatitudine pre-industriale, o è che squallore?

    E poi c'è il mucchio immenso effettivo di sporcizia alimentati a noi più di tre volte al giorno dal nesso verde-media, un calderone ribollente di sventura imminente, come stiamo già condannati alla dannazione all'inferno e ci sono poche possibilità di redenzione. Ho paura per la fine del secolo dei Lumi. Temo un Gulag intellettuale con Greenpeace come le mie guardie carcerarie.

    Cominciamo con la nostra conoscenza della storia a lungo termine della temperatura della Terra e di CO2 in atmosfera terrestre. La nostra migliore inferenza da vari proxy indietro indicano che la CO2 è stata maggiore per i primi 4 miliardi di anni di storia della Terra di quanto non sia stato fin periodo Cambriano fino ad oggi. Mi concentrerò su gli ultimi 540 milioni di anni da quando moderne forme di vita evolute. È lampante come temperatura e CO2 sono in una correlazione inversa almeno tutte le volte che sono in ogni parvenza di correlazione. Due chiari esempi di correlazione inversa si sono verificati 150 milioni di anni e 50 milioni di anni fa. Al termine della temperatura Giurassico sceso drasticamente, mentre CO2 a spillo. Durante il massimo termico Eocene, temperatura era probabilmente superiore a qualsiasi momento negli ultimi 550 milioni di anni, mentre CO2 era stato su una pista in discesa per 100 milioni di anni. Questa prova da solo sufficiente a giustificare profonda speculazione di qualsiasi relazione causale lock-passo sostenuto tra CO2 e temperatura.

    Il periodo Devoniano inizio 400 milioni di anni fa ha segnato il culmine dell'invasione della vita sulla terra. Le piante si sono evoluti per produrre lignina, che in combinazione con la cellulosa, ha creato di legno che a sua volta, per la prima volta ha permesso piante a crescere di altezza, in concorrenza tra loro per la luce solare. Come vaste foreste sparsi biomassa vivente paese è aumentato di ordini di grandezza, abbattendo carbonio come CO2 dall'atmosfera per fare il legno. La lignina è molto difficile da abbattere e nessuna specie decompositori possedeva gli enzimi per digerire. Gli alberi sono morti uno sopra l'altro fino a quando furono 100 metri o più in profondità. Questa è stata la realizzazione di grandi giacimenti di carbone in tutto il mondo come questo enorme negozio di carbonio sequestrato continuato a costruire per 90 milioni di anni. Poi, per fortuna per il futuro della vita, funghi marciume bianco evoluti per produrre gli enzimi che possono digerire lignina e coincidente con il carbone che l'era-making si è conclusa.

    Non c'era alcuna garanzia che funghi o qualsiasi altra specie decompositori svilupperebbero complesso di enzimi necessari per digerire lignina. Se non avessero, CO2, che era già stato prelevato per la prima volta nella storia della Terra a livelli simili alla diretta, avrebbe continuato a diminuire gli alberi hanno continuato a crescere e morire. Cioè fino a quando CO2 avvicinato alla soglia di 150 ppm di sotto del quale le piante cominciano prima a morire di fame, poi smettere di crescere del tutto, e poi morire. Non solo piante legnose, ma tutte le piante. Ciò comporterebbe l'estinzione della maggior parte, se non tutti, specie terrestri, come animali, insetti e altri invertebrati fame per mancanza di cibo. E sarebbe questo. La specie umana non sarebbero mai esistiti. Questa è stata solo la prima volta che c'era una possibilità concreta che la vita sarebbe venuto vicino a estinguersi, a causa di una carenza di CO2, che è essenziale per la vita sulla Terra.

    Un record ben documentata della temperatura globale negli ultimi 65 milioni di anni dimostra che siamo stati in un grande periodo di raffreddamento in quanto i Eocene Thermal Maximum 50 milioni di anni fa. La Terra era un 16C media più caldo poi, con la maggior parte del maggiore calore alle latitudini più alte. L'intero pianeta, tra cui l'Artico e l'Antartide è stato libero da ghiacci e la terra vi era coperta di foresta. Gli antenati di ogni specie sulla Terra oggi sopravvissuto attraverso quello che potrebbe essere stato il momento più caldo nella storia della vita. Viene da chiedersi su fosche previsioni che anche un aumento 2C della temperatura da tempi pre-industriali provocherebbe estinzioni di massa e la distruzione della civiltà. I ghiacciai hanno cominciato a formarsi in Antartide 30 milioni di anni fa, e nell'emisfero settentrionale 3 milioni di anni fa. Oggi, anche in questo periodo interglaciale del Pleistocene glaciale, stiamo vivendo uno dei climi più freddi della storia della Terra.

    Venendo più vicino al presente che abbiamo imparato da carote di ghiaccio dell'Antartide che negli ultimi 800.000 anni ci sono stati periodi regolari di grande glaciazione seguiti da periodi interglaciali in 100.000 anni di cicli. Questi cicli coincidono con i cicli di Milankovitch che sono legati alla eccentricità dell'orbita terrestre e la sua inclinazione assiale. È altamente plausibile che questi cicli sono legati all'intensità solare e la distribuzione stagionale del calore solare sulla superficie terrestre. Vi è una forte correlazione tra la temperatura e il livello di CO2 atmosferica durante queste successive glaciazioni, indicando una possibile relazione causa-effetto tra i due. CO2 ritardo temperatura in media di 800 anni durante il più recente periodo 400.000 anni, indicando che la temperatura è la causa, come la causa non viene dopo l'effetto.

    Guardando ai passati 50.000 anni della temperatura e CO2 possiamo vedere che cambiamenti in CO2 seguono variazioni di temperatura. Questo è quanto ci si potrebbe aspettare, come i cicli di milanković sono molto più probabilità di causare una variazione di temperatura di un cambiamento di CO2. E un cambiamento nella temperatura è molto più probabile che a causare un cambiamento di CO2 a causa di degassamento di CO2 dagli oceani durante i periodi più caldi ed un ingassing (assorbimento) di CO2 durante i periodi più freddi. Eppure allarmisti climatici persistono nell'insistere che la CO2 è la causa del cambiamento di temperatura, nonostante la natura illogica di tale affermazione.

    E 'deludente per considerare l'entità del cambiamento climatico nel corso degli ultimi 20.000 anni, dopo il picco dell'ultima glaciazione principale. A quel tempo c'erano 3,3 chilometri di ghiaccio sulla cima di quella che è oggi la città di Montreal, una città di oltre 3 milioni di persone. 95% del Canada era coperto in una lastra di ghiaccio. Anche a sud fino a Chicago c'era quasi un chilometro di ghiaccio. Se il ciclo di Milankovitch continua a prevalere, e non c'è ragione a parte le emissioni di CO2 a pensare il contrario, questo accadrà di nuovo gradualmente nel corso dei prossimi 80.000 anni. Riusciranno i nostri emissioni di CO2 scongiurare un'altra glaciazione come James Lovelock ha suggerito? Non sembra essere molto speranza che finora, come nonostante 1/3 di tutte le nostre emissioni di CO2 di essere rilasciato nel corso degli ultimi 18 anni UK Met Office valere non c'è stato alcun riscaldamento statisticamente significativo nel corso di questo secolo.

    Al culmine dell'ultima glaciazione il livello del mare era di circa 120 metri più in basso di quanto lo sia oggi. Con 7.000 anni fa, tutti gli bassa quota, ghiacciai delle medie latitudini avevano fuso. Non vi è consenso circa la variazione del livello del mare, da allora, anche se molti scienziati hanno concluso che il livello del mare era più alto rispetto ad oggi durante l'optimum termico dell'Olocene da 9.000 a 5.000 anni fa, quando il Sahara era verde. Il livello del mare potrebbe anche essere stata superiore a quella attuale durante il periodo caldo medioevale.

    Centinaia di isole vicino all'equatore in Papua, in Indonesia, sono stati inferiori al mare in un modo che dà credito all'ipotesi che c'è stata poca variazione netta del livello del mare negli ultimi migliaia di anni. Ci vuole molto tempo per tanto erosione a verificarsi da moto ondoso dolce in un mare tropicale.

    Tornando al rapporto tra temperatura e CO2 in epoca moderna possiamo vedere che la temperatura è aumentata ad un ritmo lento costante in Inghilterra centrale dal 1700, mentre le emissioni di CO2 umani non erano pertinenti fino al 1850 e poi ha iniziato una crescita esponenziale dopo il 1950. Si tratta di non sono indicativi di un nesso causale diretto tra i due. Dopo il congelamento sopra regolarmente durante la piccola era glaciale il Tamigi gelò per l'ultima volta nel 1814, mentre la Terra si trasferisce in quello che potrebbe essere chiamato il Periodo Caldo Moderna.

    L'IPCC afferma che è "estremamente probabile" che le emissioni umane sono la causa dominante del riscaldamento globale "a partire dalla metà del 20 ° secolo", cioè dal 1950. Essi sostengono che "estremamente" indica il 95% certo, anche se il numero 95 era semplicemente strappato dal cielo come un atto di magia. E "probabile" non è un termine scientifico, ma piuttosto indicativa di una sentenza, un altro termine per un parere.

    C'è stato un periodo di 30 anni di riscaldamento 1910-1940, poi un raffreddamento 1940-1970, così come le emissioni di CO2 hanno cominciato a salire in modo esponenziale, e quindi un riscaldamento di 30 anni 1970-2000 che era molto simile a durata e la temperatura salire al rialzo 1910-1940. Si può poi chiedere "che cosa ha causato l'aumento della temperatura 1.910-1.940 se non fosse emissioni umane? E se fosse fattori naturali come facciamo a sapere che gli stessi fattori naturali non erano responsabili per l'aumento tra il 1970-2000. "Non c'è bisogno di andare indietro di milioni di anni per trovare la fallacia logica nella certezza dell'IPCC che siamo i cattivi nel pezzo.

    L'acqua è di gran lunga il più importante gas serra, ed è l'unica molecola che è presente in atmosfera nei tre stati, gas, liquido e solido. Come gas, vapore acqueo è un gas serra, ma come un liquido e solido che non è. Come liquido acqua forma nuvole, che inviano radiazione solare nello spazio durante il giorno e tengono calore durante la notte. Non vi è alcuna possibilità che i modelli di computer possono prevedere l'effetto netto di acqua atmosferica in atmosfera CO2 elevato. Eppure warmists ipotizzano che l'aumento di CO2 si tradurrà in un feedback positivo da acqua, ingrandendo così l'effetto della CO2 solo di 2-3 volte. Altri scienziati credono che l'acqua può avere un feedback neutro o negativo sulle emissioni di CO2. L'evidenza osservativa dai primi anni di questo secolo tende a rafforzare quest'ultima ipotesi.

    Quanti politici o membri dei media e l'opinione pubblica sono consapevoli di questa dichiarazione sui cambiamenti climatici dal dell'IPCC nel 2007?

    "Dobbiamo riconoscere che si tratta di un sistema caotico non lineare accoppiato, e, pertanto, che la previsione a lungo termine dei futuri Stati clima non è possibile."

    C'è un grafico che mostra che i modelli climatici hanno grossolanamente esagerato il tasso di riscaldamento che conferma la dichiarazione IPCC. Gli unici andamenti i modelli informatici sembrano in grado di prevedere con precisione sono quelli che si sono già verificati.

    Venendo al nocciolo della mia presentazione, CO2 è la valuta della vita e il blocco di costruzione più importante per tutta la vita sulla Terra. Tutta la vita è, compresa la nostra base di carbonio. Sicuramente il ciclo del carbonio e il suo ruolo centrale nella creazione della vita dovrebbe essere insegnato ai nostri figli, piuttosto che la demonizzazione della CO2, che "carbonio" è un "inquinante" che minaccia la continuazione della vita. Sappiamo per certo che CO2 è essenziale per la vita e che deve essere ad un certo livello nell'atmosfera per la sopravvivenza delle piante, che sono l'alimento primario per tutte le altre specie viventi. Non dovremmo incoraggiare i nostri cittadini, studenti, insegnanti, politici, scienziati, e gli altri leader per celebrare CO2 come il datore di vita che è?

    E 'un fatto provato che piante, tra alberi e tutte le nostre colture alimentari, sono in grado di crescere molto più rapidamente a livelli più alti di CO2 rispetto presente nell'atmosfera di oggi. Anche a concentrazioni di oggi di 400 piante ppm sono relativamente affamato per la nutrizione. Il livello ottimale di CO2 per la crescita delle piante è di circa 5 volte superiore, 2000 ppm, ma gli allarmisti avvertire è già troppo alto. Essi devono essere sfidati ogni giorno da ogni persona che conosce la verità in questa materia. CO2 è il datore della vita e dobbiamo celebrare CO2 piuttosto che denigrare come è di moda oggi.

    Stiamo assistendo alla "Greening della Terra" come livelli elevati di CO2, a causa di emissioni umane derivanti dall'uso di combustibili fossili, promuovere una maggiore crescita delle piante in tutto il mondo. Questo è stato confermato da scienziati con CSIRO in Australia, in Germania, e in Nord America. Solo la metà della CO2 stiamo emettendo dall'uso di combustibili fossili sta rivelando nell'atmosfera. Il saldo è andare da qualche altra parte e la migliore scienza dice la maggior parte di esso sta andando in un aumento della biomassa vegetale globale. E cosa c'è di sbagliato in questo, come foreste e colture agricole diventano più produttivi?

    Tutto il CO2 nell'atmosfera è stata creata da degassamento dal nucleo della Terra durante massicce eruzioni vulcaniche. Questo è stato molto più diffuso nella storia più antica della Terra quando il nucleo era più caldo di quanto lo sia oggi. Nel corso degli ultimi 150 milioni di anni non vi è stata sufficiente l'aggiunta di CO2 nell'atmosfera per compensare le perdite dovute al graduale sepoltura nei sedimenti.

    Diamo un'occhiata a dove tutto il carbonio è nel mondo, e di come si muove intorno.

    Oggi, a poco più di 400 ppm di CO2 sono di 850 miliardi di tonnellate di CO2 nell'atmosfera. In confronto, quando moderne forme di vita evolute oltre 500 milioni di anni fa c'era quasi 15.000 miliardi di tonnellate di CO2 in atmosfera, 17 volte il livello di oggi. Piante e suoli combinati contengono più di 2.000 miliardi di tonnellate di carbonio, più che doppio di quanto l'intera atmosfera terrestre. Gli oceani contengono 38.000 miliardi di tonnellate di CO2 disciolta, 45 volte tanto quanto in atmosfera. I combustibili fossili, che sono state fatte da piante che trainavano CO2 dal conto atmosfera per 5.000 - 10.000 miliardi di tonnellate di carbonio, 6 - 12 volte tanto carbonio quanto è in atmosfera.

    Ma il numero veramente spettacolare è la quantità di carbonio che è stata sequestrata dall'atmosfera e trasformati in rocce carbonacee. 100.000.000 miliardi di tonnellate, che è un quadrilione di tonnellate di carbonio, sono stati trasformati in pietra da specie marine che hanno imparato a fare l'armatura-placcatura per se stessi combinando calcio e carbonio in carbonato di calcio. Calcare, gesso, marmo e sono tutti di origine la vita e la quantità al 99,9% di tutto il carbonio sempre presente nell'atmosfera globale. Le bianche scogliere di Dover sono degli scheletri di carbonato di calcio di coccolitoforidi, minuscolo fitoplancton marino.

    La stragrande maggioranza della anidride carbonica che ha originato nell'atmosfera è stata sequestrata e memorizzati in modo permanente piuttosto rocce carbonacee dove non può essere utilizzato come cibo dalle piante.

    Cominciando 540 milioni di anni fa, all'inizio del Periodo Cambriano molte specie marine di invertebrati evoluti la possibilità di controllare la calcificazione e costruire blindatura per proteggere i loro corpi morbidi. Crostacei come vongole e lumache, coralli, coccolithofores (fitoplancton) e foraminiferi (zooplancton) hanno cominciato a coniugare l'anidride carbonica con il calcio e quindi di rimuovere il carbonio dal ciclo di vita come i gusci affondavano sedimenti; 100.000.000 miliardi di tonnellate di sedimenti carbonioso. E 'ironico che la vita stessa, mettendo a punto una tuta protettiva dell'armatura, determinato la sua eventuale scomparsa rimuovendo continuamente CO2 dall'atmosfera. Questo è il sequestro e stoccaggio del carbonio scritte a grandi lettere. Questi sono i sedimenti carboniosi che formano i depositi scisti dalla quale siamo fracking gas e petrolio oggi. E aggiungo il mio sostegno a coloro che dicono, "OK Regno Unito, ottenere fracking".

    Gli ultimi 150 milioni di anni ha visto un disegno costante verso il basso di CO2 dall'atmosfera. Ci sono molti componenti di questo, ma ciò che conta è l'effetto netto, una rimozione in media di 37.000 tonnellate di carbonio dall'atmosfera ogni anno per 150 milioni di anni. La quantità di CO2 nell'atmosfera è stata ridotta di circa il 90% in questo periodo. Ciò significa che le emissioni vulcaniche di CO2 sono stati superati dalla perdita di carbonio sedimenti carbonato di calcio su base multi-milioni di anni.

    Se questa tendenza continua CO2 inevitabilmente scendere a livelli che minacciano la sopravvivenza delle piante, che richiedono un minimo di 150 ppm per sopravvivere. Se le piante muoiono tutti gli animali, insetti e altri invertebrati che dipendono da impianti per la loro sopravvivenza anche morire.

    Quanto tempo sarà al livello attuale di CO2 fino a esaurimento tutti o quasi tutti la vita sulla Terra è minacciato di estinzione dalla mancanza di CO2 nell'atmosfera?

    Durante questa era glaciale pleistocenica, CO2 tende a raggiungere un livello minimo in cui le successive glaciazioni raggiungono il loro picco. Durante l'ultima glaciazione, che ha raggiunto 18.000 anni fa, CO2 toccato il fondo a 180 ppm, molto probabilmente il più basso livello di CO2 è stato nella storia della Terra. Questo è solo 30 ppm sopra il livello che le piante cominciano a morire. Ricerca paleontologico ha dimostrato che anche a 180 ppm c'è stata una grave restrizione della crescita come piante hanno cominciato a morire di fame. Con l'inizio del periodo di caldo interglaciale CO2 rimbalzato a 280 ppm. Ma anche oggi, con emissioni umane di CO2 che causano a raggiungere 400 piante ppm sono ancora limitati nella loro tasso di crescita, che sarebbe molto più alto se la CO2 erano a 1000-2000 ppm.

    Ecco la notizia scioccante. Se gli esseri umani non avessero cominciato a sbloccare parte del carbonio immagazzinato come i combustibili fossili, i quali erano stati nell'atmosfera sotto forma di CO2 prima il sequestro da parte delle piante e degli animali, la vita sulla Terra sarebbe presto stato morto di fame di questo nutriente essenziale e avrebbe cominciato a morire . Date le attuali tendenze di glaciazioni e periodi interglaciali questo sarebbe probabilmente si sono verificati meno di 2 milioni di anni a partire da oggi, un battito di ciglia negli occhi di natura, lo 0,05% della storia 3,5 miliardi-anno di vita.

    Nessun'altra specie potrebbero hanno compiuto il compito di mettere parte del carbonio nell'atmosfera che è stato portato fuori e dentro la crosta terrestre da piante e animali nel corso dei millenni. È per questo che io onoro James Lovelock nel mio discorso di questa sera. Jim è stato per molti anni la convinzione che gli esseri umani sono gli unici e--sola specie canaglia su Gaia, destinati a provocare catastrofico riscaldamento globale. Mi piace l'ipotesi Gaia, ma io non sono religioso su di esso e per me questo era troppo simile peccato originale. Era come se gli esseri umani fossero l'unica specie del male sulla Terra.

    Ma James Lovelock ha visto la luce e si rese conto che l'uomo può essere parte del piano di Gaia, e ha una buona ragione per farlo. E io onoro perché ci vuole coraggio per cambiare idea dopo aver investito così tanto della tua reputazione sul parere contrario. Piuttosto che vedere esseri umani come i nemici di Gaia, Lovelock ora vede che possiamo essere lavorato con Gaia a "doghe di un'altra era glaciale", o grande glaciazione. Questo è molto più plausibile che il doom-e clima scenario buio perché la nostra emissione di CO2 nell'atmosfera ha definitivamente invertito il costante parabola discendente di questo alimento essenziale per la vita, e, auspicabilmente, può ridurre la possibilità che il clima scivolerà in un altro periodo di grande glaciazione. Possiamo essere certi che i livelli più elevati di CO2 si tradurrà in un aumento della crescita delle piante e della biomassa. In realtà non sappiamo o meno di livelli più elevati di CO2 saranno prevenire o ridurre l'eventuale diapositiva in un'altra glaciazione importante. Personalmente non sono fiducioso per questo, perché la storia a lungo termine solo non supporta una forte correlazione tra CO2 e temperatura.

    Lo fa boggle la mente di fronte a nostra conoscenza che il livello di emissioni di CO2 è stato in costante calo che le emissioni di CO2 umani non sono universalmente acclamato come un miracolo della salvezza. Dalla osservazione diretta sappiamo già che le previsioni estreme di impatto di CO2 sulla temperatura globale sono altamente improbabile dato che circa un terzo di tutte le emissioni di CO2 sono state scaricate nel corso degli ultimi 18 anni e non vi è stato alcun riscaldamento statisticamente significativa. E anche se ci fosse un po 'di riscaldamento supplementare che sarebbe sicuramente preferibile allo sterminio di tutti o la maggior parte delle specie del pianeta.

    Hai sentito qui. "Le emissioni umane di anidride carbonica hanno salvato la vita sulla Terra da inevitabile morte per fame e l'estinzione a causa della mancanza di CO2". Per usare l'analogia del orologio atomico, se la Terra fosse di 24 ore di vita siamo stati a 38 secondi a mezzanotte quando abbiamo invertito la tendenza verso la Fine dei Tempi. Se questo non è una buona notizia che non so cosa sia. Non si arriva per allontanare Armageddon ogni giorno.

    Lancio una sfida per chiunque di fornire un argomento convincente che contrasta la mia analisi della documentazione storica e la previsione di fame CO2 sulla base del trend di 150 milioni anni. Argomenti ad hominem su "negazionisti" non essere applicate. Io sostengo che gran parte della società è stato collettivamente indotto erroneamente a credere che la CO2 globale e la temperatura sono troppo alto quando è vero il contrario per entrambi. Qualcuno negare che sotto di 150 ppm di CO2 che le piante moriranno? Qualcuno nega che la Terra è in un periodo di raffreddamento di 50 milioni di anni e che questo era glaciale pleistocenica è uno dei periodi più freddi della storia del pianeta?

    Se assumiamo emissioni umane hanno fino ad oggi ha aggiunto circa 200 miliardi di tonnellate di CO2 nell'atmosfera, anche se smettemmo che utilizzano combustibili fossili oggi abbiamo già acquistato altri 5 milioni di anni per la vita sulla terra.

    Google Traduttore

  2. grazie Diego! Questa è vera collaborazione!!!!!!!!! :-P

  3. Diego

    Di nulla Enzo era veramente sentita, come si dice "con il cuore" :wink:

  4. Daniela

    Ieri ho finito di leggere la conferenza e l'ho trovata molto interessante.

    Fa riflettere l'immagine degli attivisti di Greenpeace che assaltano le piattaforme petrolifere con gommoni che utilizzano potenti motori fuori bordo alimentati da derivati del petrolio... in fondo, ricorda, quando lui stesso lottava come attivista contro le bombe nucleari, non lo faceva utilizzando altri ordigni nucleari (anche se, a onor del vero, le due cose non possono essere messe sullo stesso piano)!

    Molto interessante anche la cronistoria dell'andamento temperatura/livello di CO2 nelle varie ere geologiche fino ai tempi nostri, che evidenzia la loro mancanza di collegamento.

    Credo, tuttavia che il Dr. Moore, dal punto di vista della comunicazione, abbia commesso un errore: quando afferma che l'utilizzo di combustibili fossili, con conseguente immissione in atmosfera di tanta CO2, sia la salvezza della vita sulla terra (secondo lui minacciata dalla riduzione della CO2 stessa, a causa del suo utilizzo da parte di organismi tipo molluschi e lumache che la trasformano in carbonato di calcio per i loro gusci), dovrebbe fare almeno un minimo accenno al fatto che esistono anche delle controindicazioni all'utilizzo di tali combustibili (metalli pesanti, acidi solforici, ossidi di azoto...) e che ne è sconsigliato l'uso indiscriminato.
    In tal modo, a mio parere, presta il fianco a facili critiche e rischia di inficiare quanto di buono c'è nel suo ragionamento.

  5. cara Dani,
    purtroppo, vista la lotta in atto che arriva perfino a far rischiare la vita, come è successo in Francia, diventa sempre più facile esagerare in entrambi i versi. Chi ci perde è sempre e comunque la verità scientifica, che avrebbe bisogno di calma, riflessione e di sana e costruttiva polemica... Stiamo, invece, utilizzando argomenti portati agli estremi che rischiano di inficiare quel poco di giusto che si sta pian piano costruendo. Gli scienziati dovrebbero poter fare gli scienziati senza spinte più o meno pressanti da un lato e dall'altro. Mala tempora... :(

  6. Diego

    Giusta precisazione Dani, corretta e lucida visione dei fatti del nostro prof.
    Avete detto delle cose sacrosante.
    Voglio con questo intervento mostrarmi solidale ed esprimere la mia personale comprensione in questo caso allo scienziato che si trova "solo",o quasi, a dover lottare contro le "verità" dei potenti che manipolano o addirittura nascondono dati a piacimento creando una realta precotta pronta da dare in pasto alla massa manipolandola per i loro scopi.
    E per chi persegue la VERITA' con tanta dedizione, questo modo operandi risulta piutosto irritare, altererebbe e farebbe perdere di lucidità a molti di noi, e se ci trovassimo nelle stesse condizioni potremmo facilmente cedere noi stessi alla tentazione di utilizzare impropriamente nozioni con il rischio di risultare imprecisi e ancor peggio a nostra volta, per gli altri, "mendaci" . Un peccato che pur in nome della Verità non ci possiamo permettere.....

  7. Aldebaran

    D'accordo...ma qualcuno mi spiega perchè i ghiacciai si stanno effettivamente sciogliendo?
    Se è vero che stiamo andando verso un minimo di temperature, qualcuno può sciogliermi questo atroce dubbio?
    Stanno sciogliendo i ghiacciai in gran segreto militare di notte??????
    :roll:

  8. caro Aldebaran,
    come ho ripetutamente scritto, è dall'ultima era glaciale che i ghiacciai si stanno ritirando (circa 40000 anni fa). Basta pensare che arrivavano fino alla pianura padana (i grandi laghi sono ciò che resta). Tra alti e bassi (grandi ondate di calore romane e medioevali e ondate di freddo come la piccola era glaciale del 1700) il trend continua ancora oggi... Tutto lì... Nessun segreto militare né di notte né di giorno. Basta leggere e restare sempre informati, ben lontano dai media :wink:

  9. caro Aldebaran,
    più che strano direi che è in linea con ciò che si deve per forza dire alla gente, in modo da spaventarla e ottenere il pagamento di tasse esose senza alcuna ribellione. Un vecchio sistema, antico come il mondo.
    New Orleans e altre città costiere, a sentire le previsioni catastrofiche dei fautori del GW, dovevano già essere sommerse da molti anni e invece tutto ciò non accade e non vi è nemmeno una tendenza in tal senso nel futuro. Tu forse saprai che sono quasi 20 anni che il GW è fermo e le temperature non salgono (lo ammettono ormai tutti gli studiosi, anche quelli pro-GW), eppure i giornali non ne parlano. Ti sei mai chiesto perché? Ogni previsione dei GWisti si è rilevata falsa e ciò che fanno è cambiare il modello matematico per cercare di allungare i tempi del non ritorno. Stanno anche facendo i salti mortali per spiegare la fermata del GW, senza però riuscirci. Il fatto è che il clima sta ormai risentendo pesantemente del minimo solare e prima o poi speriamo che tutti che gli affaristi e i politici accettino la verità, cosa che ormai stanno facendo quasi tutti i VERI climatologi. Ciò, forse e finalmente, darà luogo a un dibattito serio e scientifico sul clima che è ancora quasi del tutto sconosciuto nei suoi processi naturali fondamentali.
    Se il problema ti interessa, su questo sito (ma non solo) troverai moltissime prove che confermano questa visione scientifica con tanto di prove osservative serie e non taroccate.
    Per concludere, Tuttoscienze DEVE seguire la strada del catastrofismo e lo stesso deve fare chi scrive per la rubrica. Tuttavia, tra Tuttoscienze e la Scienza vi è un baratro enorme...

Lascia un commento

*

:wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8)

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Who makes the best rolex replica watches? the best 2020 rolex website watches

shemale777.com vrpornx.net kinkydom.net