Nov 13

La rivoluzione chimica di media INAF...

Eccezionale scoperta: l'acqua non ha bisogno di ossigeno... così ci dice il "solito"esperto di media INAF... Dopo gli sciami di asteroidi è stata inventata l'acqua di puro idrogeno!

Grazie a Marco abbiamo scoperto una nuova "chicca" di media INAF (le avevo appena fatto i complimenti per l'articolo sul tempo... acci!), sempre elaborata da colui che si era inventato le conclusioni di Rampino, si era fabbricato gli sciami periodici di asteroidi e che, con una certa arroganza, si era rifiutato di correggere gli svarioni che aveva scritto. Il signor Corrado Ruscica è però veramente recidivo e non solo ha modificato le caratteristiche dinamiche degli asteroidi, ma anche la chimica, probabilmente considerata ormai obsoleta.

La frase che riporta QUI è veramente da premio Nobel (se fosse verificata...). Cari amici l'acqua, sia normale che pesante, NON ha bisogno di ossigeno per essere tale. L'acqua è formata solo da idrogeno! Ne consegue, secondo logica, che tutte le stelle, e molto altro ancora, sono composte da acqua, bellissime sfere di acqua! La conclusione si evince senza alcun dubbio da questa frase: "...Sappiamo che l’idrogeno ha numero di massa atomica pari a uno mentre il deuterio, un isotopo dell’idrogeno noto anche come “acqua pesante”, ha numero di massa atomica due...".

Solo e soltanto un refuso? Purtroppo, temo di no, dopo la lezione che ci è stata impartita sugli asteroidi...

Un piccolo suggerimento alla redazione di media INAF... "E se cambiaste qualche collaboratore, preferendogli qualcuno che conosca un po' di astrofisica e di chimica? Forse media INAF farebbe una figura più consona al suo ipotetico livello di divulgatrice scientifica di prima categoria... Gli astrofisici bravi ci sono e come!".

 

QUI la lettera che ho scritto alla redazione di Media INAF

16 commenti

  1. Mario Fiori

    Mamma mia Enzo, alle elementari si impara la formuletta H2O ed invecchiando ci riduciamo veramente male...per forza sparisce O e senza Ossigeno lo sappiamo le cellule degradano parecchio ed il cervello comincia a "dare i numeri", se poi qualcuno l'O non la mai visto ed è formato da acqua con solo H (?) e se questo H diventa pure D...quella D, senza offesa, potrebbe diventare Demenza e pure precoce ( non me ne vogliano poveretti chi ne soffre veramente) . procata purtroppo da una profonda disattenzione protrattasi fin dalle elementari.
    Avviso: ogni riferimento a luoghi e persone è puramente casuale , senza offesa per nessuno, visto che spesso sono io a dare letteralmente i numeri...ma :mrgreen:
    Scusa Enzo forse non dovevo mi è scappato così, tu non ne hai colpa.

  2. Mik

    Uno svarione che spero dipenda solo da fretta e distrazione e che venga presto corretto.

    Ma... una domanda: io credevo che il discorso dell'acqua portata sulla terra in un secondo momento dalle comete fosse praticamente un dogma. Leggo qui invece che " l'origine dell'acqua è tuttora un mistero". Eh?!

    Sarà forse un problema di divulgazione, ma mi chiedo allora quante "verità scientifiche" ci vengono propinate come tali che invece si reggono su basi precarie (e non mi riferisco solo alla materia oscura).

  3. Paolo

    A mio avviso l’idea di dogma fa un po’ a pugni con la “scienza”..... sempre meglio diffidare delle impostazioni dogmatiche…. sempre meglio coltivare dubbi e porsi domande…

    Poi nel caso di come l’acqua sia arrivata sulla Terra, al limite si può parlare di ipotesi e teorie, non di certezze (e poi sulle certezze io la penso come Lorenzo il magnifico…. ).

    Detto ciò torno a sorseggiare la mia bottiglietta di Idrogeno.. :mrgreen:

    Paolo

  4. Caro Mario, se tutti quelli che danno i numeri sono come te... sarebbe un mondo ben migliore il nostro!

    Caro Mik,
    gli svarioni si possono fare (io per primo), ma si devono ammettere! la volta scorsa non è stato corretto, malgrado le prove fornite! Se ne deduce che c'è qualcosa di ben diverso che gioca in questo caso... poca conoscenza unita ad arroganza...

    Spieghiamo meglio la situazione dell'acqua della Terra. Teoricamente l'acqua avrebbe anche potuto essersi formata fin dall'inizio, anche se i problemi relativi non sono pochi. D'altra parte, i calcoli effettuati sugli impatti cometari, hanno dimostrato che una quantità sufficiente poteva anche essere stata trasportata dalle comete. Come se non bastasse, si è anche visto che gli asteroidi hanno abbastanza acqua da fare lo stesso lavoro e, in più, sembra che sia acqua più simile alla nostra. Conclusione? Non esiste un dogma, ma diverse ipotesi, tutte più o meno plausibili. Lavori come quello citato da madia INAF dice che la prima ipotesi sembra essere la più veritiera, ma non può, comunque, essere considerata la verità assoluta. Anche quella degli asteroidi ha le giuste caratteristiche. Bisognerebbe chiedere alla Terra! Abbiamo bisogno di dati ancora più decisivi, sempre che si riescano a trovare. Altrimenti, si può sempre dire che la nostra acqua sia un mix...

    Insomma, condivido la sintesi di Paolo e anch'io vado a bermi un po' di ... idrogeno (senza ossigeno mi raccomando!) :mrgreen:

  5. Mario Fiori

    Ti ringrazio Enzo ma sei troppo buono, di svarioni ne faccio ed anche gravi, solo che se me ne accorgo o, ancor più, me li fanno notare mi "bastono" parecchio e mi correggo o cerco con il massimo impegno di farlo ed arrivo dove arrivo con i miei profondi limiti.
    Qui siamo tutti imperfetti e alla grande, basterebbe saperlo e con umiltà presentarsi ma...boh.
    Grande sintesi di Paolo che condivido.
    Corro anche io a bermi un po' di Idrogeno sperando che non ce ne sia in versione Deuterio...sapete a me rimane un po' indigesto... :mrgreen:

  6. Lucia

    abbiate pazienza io non ne capisco nulla di chimica, potrei capire anch'io x favore???
    :(
    P.S. mi sto avvicinando ora al vs. "circolo" ma non pretendete cortesemente che tutti sappiano di fisica o chimica, grazie.

  7. Daniela

    L'avevo detto che Ruscica non sa esprimersi in italiano... il titolo recita "Svelata l'origine dell'acqua sulla terra" e l'articolo inizia con "L’acqua copre più di 2/3 della superficie della Terra ma la sua vera origine rimane tuttora un mistero"... no comment! :-|

    P.S.
    Benvenuta Lucia! Vedrai che il Prof. ti chiarirà ogni dubbio!

  8. Paolo

    In attesa di una risposta più precisa da parte di Enzo o di Peppe.... non ti preoccupare in questo “circolo” l'idea prevalente è quella di provare ad ampliare la conoscenza... per cui

    Senza entrare troppo nei dettagli una molecola di acqua è composta da un atomo di Ossigeno e due atomi di Idrogeno, la famosa H2O.

    L'Idrogeno come altri atomi, può presentarsi in forme leggermente diverse, dette isotopi.

    In questi casi l'atomo di Idrogeno mantiene sempre la stessa carica elettrica, poiché ha 1 solo elettrone ed 1 solo protone, ma cambia la sua massa poiché varia il numero di neutroni presenti nel nucleo.

    Se non ricordo male, l'isotopo dell'Idrogeno semplice è il prozio (non ci sono neutroni), poi segue il Deuterio (1 neutrone), poi il Trizio (2 neutroni)...

    Ciò significa che la carica elettrica è sempre la stessa (1 elettrone ed 1 protone), ma per esempio il Deuterio è più pesante del prozio....poiché possiede un neutrone in più, che tra le particelle citate (elettroni e protoni) è quello di massa maggiore.

    Tieni presente che l'Idrogeno è l'elemento più semplice in natura (1 solo elettrone ed 1 solo protone) e che tutti gli altri atomi sono nati dalle stelle grazie al processo di fusione nucleare (per esempio da due atomi di idrogeno “fusi” tra loro nasce un atomo di Elio, composto da due elettroni e due protoni) e dall'esplosione di Supernove (da cui nascono tutti gli atomi più pesanti del Ferro)... insomma siamo un po' tutti figli delle stelle nel senso letterale del termine..

    Ora prendi quanti atomi di Idrogeno vuoi, ma senza un atomo di ossigeno con cui legarsi, non si ottiene ne acqua “normale” ne acqua pesante. :roll:

    Paolo

  9. Lucia

    comunque credo che il "numero di massa atomica" non esista come concetto in chimica;
    esiste il "numero atomico" Z (il numero di protoni) ed il "numero di massa" A (il numero di neutroni): un isotopo ha in comune SOLO il numero atomico, giusto?

  10. Paolo

    Tieni conto che non sono un chimico..... comunque direi di si: stesso numero atomico (Z), ma diverso numero di massa (A) (ossia numero protoni + neutroni) ... ne segue che se cambia (A) varia anche il peso atomico (o anche massa atomica relativa...).

    Paolo

  11. cara Lucia,
    non mi sembri proprio sprovveduta... Forse non ti sei nemmeno resa conto della bestialità scritta e NON ancora corretta. Nell'articolo si chiama acqua un qualcosa che è solo e soltanto un atomo (o una molecola) di idrogeno. L'acqua pesante è acqua che contiene l'idrogeno pesante, non è l'idrogeno pesante e basta. E' un po' come se tu chiedessi un cappuccino e ti dessero solo una tazzina di latte. Per essere cappuccino il latte deve essere unito al caffè... :wink:

  12. peppe

    Daniela, il solito titolo ad effetto giusto per incuriosire.

  13. Daniela

    Certo, Peppe, è ovvio che il titolo (che, più che "ad effetto" definirei falso perché siamo ancora nel campo di ipotesi interessanti, ma da verificare) serve solo a comparire tra i motori ricerca e ad attirare qualche clic in più... volevo solo sottolineare il fatto che uno scrittore un po' più accorto, pur in mala fede, non avrebbe mai contraddetto il titolo in modo così plateale nel primo rigo dell'articolo, ma sarebbe riuscito a mascherare la menzogna in modo più elegante :wink:

  14. cara Dani, si vede che il mercato offre solo questo... :(

  15. Lampo

    Ahah qualcuno ha fato la spia è l'hanno corretto... :)

  16. Lampo

    Ops...leggo solo ora l'altro articolo... :oops:

Lascia un commento

*

:wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8)

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.