13/01/16

Non posso tacere e lo faccio per voi (lo giuro!)*

Ecco la frase incriminata (risposta data da un esperto in un sito trovato nel web):

Moltissime stelle sono nane rosse (il tipo di stelle più diffuso nell'Universo), e di conseguenza anche moltissimi pianeti orbitano proprio attorno a stelle di questo tipo. Le nane rosse non diventano né supernovae, né novae. Semplicemente diventano poi delle nane bianche quando completano la fusione di idrogeno in elio, senza dare luogo a particolari esplosioni o rilascio di materia. Una nana bianca originata da una nana rossa sarebbe dunque un oggetto piccolo, che una volta spentosi lascerebbe i pianeti senza più un centro di attrazione.”

Lascio a voi ogni commento… la gravità dipende solo dalle dimensioni o -magari- anche dalla massa? Newton e Einstein tappatevi le orecchie e chiudete gli occhi!

O forse ho capito male io? In tal caso, bastonatemi pure e chiederò le dovute scuse. Magari me ne andrò veramente in pensione!

16 commenti

  1. Paolo

    Gulp! 8-O

    C'è uno strano parametro chiamato densità che indica la quantità di massa contenuta in unità di volume.

    La stessa massa può essere concentrata in un minor volume oppure diluita in un volume maggiore, in entrambi i casi la massa non cambia, varia solo la sua densità.

    Se la stella perde una parte della massa espellendola è una cosa (lì la massa mancante nei dintorni del centro di massa sicuramente produce effetti gravitazionali su ciò le orbita intorno), ma se aumenta la densità della stella (da nana rossa a nana bianca) la massa non cambia, quindi perché mai i pianeti dovrebbero smettere di subire l'attrazione gravitazionale?

    Se prendiamo il nostro sole e lo condensiamo in un diametro 1000 volte inferiore (1392 km), i pianeti del sistema solare continuerebbero a giragli intorno alla stessa distanza ed alla stessa velocità...... dal punto di vista gravitazionale non cambierebbe nulla:

    Senza scomodare Einstein, basta e avanza Newton: F= GMm/r²

    G è la costante di attrazione gravitazionale e questa sicuramente non è cambiata;

    M è la massa del Sole e pure questa non è cambiata (è cambiata la densità non la massa);

    m è la massa del pianeta che gli ruota intorno (e pure questa è immutata);

    r è la distanza tra il pianeta ed il centro del Sole ed anche questa è rimasta uguale...

    Come faranno quegli strani pianeti ad aver perso ogni centro di attrazione? :?:

    Paolo

  2. grazie Paolo per la collaborazione... speriamo che più voci servano a mantenere un po' più alto  il livello della Scienza nella rete... :evil: E pensare che sarebbe uno strumento meraviglioso se fosse utilizzata con la giusta umiltà e preparazione...

  3. che collaboratori!!! :mrgreen:

    La divulgazione deve essere come una piovra, piena di tentacoli... :mrgreen:

  4. Alvermag

    Diavolo, se è un esperto forse conosce cose che noi ignoriamo ......

    Enzo, perchè non t'informi invece di criticare gratuitamente ?????  :mrgreen:  :mrgreen:

    A volte per cadere così in basso non occorre neanche una forza attrattiva, è più che sufficiente l'ignoranza la quale varia proporzionalmente al cubo dell'arroganza.

     

  5. umberto

    a parte il commento citato ho visto l'origine infantile del dilemma (Il sole non c'è più)  che tu avresti bloccato subito. Il resto è conseguenza..

  6. caro Alvy...

    per vari ragioni... ma anche perché non amo assolutamente quei luoghi dove per parlare devi iscriverti (e fare numeri...). Noi rischiamo intrusioni, ma non mi sembra che siano così tragiche... La scienza deve essere aperta a tutti e non solo agli iscritti...

  7. caro Alvy,

    sarò ancora più chiaro... tempo fa avevo cercato di intervenire per via privata, consigliando di ammettere certi errori e cercare di rimettere le cose a posto. All'inizio mi era stato detto di sì, ma poi niente è capitato: come sempre regna la paura di scontentare il vicino (chi me lo fa fare? meglio l'ignoranza degli altri che una grana in più per me!). Dopo ripetuti tentativi, avevo deciso di fare io le correzioni, con tutto quello che molti di voi ricordano...

    Caro mio, posso dirti che è ben difficile trovare qualcuno che voglia fare qualcosa solo per gli altri e non per se stesso. E se lo dici, ti accusano di nascondere qualche interesse recondito. Non cercare di mettersi in mostra è ormai diventato un modo di fare sempre più raro e non creduto per partito preso. D'altra parte la politica insegna! :wink:

  8. givi

    Per pietà non ho replicato sul sito che sappiamo a questo "astrofisico"

  9. Tu hai ragione Givi... ma sai quante persone crederanno a ciò che c'è scritto? Comunque, non si può salvare il mondo e andiamo avanti tranquilli... :wink:

  10. Alexander

    Sinceramente a me aveva lasciato a bocca aperta anche il seguente commento in riferimenti alla scomparsa del sole: "Sicuramente Giove causerebbe una forte influenza su Marte, ma dubito su Terra, e certamente ancor meno su Venere, e Mercurio. Giove e Saturno potrebbero essere soggetti ad avvicinarsi, ammesso che si trovino in una configurazione che gli permetta di essere sufficientemente vicini l'uno all'altro."

    La risposta corretta era però stata data in modo sintetico, semplice e corretto poco dopo introducendo anche il concetto di inerzia ma a nessuno è interessato quel commento e la conversazione è proseguita su altri binari. Per me questo è un chiaro segno di quello che vogliono (più o meno divertirsi e basta a fantasticare) e quindi non ti fasciare troppo la testa per queste cose...

    Se c'era qualcuno veramente interessato avrebbe chiesto lumi a chi aveva risposto nel modo corretto e diverso dagli altri

  11. peppe

    posso dire la mia?

    proprio ieri verso le 6 e mezzo di mattina su focus facevano il doc "la storia dell'universo" e si parlava della fine del sole che una volta divenuto nana bianca non lasciava la terra alla mercè di altre stelle bensi al freddo. si sosteneva dunque che la nana bianca emanasse meno energia del sole originale ma niente di più..

    forse avevano preso spunto da questo doc ma...

  12. caro Alex,

    tu hai ragione sicuramente sul fatto che chi bazzica costantemente (sono poi sempre gli stessi) non ha alcun interesse a capire veramente e vuole solo mettersi in mostra con voli pindarici fondati sul niente. D'altra parte parlano di tutto e di più senza chiaramente conoscere né la RR, né la RG e nemmeno la MQ (come dimostrato più volte). Di loro m'interessa ben poco... Ma il problema sono i silenziosi che sicuramente leggono e traggono conclusioni errate e confusionarie. E nemmeno l'esperto di turno è esente da strafalcioni e/o da un un modo tutt'altro che semplice di esporre. Serve a qualcosa tutto ciò? No, ma ciò che è peggio è che fa il gioco contrario della divulgazione.

    Io sarò sicuramente uno stupido, ma il pensare di dare buio invece che luce a chi avrebbe la volontà di conoscere, malgrado la sterilità di questo modo, mi dà un senso di gelo e di frustrazione... E l'incapacità, la boria e l'ignoranza non si riescono a combattere se non con l'azione contraria, anche se è sempre più spesso perdente. Basta un articolo sulla materia oscura scoperta nel nucleo terrestre per ottenere cento volte i lettori di una conferma della RG (che ben pochi conoscono). E se questo è ciò che si vuole: quantità e non qualità... la battaglia è durissima!

    E' difficile per me tacere, te lo assicuro... ma cercherò di mettercela tutta. Fate bene a tirarmi per la giacca  :mrgreen:

  13. caro Alex (e non solo),

    mi sono accorto che qualcuno ha cercato di capire meglio quella frase (mostrando nel frattempo il bisogno di qualche bella lezione di fisica classica e non certo di materia oscura):

    "...l'evoluzione in una nana bianca porta alla formazione di un oggetto si piccolissimo ma densissimo con una conservazione, questo lo presumo io di una certa gravità. quindi i pianeti non dovrebbero essere sempre trattenuti pur con orbite più allargate?"

    Con molta confusione ha cercato di chiarirsi le idee su quella frase deleteria. Conclusione: nessuna risposta a riguardo, ma solo disquisizioni sulla materia oscura e cose del genere (buttare fumo...). Capisco che si sarebbe dovuto ammettere un proprio errore concettuale, ma il silenzio e il menefreghismo sono ancora peggiori. Non era meglio, fare "mea culpa" e cercare di spiegare la legge di Newton, invece che un modello standard che nessuno sembra capire, non avendo ancora le basi? Sarebbe servito a molti sicuramente...

  14. gioyhofer

    Non capisco però che senso abbia fare divulgazione errata... Accidenti è pur sempre una responsabilità, e poi che figura ci fa l'astrofisico in questione...??? Io mi sentirei male se una persona mi facesse una domanda e dovessi rispondere, senza avere la benchè minima conoscenza della materia... Piuttosto me ne starei zitta e credo che farei più bella figura, ammettendo la mia ignoranza... Certo che questo mondo è proprio strano...

  15. cara Giorgina,

    purtroppo penso che gli strani siamo diventati noi... :cry:

    Oltretutto, nessuno ha il coraggio di mettere in rilievo l'errore che può sconvolgere tutta la visione della gravità nell'Universo, sia con Newton che con Einstein...

    Io l'ho fatto varie volte in privato, ma dopo essere stato del tutto ignorato... non posso che cercare di mettere "in riga" chi dovesse capitare qui...

Lascia un commento

*

:wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8)

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.