13/07/17

Una stellina piccina picciò *

Scoperta la stella più piccola mai osservata. Ha le dimensioni di Saturno (o poco più) ma riesce a bruciare il suo idrogeno.

Probabilmente la stellina ha il minimo valore di massa necessaria per la fusione dell’idrogeno. Poco meno massiccia e sarebbe rimasta una nana bruna. Questo tipo di stelle, sicuramente numerose, sono le più difficili da scoprire e –forse- potrebbero anche essere le migliori per costruirsi pianeti abitabili. Ma questo è un discorso che ormai sta cadendo nel “gossip” ed è meglio pensare a lei.

La sua gravità superficiale è pari a 300 volte quella della Terra e la sua temperatura decisamente minore di quella di molti pianeti giganti. Scoperta con la tecnica fotometrica (occultazione da parte della ben più massiccia compagna) e studiata attraverso la spettroscopica, ha mostrato come sia spesso più difficile rilevare una piccola stella che non un grande pianeta.

La piccola stella paragonata al pianeta Saturno. Fonte: Amanda Smith
La piccola stella paragonata al pianeta Saturno. Fonte: Amanda Smith

In generale, le stelle con una massa inferiore al 20% di quella del Sole restano una popolazione misteriosa, anche se la più numerosa in assoluto.  Capire come si possano formare resta di fondamentale importanza. Troppo deboli per i nostri telescopi, tengono ancora stretti i loro segreti…

 

QUI parliamo della stella Kepler 11145123, l’oggetto naturale più “rotondo" che sia per ora stato scoperto nell'Universo, QUESTA la più grande e parliamo di come si sta preparando alla trasformazione finale

1 commento

  1. Mario Fiori

    Ma è fantastico caro Enzo. Scoprire perchè loro si sono formate come Stelle e Giove e Saturno no (forse meno male) sarà stupefacente.

Lascia un commento

*

:wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8)

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.