11/01/18

Come volevasi dimostrare **

Poco tempo fa avevamo messo in evidenza le osservazioni di un vero astrofilo che aveva passato la notte di Natale ad osservare la cometa C 2016/R2. Una coda che sembrava perdere i pezzi aveva sollevato il suo interesse e, in realtà, aveva proprio ragione.

Come avevamo previsto, era prevedibile che osservazioni amatoriali eseguite con spirito veramente scientifico avrebbero lasciato il segno. La cometa, con una coda di un bellissimo colore blu,  è stata rapidamente presa di mira da un telescopio “ufficiale”, quello sub millimetrico di Monte Graham, in Arizona. Il colore e una coda così attiva molto distante dal Sole dovevano in qualche modo essere legati a elementi volatili capaci di sublimare anche a temperature molto basse.

bluecomet_strip3

E così si sono “contate” le molecole di ossido di carbonio (CO). Il numero era impressionante: quasi 5 1028 al secondo. Una rarità, che si era riscontrata solo nel lontano 1962 nella cometa Humason.  Non resta che aspettare il passaggio vicino al Sole, a maggio del 2018, quando arriverà a “solo” 2.6 UA dalla nostra stella. Ne vedremo e "conteremo" delle belle… Bravo Jager!!!

Qualsiasi commento sugli astrofili di ben altro tipo e di ben alto spirito scientifico e comportamentale è inutile…

 

Le osservazioni della cometa continuano, QUI un bel filmato.

QUI   un colpo di fortuna stratosferico di un altro bravissimo astrofilo dilettante che ha ripreso in diretta un'esplosione di supernova!

8 commenti

  1. Mario Fiori

    Grande Jager e forza C2016/R2 , magari potrebbe diventare la Cometa jager. Enzo tu che hai ancora qualche conoscenza seria proponilo in qualche sede giusta.

  2. caro Mario... purtroppo il nome va dato a chi la scopre... comunque Jager ne ha già una a suo nome...

  3. PapalScherzone

    Meno male che il cognome di questo bravo astrofilo ha una g soltanto! :wink:

    (chissà se Enzone capisce la battuta senza sbirciare su Google :mrgreen: !!)

  4. caro Scherzy... forse non ti ricordi che ho conosciuto personalmente la ragazza che ha ispirato: See Emily Play...

    :mrgreen: :mrgreen:

  5. PapalScherzone

    Come ho potuto dubitare...  :roll: ...questo terricolo non finirà mai di stupirmi!

    :-P

  6. chi è pappa e ciccia con i Pink come può non conoscere i Rolling Stones (che poi sono sempre pietre rotolanti come gli asteroidi...). :mrgreen:

  7. AlienStar

    Ma questa cometa potrà essere facilmente visibile ad occhio nudo?

    Tipo la Hale-Bopp (per chi se la ricorda...era stupenda vedersela davanti sul parabrezza dell'auto: ci avevavamo pure fatto l'abitudine ogni sera...pensate un po'!!!).

    Bei tempi!

  8. No, no, è troppo debole... ci vuole un telescopio, anche piccolo.

    sul web si trovano facilmente le effemeridi e le magnitudini

Lascia un commento

*

:wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8)

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.