Dic 28

Aguzziamo la vista e complimentiamoci con un vero astrofilo *

Tra i tanti tipi di astrofili ci sono  quelli che hanno deciso di seguire il comportamento di una cometa anche la notte di Natale. Non certo per confermare tradizioni più o meno religiose o per fare foto da esibire ai colleghi, ma per dare il proprio importante contributo allo studio di fenomeni astronomici che non seguono i nostri tempi o le nostre feste. Tanto di cappello...

Il nostro amico austriaco si chiama Michael Jager e non è certo l'ultimo arrivato: ha seguito più di 500 comete e ne ha scoperte due. La prima era un frammento rilasciato da una sorella più grande; la seconda, nel 1999, tutta sua. Chi o che cosa lo ha spinto a “lavorare” anche la notte di Natale? Beh… la debole cometa C 2016/R2. Una delle tante… ma Jager si era già accorto a novembre che la coda della cometa sembrava  “perdere i pezzi”, ossia rilasciare sbuffi senza motivazioni chiare ed evidenti. Oltretutto la cometa si trova oltre l’orbita di Marte e il Sole è particolarmente quieto.

Ben difficile, quindi, che certe variazioni fossero dovute all’effetto del vento solare o ad una qualche sua attività. Andava seguita con particolare attenzione, aspettando l’evento particolarmente indicativo. E questo è avvenuto proprio la notte di Natale, durante due ore consecutive di osservazioni. La coda della cometa è sembrata proprio spaccarsi in due e un bel pezzo se n’è andato per la tangente.

Le condizioni sono tali da far pensare a un crollo improvviso e all’apertura di una caverna da cui è uscito materiale volatile. Uno sbuffo improvviso che è di grande aiuto per comprendere certe dinamiche strutturali anche a distanze notevoli dal Sole. L’inseguimento deve continuare, ma Jager sa il fatto suo e, quasi sicuramente, avrà fin da subito  l’appoggio di strumentazioni più professionali.

Bene… adesso, però, tocca a voi: aguzzate la vista! Nel video che mostra la nuova coda andarsene per i fatti suoi, è possibile notare abbastanza bene anche due asteroidi. Forza, ditemi dove si trovano esattamente… un piccolo segno di rispetto per chi l’Universo lo ama per davvero, anche se da dilettante.

michael-jAcger-2016r220171225gifhighcontrast_1514402591_lg

 

QUI un risultato molto importante (specialmente per me) ottenuto da un altro astronomo non professionista, il mio amico Lorenzo Franco.

Sei un astronomo dilettante e vorresti contribuire alla ricerca dell'ancora ipotetico nono pianeta del sistema solare? Lo puoi fare... Scopri come!

NEW: se volete conoscere il perché dello strano comportamento della cometa cliccate QUI

17 commenti

  1. Frank

    In alto a destra sopra il corpo centrale della cometa e in basso verso il centro a un paio di cm dal bordo.

    Scusate la descrizione sommaria, li ho cerchiati di rosso nell'immagine salvata ma non so come inserirla.

    I miei complimenti all'autore.

    Cool

     

  2. oreste pautasso

    Sono questi, Frank?

    Per integrare l'immagine nel commento devo prima pubblicarla ( ad esempio con con "postimages.org/it" ), poi , ottenuto il link all'immagine, puoi indicarlo nel tuo testo o aggiungere direttamente l'immagine all'interno del commento, come ho fatto io.

    Ciao e buone feste

     

     

  3. Frank

    Si sono loro, quindi occorre caricare l'immagine da un'altra parte.

    Grazie Oreste, buone feste a tutti.

  4. Bene ragazzi! La vista è buona.... ma adesso trovate anche gli altri 237, un po' più deboli... :mrgreen:  :mrgreen:

  5. Frank

    237 non so, ma il terzo bello "grosso" mi sa che ti è sfuggito :mrgreen:  :mrgreen:

  6. Frank

    Miiiiiiii allora è quella la cometa?????????

    Ma no dai, dico quello che quasi passa in mezzo alle due grosse stelle più a sinistra delle quattro che stanno nella coda. Per essere più precisi partendo da quello cerchiato di rosso in basso e andando in direzione dello spigolo superiore sinistro. Meno visibile degli altri due ma abbastanza luminoso.

  7. bravo Frank!!!!! mi era proprio scappato! E pensare che ne ho visti tanti nella mia vita....

    Un BRAVO al nostro Frank!!!!!! :-P

    P.S.: magari chi ci vede proprio bene ne becca ancora qualcuno...

  8. Daniela

    Sono questi? (Non ho guardato i commenti precedenti)

  9. Sì, cara Dany... ma il nostro Frank ne ha trovato un terzo!!!!! (un po' più debole...).

  10. Daniela

    Forse c'è un puntino piccolo piccolo che si muove nel cerchio giallo... comunque, guardando attentamente l'immagine si vedono tanti puntini che appaiono e scompaiono, potrebbero essere altri asteroidi?

  11. quello di Frank è in un altro posto e abbastanza ben visibile. Il tuo  potrebbe anche essere un piccolo difetto dell'immagine o dovuto al passaggio del velo della coda. Ma, sicuramente ce ne sono altri al limite del rumore di fondo. Gli asteroidi sono tanti, milioni di milioni... :lol:

  12. Daniela

    Beccato! (Forse... :roll:  )

  13. Fiorentino Bevilacqua

    ...quello cerchiato di giallo è anche più veloce...come moto apparente: magari è più lento ma più vicino. Se fosse più vicino, siccome appare meno luminoso, dovrebbe essere più piccolo o con albedo più bassa, magari della faccia che, durante la ripresa, riflette la luce verso di noi.

  14. PapalScherzone

    A proposito di albedo e visibilità degli asteroidi, caro Fiorentino, se non lo hai già fatto ti consiglio di leggere questo articolo

    http://www.infinitoteatrodelcosmo.it/2017/08/31/miei-amici-asteroidi-2-facciamo-punto-sugli-asteroidi-pericolosi/

    le figure 2 e 3 sono davvero illuminanti!

    :wink:

  15. Fiorentino Bevilacqua

    Ok, grazie. Non l'ho letto.

Lascia un commento

*

:wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8)

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.