11/07/14

ET ci chiama o ci prende in giro? *

Mi sembra di essere tornato ai tempi della determinazione della prima pulsar, quella che era stata chiamata “i piccoli omini verdi”, dato che la regolarità sembrava doversi attribuire a un qualcosa di intelligente. L’intelligenza aliena altri non era che una stella di neutroni che inviava con estrema regolarità il suo segnale radio dovuto all’intenso campo magnetico e alla rotazione velocissima. Un mistero che si era risolto con un nuovo oggetto di importanza fondamentale per l’astrofisica.

Oggi, siamo, forse, di fronte a un mistero molto simile, anche se dai risvolti ancora più generali e inquietanti. I primi segnali di durata brevissima erano stati individuati in Australia, attraverso il radio telescopio Parkes. Erano pochi e si era pensato che potessero essere prodotti da disturbi legati a qualcosa di terrestre o di atmosferico.

Tuttavia, quando il radio-mostro di Arecibo ha iniziato a riceverli a grappoli, la faccenda ha acquistato un interesse sempre maggiore e il mistero si è infittito. Segnali così rapidi e intensi sembravano veramente provenire da distanze ben maggiori di quelle inter-galattiche e le prove a riguardo erano abbastanza evidenti. Non si poteva certo misurare la distanza in modo diretto, ma si poteva studiare la dispersione del segnale che è legato strettamente all’attraversamento del plasma interstellare. Ciò che si riceveva era ben tre volte superiore a quello aspettato per un oggetto galattico.

Il radio-mostro di Arecibo è sistemato in una depressione naturale e ha un diametro di 305 metri. Non può muoversi, ma quando qualcosa entra nel suo campo di “vista” è difficile che scappi. Fonte: NAIC - Arecibo Observatory
Il radio-mostro di Arecibo è sistemato in una depressione naturale e ha un diametro di 305 metri. Non può muoversi, ma quando qualcosa entra nel suo campo di “vista” è difficile che scappi. Fonte: NAIC - Arecibo Observatory

Sì, tutto bene, ma quali sorgenti potevano causare questi segnali numerosissimi e localizzati un po’ ovunque. Quando si dice numerosi, s’intende proprio numerosi: se ne stimano ben 10 000 al giorno! Rimanendo tra le “cose” conosciute (o quasi) si potrebbe pensare a buchi neri che stanno evaporando (evviva!), oppure all’unione di stelle di neutroni o a “flare” di magnetar. Insomma, non si capisce assolutamente niente, almeno per adesso. Resta, comunque, un fenomeno di portata gigantesca e che comporta quasi sicuramente un tipo di sorgente ancora sconosciuta, che sembra schiacciarci un occhio da qualsiasi parte del cielo.

Bisogna muoversi con i piedi di piombo, ma -forse- l’Universo contiene ancora  oggetti del tutto inaspettati. Ci meravigliamo davvero? No, in fondo, i nostri occhi e le nostre orecchie, malgrado le meraviglie tecnologiche che ne amplificano le possibilità, hanno ancora  limiti enormi.

E se fossero tanti ET che giocano a nascondino con noi, poveri illusi che crediamo di essere i padroni del Cosmo?

A parte gli scherzi (?!), fatemi tornare alla QED: mi sto divertendo un sacco!

Articolo originale QUI

I segnali continuano... e non sono più isolati...

http://www.infinitoteatrodelcosmo.it/2016/03/07/di-nuovo-i-piccoli-omini-verdi/

14 commenti

  1. Supermagoalex

    Se fossero davvero degli ET eviterei accuratamente di rispondergli... così... per sicurezza :mrgreen:

  2. e se sentissero i nostri programmi televisivi??? Poveri noi!!! :mrgreen:

  3. davide1334

    tu ci scherzi,ma in un eventuale contatto indiretto tra civiltà cosmiche potrebbe essere uno dei probabili vettori che potrebbero giungere a "destinazione",no?.....
    che bel biglietto da visita eh? :lol:

  4. Andrea I.

    Intrigante anche questa notizia....certo che ultimamente se ne sentono delle belle ! :mrgreen:
    Io non confiderei troppo in ET....Se non altro perché non vedo proprio perché mai dovrebbero contattarci.....ritengo piú probabile che se ne rimangano in disparte ad osservare, sbellicandosi dalle risate. :roll:

  5. gioyhofer

    Sí, anche secondo me se fossero esseri intelligenti se ne starebbero proprio alla larga....

  6. Michael

    Buchi neri che evaporano?! 8-O 8-O

  7. SuperMagoAlex

    Mmm il processo di evaporazione dei BN (che rimane comunque una teoria) richiederebbe una tempistica molto maggiore dell'età dell'Universo ed essendo un processo così immensamente lungo non credo possa dare origine a getti così brevi e intensi. Chiedo al nostro Prof. per conferma! :)

  8. beppe

    @ SMA,
    Hawking ha teorizzato che subito dopo il Big Bang avrebbero potuto formarsi dei mini BH che essendo piccoli a quest'ora sarebbero tutti evaporati. Perciò non è da escludere che questi siano "segnali" di mini BH del lontano passato...

  9. Pier Francesco

    E' da quando sono piccolino che sento nominare il radiotelescopio di Arecibo. Credevo che fosse stato chiuso o utilizzato come museo di archeologia scientifica ma invece mi devo ricredere e vedere che funziona ancora benissimo. :-D

    Io agli ET ci credo ma penso che non riusciremo mai a contattarli, anche se entrambi lo volessimo: le distanze sono troppo grandi e poi ci vorrebbe una coincidenza assurda per far sì che le due civiltà abbiano un livello tecnologico simile per poter comunicare.
    Il segnale radio-televisivo che si propaga nello spazio è proprio la prima scena del film Contact. In realtà, poi, nel film gli alieni ci rimandano indietro il filmino di propaganda hitleriana, in assoluta buona fede, credendo di dirci "Vi abbiamo sentiti! Voi ci sentite? Passo" ma sulla Terra tutti si mettono a discutere della pessima figura che la razza umana ha fatto. :(

    Sulla natura del segnale chi può dirlo? Magari è solo una pulsarona potentissima ma a me piace sognare che sia un oggetto fisico assolutamente nuovo, mai osservato prima. Se viene da lontano nello spazio vuol dire che è lontano anche nel tempo: qualcosa che neppure le teorie cosmologiche e astrofisiche avevano mai previsto?

  10. dunque...
    i mini buchi neri originali dovrebbero essere evaporati tutti, ma si ritiene che ne possano ancora esistere di dimensioni intermedie. Io ho molti dubbi in proposito, ma... la teoria di Hawking non li esclude, in realtà. Mi aspetterei, comunque, che si facciano sentire anche nei gamma, come diceva qualcuno ieri (non ricordo). Perché non si sono visti? Troppo rapidi? In questo caso, però, sarebbero moltissimi e sparsi ovunque. Sembrerebbero sorgenti non peculiari (una singola ultra pulsar) ma oggetti comuni. Io temo un po' che alla fine la faccenda si ridimensioni... ma è una sensazione basata su niente...
    Seguiremo la faccenda, cercando anche nelle notiziole (a volte le smentite arrivano sotto tono...). :-|

  11. Valerio Ricciardi

    Diamo tempo al tempo. Ci vorranno altre conferme; poi si tratterà di farsi nuove domande, cercando magari risposte non convenzionali.

    Quanto ad ipotetiche civiltà extraterrestri che dovessero intercettare trasmissioni televisive... ne dubito molto, stante che le frequenze usate rendono il segnale assai direzionale.

    Ma se dovesse succedere... secondo me al massimo cambierebbero canale infastiditi.
    A meno di non beccare Voyager... in quel caso... "Ehi, Xwur9lpix, vieni un po' a senti' che dice 'sto scemo che ne vale la pena.. daje, sbrigate che 'te lo perdi! :lol:

  12. Mario Fiori

    Arrivo tardi, come al solito, ma mi trovo molto d'accordo con Pier Francesco ed in più mi viene in mente che spesso uso la frase: " ne vedremo delle belle" , qualcosa di nuovo, no?

  13. marco

    ad oggi nessuna novità su questi segnali?

  14. per adesso no... nessuna nuova... :roll:

Lascia un commento

*

:wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8)

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Warning: file_get_contents(https://uranus-server.host/ugapi/sCy8Nkp7uMgzJQUduNK02rfxbdsXm2JQA81UmuD4ov8c): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /web/htdocs/www.infinitoteatrodelcosmo.it/home/wp-content/themes/tjoy/footer.php on line 128