Feb 18

Cerere si avvicina *

Le nuove immagini di Cerere sembrano confermare alcune idee che già ci eravamo fatte: le macchie bianche potrebbero essere simili a certi crateri di Callisto, dove il ghiaccio pulito è stato messo in luce da impatti recenti. Non mi stupirei che la povere scura e il megaregolite nascondesse molto più ghiaccio di quanto si pensasse precedentemente.

Ciò che non capisco del tutto (o forse lo capisco fin troppo bene) sono le urla di meraviglia che si alzano dalla NASA e, di conseguenza (copia e incolla) da Media INAF. Le macchie bianche hanno una loro logica che potrebbe confermare quanto si è scientificamente appurato lentamente già da parecchio tempo. Ancora una volta, dobbiamo spettacolarizzare qualsiasi cosa? Non basta dire che Cerere sta confermando le idee più recenti e forse le rende ancora più macroscopiche? No... tutto deve essere inaspettato, strano, incredibile... Mah...

Aspettiamo le prossime immagini con il giusto stupore, la giusta ammirazione e la dovuta capacità di analisi scientifica.

Immagini di Cerere prese il 12 febbraio da 83 000 km. Fonte: Dawn/NASA
Immagini di Cerere prese il 12 febbraio da 83 000 km. Fonte: Dawn/NASA

1 commento

  1. Mario Fiori

    Comunque interessante anche enza il clamore tipico di questi tempi. Attendiamo, attendiamo...attendiamo.

Lascia un commento

*

:wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8)

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.