Feb 25

Farfalle in TV e pinguini in Antartide *

48539094.cached

Sappiamo ormai tutti che la fermata del riscaldamento globale, iniziata intorno al 1998, ha “rotto le scatole” all’IPCC e ai fautori del GW. Le hanno provate tutte per far salire la temperatura, sia utilizzando solo parole, sia truccando e manipolando i dati. Alla fine, lo stesso IPCC ha dovuto ammettere che la fermata c’è e  continua, ma non i media e i poteri più o meno forti che sul GW ci stavano facendo tanti soldi (ci mancava anche il petrolio e lo shale gas a basso costo, accidenti!).

E’ uscito, recentemente, su Nature (e non sul bollettino della parrocchia), un lavoro che analizza la fermata del GW e dimostra come molti fattori legati ai vulcani, al Sole e alle correnti terrestri giocano sicuramente un ruolo fondamentale nelle variazioni a corto e medio termine del clima, decisamente superiore a quello che fa la CO2, che, seppur aumentata drasticamente, non è minimamente riuscita a competere con altri effetti ben più importanti, che dovrebbero, finalmente, essere studiati con serietà, perseveranza e … fondi adeguati e senza essere attaccati da tutte le parti.

Non so in Italia (noi siamo sempre gli ultimi), ma in giro per il mondo la “gente” si è stufata del GW e ha cominciato a chiedersi come mai tra tante catastrofi annunciate, nessuna si è verificata. E’ la solita storia de “al lupo al lupo” e quando -magari- arriverà il vero freddo ci troveremo impreparati.

La paura del GW sta scomparendo un po’ ovunque, tra la rabbia e la disperazione di un certo tipo di ambientalisti che avevano trovato una fonte di guadagno che sembrava inesauribile. “Perché”, molti si sono chiesti, “non pensare a ridurre veramente l’inquinamento causate dalle automobili e dal riscaldamento senza regole, invece di prendersela solo e soltanto con la CO2, colei che ha fatto vivere per miliardi di anni le creature terrestri in un ambiente tiepido e confortevole (anche se con i suoi picchi sia in alto che in basso)?”.

Purtroppo l’italiano medio è uno dei più ignoranti in termini di preparazione scientifica ed è anche uno dei più influenzabili dalla TV e dai media (perfino peggio degli americani…). La preparazione di uno scienziato non si misura sul numero e qualità delle sue pubblicazioni internazionali, ma sul numero di apparizioni televisive. E allora via con i giornalisti che fanno e scrivono tutto meno che dedicarsi a inchieste serie e con i tuttologi più o meno “introdotti” nel baraccone televisivo.

E nemmeno uno di loro che sappia, o si sia ricordato, che il caldo di quest’inverno è dovuto solo e soltanto a El Nino, come riportato un po’ ovunque dalla stampa seria e competente (poco italiana e molto straniera).

Facciamo l’esempio relativo ai 150 000 pinguini morti nell’iceberg dell’Antartide. Cosa ci hanno detto? Non c’erano dubbi: “La colpa è del riscaldamento globale!”. Punto e a capo. E, invece, è una bufala pazzesca. I pinguini potrebbero non essere affatto morti, anche se i pinguini ogni tanto muoiono non essendo immortali. Com’è mai possibile? Un lavoro scientifico è stato completamente stravolto e adattato a uno scopo ben preciso, da una certa stampa che in Italia conosciamo molto bene… I pinguini di Adelaide hanno da sempre effettuato migrazioni di questo tipo e non vi è nessun rapporto tra questo evento e il GW.

All’estero vi è stata subito una reazione da parte di giornalisti che sanno ancora fare il loro mestiere e il lavoro scientifico originario è stato messo nella sua giusta luce. Da noi, possiamo scommettere, che nessuno dirà niente e l’agonia dei poveri pinguini abbrustoliti dal GW sarà mostrata in diretta, magari proprio nelle trasmissioni che inizieranno tra poco. Tanto, lo sappiamo, gli italiani bevono tutto… e più ci sono catastrofi, morti ammazzati, pianti a dirotto e più si divertono!

Un consiglio? Non guardate certe trasmissioni preparate a tavolino, ma leggete un bel libro o cercate di trovare nella rete le notizie supportate da dati e da ricerche di veri esperti. Cari italiani, non siete così sprovveduti come pensano i media e certi tuttologi d’assalto. Dimostratelo, cambiando canale e distruggendo l’unico scopo di certe trasmissioni: l’indice di ascolto (oggi si preferisce dire "share", fa più fine, non impegna e non si sa cosa vuole dire)

L’articolo sulla pausa del GW lo trovate QUI

Gli articoli giornalistici -seri- sui pinguini li potete trovare QUI e QUI, insieme ai link ai lavori scientifici, del tutto ribaltati e artefatti dalla solita stampa catastrofista.

Chi volesse saperne di più sul riscaldamento globale vero o presunto, sul ruolo della CO2, sulle energie alternative e molte altre cose, può cercare e trovare moltissimi articoli attraverso il nostro motore di ricerca, scrivendo riscaldamento globale o GW o anidride carbonica..

1 commento

  1. Mario Fiori

    Grazie Enzo con le tue inesauribili indicazioni per cercare di indirizzare alla giusta informazione in questo mare di, scusa il termine, cialtronaggine, sono come sempre con te.

Lascia un commento

*

:wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8)

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.