11/08/19

Soluzione della domanda sull'astronave *

L'orologio a luce messo in orizzontale ci dona subito una risposta positiva... ma anche il grande amico Minkowski.

Noi sappiamo che la lunghezza misurata dall'osservatore fermo deve essere data, all'andata, da L1 = ct1  e al ritorno da L2 = ct2. t1 e t2 sono i tempi impropri che, chi è fermo, misura tra la partenza da poppa e l'arrivo della luce a prora e quello della luce che torna indietro e arriva a poppa. Nel primo caso la luce deve fare un percorso più lungo dato che l'astronave si muove con velocità v e, quindi, la prora  si allontana dal punto di partenza. Nel secondo caso, la poppa si avvicina alla luce che torna indietro. La lunghezza dell'astronave, come sarebbe vista da chi è fermo  (lunghezza impropria) sia LI. Abbiamo allora:

L1 = c t1 = LI + vt1           .... (1)

Questa relazione vuole dire che la lunghezza misurata all'andata è uguale alla lunghezza impropria dell'astronave più la lunghezza che la luce ha percorso per raggiungere la prua che le scappa in avanti con velocità v. Ovviamente più è grande v e più è grande il percorso aggiuntivo.

Al ritorno, invece, la luce percorre una lunghezza minore di quella impropria dell'astronave, dato che la poppa gli viene incontro. Vale perciò

L2 = ct2 = LI - vt2            .... (2)

Dalle relazioni L1 = ct1 e L2 = ct2 si ricavano subito t1 e t2 e la (1) e la (2) formano un sistema di due equazione in due incognite: LI e v.

L2 + vt2 = L1 - vt1

v(t2 + t1) = L1 - L2

v = (L1 - L2)/(t2 + t1)       .... (3)

Conoscendo v si ricava il fattore di Lorentz e poi, trovata LI dalla (1) 0 (2), la lunghezza propria dell'astronave.

Proprio come spiegato nella Favola di Muo...

N.B.: In questo caso, dato che si conoscono i tempi di andata e ritorno, si poteva subito arrivare alla formuletta (3), pensando che il tragitto percorso dall'astronave tra andata e ritorno della luce non può che essere L1 - L2 (partenza e ritorno della luce a poppa) eseguito nel tempo t2 - t1. La velocità è proprio lo spazio percorso diviso il tempo.

fig31

 

fig32

 

Il diagramma di Minkowski rende immediatamente visibile la determinazione di v fatta nella nota.
minkoSappiamo che v è uguale a una distanza percorsa in un certo tempo. La luce fa un viaggio verso destra e poi torna indietro verso sinistra. Questi due punti indicano la direzione dell'asse temporale della poppa della nave. Lo spostamento che si è ottenuto nel tempo t1+ t2 non è altro che L1 - L2, che, oltretutto è uguale a t1 - t2, imponendo c = 1.

la velocità v si ottiene quindi attraverso la formuletta:

v = s/t = (L1 - L2)/(t1 + t2)

O -se preferite- basta ricordare che tan(α) = v (è la stessa cosa, ovviamente)

Nota  v, si ricava LI (lunghezza impropria dell'astronave) dalla relazione:

LI = L2 + vt2

oppure da

LI = L1 - vt1

Conosciuto v si conosce il fattore γ:

γ = 1/√(1 - v2)                           (c = 1)

e quindi la LP (lunghezza propria misurabile nel sistema astronave):

LP = LI · γ

P.S.: Come al solito, esatte le risposte di Arturo, Umberto e Paolo... ognuna con qualche variante. E bravo anche Guido...

Lascia un commento

*

:wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8)

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Warning: file_get_contents(https://uranus-server.host/ugapi/sCy8Nkp7uMgzJQUduNK02rfxbdsXm2JQA81UmuD4ov8c): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /web/htdocs/www.infinitoteatrodelcosmo.it/home/wp-content/themes/tjoy/footer.php on line 128