3/06/18

Una rosa nel... deserto

Un articolo puramente estetico e scarsamente scientifico: una rosa spicca in un deserto completamente nero. Immagine di pace e serenità? Non proprio, dato che la rosa nasconde uno dei più "catastrofici" eventi dell'Universo.

Siamo a circa 100 milioni di anni luce da noi, in uno dei tanti ammassi galattici.  Chi conosce  anche superficialmente la lunga e complessa vita delle galassie, sa benissimo cosa si nasconde dietro questa immagine di apparente serenità. Basta notare i filamenti che circondano il "fiore", le innumerevoli stelle che risplendono e che hanno tutte le caratteristiche della gioventù, le nubi di gas e polvere più scure che ruotano attorno a due nuceli e non a uno solo. Non ci si può sbagliare: quello che vediamo è quanto resta della collisione di due galassie, ancora in piena fase di "balletto" gravitazionale.

Intanto, il gas che è stato schiacciato, stirato,  e quant'altro ha dato origine a nuove stelle le cui radiazioni influenzano e influenzeranno la nascita di altre sorelle. Un movimento e un cambiamento rapido e violento non può che portare a nuova vita. Questa è la regola dell'Universo.

rosa

Quando è iniziata questa specie di fusione  e di rinascita? Non molto tempo fa... circa 500 milioni di anni. Il gioco continuerà e tutto finirà con una galassia più grande e probabilmente ellittica. Il gioco più duro lo stanno facendo i motori centrali, i due supermassicci buchi neri che prima o poi non potranno che unirsi in uno solo. Qualcuno, forse, un giorno, sentirà le loro onde gravitazionali, l'urlo capace di stropicciare lo spaziotempo.

Anche le catastrofi che a noi appaiono immani e terribili, diventano fonte di vita e di luce nell'Universo. Forse abbiamo capito ben poco della realtà...

6 commenti

  1. Daniela

    Niente male quest'altra catastrofe cosmica... :wink:

  2. Franco Mantovani

    Semplicemente incredibili, non ci sono parole... !!!  8-O  8-O  8-O

  3. Fiorentino Bevilacqua

    Comunque bellissime: viste da "quaggiù", dove il sottilissimo guscio dell'atmosfera ci fa sentire protetti (non credo che ci sentiremmo così se fosse avvenuto, per cause astronomiche, un evento per noi catastrofico, su scala regionale, in tempi storici) e la nostra piccolezza, rispetto alle "grandi" dimensioni della terra che abbiamo sotto i piedi, ci fa sentire su un corpo ben solido e sicuro...Forse non è male, ogni tanto, "dimenticare", mettere da parte le conoscenze scientifiche, per poche o molte che siano, che ci farebbero vedere ciò che osserviamo per ciò che esso realmente è e guardarlo solo dal punto di vista "estetico". Siamo fatti anche di questo... L'importante è non dimenticare l'altra parte, non chiuderla in un cassetto e buttare via la chiave: finiremmo per dire, se lo facessimo, che la terra è piatta etc etc

  4. PapalScherzone

    Sono d'accordo con te, Fiorentino... credo, infatti, che farebbe bene a tutti vedere la Terra dallo spazio!

    I miei piccoli amici ed io lo abbiamo fatto e questo è quello che abbiamo provato :wink:

     

    Astericcio: Ok, dirigiamoci verso casa, ciurma! Ma non prima di aver dato un ultimo sguardo a questo splendido pianeta blu…

    Terra nello spazio

    Scherzy: Già… che meraviglia. Sapete una cosa, ragazzi? A vederlo da quassù, sembra una nave alla deriva nell’immensa oscurità dell’Universo, in balìa dei capricci del Sole che dà la vita, ma potrebbe anche distruggerla in un attimo, con un colpo di tosse un po’ più forte di quelli che fanno danzare i colori in cielo…

    Mimì: Sembra così piccola e indifesa la nostra Terra, con quel sottile involucro azzurrognolo che sembra rimanere attaccato a lei per miracolo…

    Tigotta: Verrebbe voglia di abbracciarla e di dirle “Non ti preoccupare, solca tranquilla il tuo mare, ci pensiamo noi a proteggerti dalle tempeste!”

    Bianchina: Eh sì… se ogni essere umano e ogni animale potesse vederla da quassù, forse la Terra sarebbe un posto migliore… mirimiao… sniff…

     

    Tratto da http://www.infinitoteatrodelcosmo.it/2016/07/13/i-racconti-di-ciccio-e-astericcio-4-puntata-unavventura-spaziale-2/

  5. Franco Mantovani

    D'accordissimo con voi, sagge riflessioni, pura verità !

  6. Paolo

    A proposito di collisioni galattiche, effetti mareali  e danze cosmiche...

    Delle serie anche l'occhio (di Hubble)  vuole la sua parte... a mio avviso l'importante è che simili meravigliose immagini suscitino anche curiosità, ossia l'arte di porsi  domande...

    Paolo

Lascia un commento

*

:wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8)

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.