Ago 18

ALMA scopre l’acqua calda (e non solo) **

ALMA si sta migliorando sempre più, estendendo la sua capacità verso lunghezze radio sempre minori, spingendosi fino a 0.3-0.4 mm. Le condizioni fantastiche del luogo in cui è situato lo hanno aiutato a scoprire… l’acqua calda!

Normalmente, è praticamente impossibile scoprire la presenza di acqua su stelle o sui loro getti, dato che la nostra atmosfera ne contiene molta e maschera ciò che potrebbe appartenere a qualcosa di veramente lontano. Il deserto di Atacama (condizioni di umidità estremamente basse) e la sensibilità di ALMA sono, però, riusciti a fare il miracolo.

Puntando verso una zona di nascita stellare molto attiva sono stati in grado (con un po’ di fortuna) di localizzare acqua pesante nei getti provenienti da una o più protostelle. Un risultato che ha dell’incredibile, ma che non si ferma solo a questo livello. Oltre al getto di vapor d’acqua (che potrebbe essere sporadico) si sono identificate molecole organiche molto complesse (ancora da studiare a fondo) nell’emissione continua di gas e polvere, tra cui sicuramente la glicolaldeide, legata strettamente allo zucchero.

alma1
Ciò che ha visto ALMA attorno a una protostella: la parte azzurra rappresenta il getto di vapore di acqua pesante, mentre la parte arancione è l’emissione continua, contenente un insieme ricchissimo di molecole organiche complesse tra cui la glicolaldeide. Fonte: ALMA (ESO/NAOJ/NRAO): NRAO/AUI/NSF, B. Saxton

Nasce una stella, ma con lei nasce probabilmente anche il succo della vita stessa… Parafrasando Feynman: “Tutto è vita, tutto è fermentazione”…

Articolo originale QUI

 

Incredibile, vero? No... le grandi fabbriche del Cosmo sono in grado di costruire questo e altro! Parliamone...

 

Lascia un commento

*

:wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8)

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.