Mag 9

Le bugie hanno le gambe corte *

Non ce ne sono molti, ma quei pochi sembrerebbero essere una piccola luce nel buio televisivo. Ne cito un paio… Geo & Geo, TG Leonardo. Ormai i due Angela si dedicano solo alla storia in modo che ciò che trasmettono possa essere riciclato anche nel futuro (la storia non cambia come gran parte della Scienza). Almeno, così mi è stato detto da qualcuno che lavora all’interno della TV e non faccio fatica a crederci.

Purtroppo, quasi tutti i servizi offerti dal primo e quelli relativi al tempo atmosferico, del secondo, si concludono con: “Le cose vanno peggiorando sempre di più per colpa dei cambiamenti climatici”. Ormai questa frase è imposta come un timbro indelebile che tutti devono continuare ad ascoltare fino alla nausea.

Ma ecco, la novità! Entrambi i programmi hanno parlato de El Nino, riferendosi al caldo anomalo degli ultimi mesi. “Bene” mi sono detto “finalmente si danno notizie serie  e veritiere e non come quelle di certi geologi d’assalto o farfallini vari”. Quanto mi sbagliavo! Immediatamente dopo è stato aggiunto: “Ovviamente, El Nino è causato dal riscaldamento globale”. Era ovvio, come facevo a pensare a una TV rinsavita e finalmente precisa?.

Meno male che la stessa cosa non capita nei giornali esteri, compresi quelli malesi. Si dà il caso che il vice presidente precedente dell’IPCC (nientemeno che l’organo che DEVE imporre il GW a tutti i costi), malese appunto, abbia appena ammesso pubblicamente che El Nino e La Nina sono fenomeni ciclici che NON dipendono dai cambiamenti climatici. Benché quello di quest’anno sia perfino più intenso di quelli famosi del 1982/83 e 1997/98 il climatologo e oceanografo Fredolin Tangang ha dichiarato che non c’è nessuna evidenza che questi fenomeni siano influenzati dai cambiamenti climatici sia per intensità che per frequenza. Insomma, la nostra TV riesce perfino ad andare oltre le catastrofiche e unilaterali ipotesi dell’IPCC. Fantastico! Non sarà la prima per varietà e intelligenza, ma come ignoranza scientifica può battere chiunque!

In realtà, l’ex vice presidente dell’IPCC non poteva non fare un accenno a un possibile collegamento futuro, ma così banale da fare perfino compassione (d'altra parte viene pagato per qualcosa...). Egli ha aggiunto che, però, un legame potrebbero anche averlo in regioni localizzate o  (questa è proprio bella) El Nino potrebbe arrivare a punte più alte se la temperatura media aumentasse ancora. Beh… non ci vuole molto a dedurre che se aggiungo 2 a 5 ottengo un numero più alto che se aggiungoi sempre due a un numero più basso, come 4 o 3… In Fig. 1 vi è l’andamento de El Nino e La Nina dal 1950 a oggi. Per saperne di più andate QUI.

el Nino
Figura 1

La realtà dei fatti è che se la Nina avrà la stessa intensità de El Nino che l’ha preceduto, tenendo anche conto dell’attività sempre più bassa del Sole e dello spostamento verso la fase fredda della Oscillazione Multidecennale Atlantica (AMO), i prossimi autunno e inverno potrebbero essere non proprio tiepidi…

Le previsioni fornite dallo Scripps Oceanography Institute arrivano a ipotizzare un abbassamento di temperatura media maggiore di 2 gradi (Fig. 2), anche se ammettono che una precisa conoscenza della risposta a El Nino non è ancora facilmente quantificabile. Potete trovare più informazioni QUI.

Figura 2
Figura 2

Tanto per non farci mancare niente, parliamo un po’ dell’incendio che si è sviluppato nell’Alberta (Canada). Si è subito detto che la colpa è del clima secco e caldo e quindi, ancora una volta, del riscaldamento globale e dei suoi livelli attuali. Niente di più falso, dato che le stesse condizioni si sono già avute, anche a livelli superiori, molte volte, nel ventesimo secolo. I dati e i commenti QUI.

Che fatica cercare di stare dietro a tutte le bufale giornalistiche e televisive italiane...

 

NEWS! Le previsioni non si smentiscono... procuratevi i cappotti prima che sia troppo tardi!

QUI  una selezione di articoli sul GW e i motivi della nostra impostazione critica a riguardo

9 commenti

  1. Mario Fiori

    Caro Enzo prima o poi qualcuno dovrà ricredersi un tantino o forse sono troppo ottimista. E' vero che ancora se provi a dire qualcosa contro il GW, pure in ambiente di lavoro, ti danno di scemo e dicono che ti fai infinocchiare dagli inquinatori; purtroppo molti non hanno capito che, se pur può sembrare strano, è proprio il contrario. E' dura farsi capire caro Enzo, ma qualcosa pian pianino si muovi, si deve muovere.

  2. sei sempre il solito ottimista e vorrei proprio crederti... vedrai che se farà freddo diranno che è una ovvia ripercussione del GW.  Mi sa che  io non riuscirò ad assistere a quel momento... Poi lo scriverete sul Circolo, mi raccomando!!!!!!

  3. L'essere umano è curioso :-P segue sempre la corrente o il gregge come le pecore,fa parte della sua natura,probabilmente ad oggi discretamente vincente se siamo ancora vivi e moltissimi.Il problema che se pure quella parte di umanità,che recita la parte dei pastori,si mette i paraocchi le cose si mettono male.La maggior parte della gente non si ricorda quello che è successo il giorno prima,chiodo schiaccia chiodo!La gente non vuole fatti,perché sono noiosi e spesso scomodi,ascolta più volentieri le favole,sono più belle e non fanno pensare.

  4. Mario Fiori

    Purtroppo Gianni hai ragione, quì l'unica rivoluzione incruenta ma decisiva sarebbe quella culturale, ma...

  5. Gianni Mastropaolo

    Ritorno sulla questione.

    Vanno bene le argomentazioni vostre ma il ghiaccio artico si sta squagliando e l'Antartide si sta riducendo o no?

    Il tutto a ritmi insoliti.

    Se poi sia l'attività umana o l'effetto serra o l'attività solare o endogena si vedrà ma questi sono o non sono fatti?

  6. caro Gianni M.,

    posso solo risponderti: NO!

    L'Antartide sta aumentando e l'artico ha ripreso le vecchie abitudini. Tant'è che non si parla più di passaggio commerciale a NordOvest.

    Il fatto è che si preannuncia da anni una cosa che sta seguendo una strada del tutto diversa alle previsioni basate sulla CO2. Tanto basta... occupiamoci del clima vero e non delle bufale mediatiche...

  7. gianni mastropaolo

    bene, grazie

    dove posso trovare informazioni corrette di questo tipo? oltre che dedurle dalle vostre considerazioni

     

  8. caro Gianni M.,

    in tutti i miei articoli precedenti sul GW (e sono tanti) ho sempre riportato i link originali... Non ho mai inventato qualcosa, ma ho seguito gli studi che non compaiono mai nei media pur essendo scientifici... :wink:

  9. gianni mastropaolo

    grazie
    sul sito c'è così tanta roba che mi interessa che ho bisogno di tempo

    Gianni

    Il giorno 12 mag 2016, alle ore 11:43, Infinito Teatro del Cosmo <noreply@infinitoteatrodelcosmo.it> ha scritto:

    Ciao Gianni Mastropaolo,

    Vincenzo Zappalà ha appena lasciato un commento su "Le bugie hanno le gambe corte *". Ecco un estratto:

    caro Gianni M., in tutti i miei articoli precedenti sul GW (e sono tanti) ho sempre riportato i link originali... Non ho mai inventato qualcosa, ma ho seguito gli studi che non compaiono mai nei media...

    Per leggere il resto o rispondereclicca qui.

    Ciao!

    Per non ricevere più notifiche, clicca qui.

Lascia un commento

*

:wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8)

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.