Mar 11

La melma policefala ha capito tutto **

P._polycephalum_islands.TIF

Benché poco conosciuto, il Physarum polycephalum, anche chiamato melma policefala, può probabilmente essere considerato l'organismo più "intelligente" dell'Universo. Anche se è un argomento che sembrerebbe avere poco a che fare con il Cosmo, alla fine -forse- la penserete come me.

Feb 20

Milioni di locuste? Uccidetele con le mani!

locuste

Forse sarebbe meglio dirlo a chiare parole, come aveva già fatto Al Gore tanti anni fa: "Il problema dell'Africa e della fame dilagante si può risolvere solo eliminando le popolazioni più bisognose". Non lo avevo proprio detto così, ma il succo era questo. E intanto dove sta Greta? Perché non è accorsa subito in Kenya? E i suoi gretini ne sanno qualcosa?

Feb 17

Il numero segreto **/***

io2

Lo ammetto, anch'io ho un numero che mi piace particolarmente tra quelli che vanno da 1 a 99. Però non posso dirvelo... è un segreto. Però, però, potrei aiutarvi un poco. Inviterei i più "bravi" ad aspettare un paio di giorni per dare spazio alle nuove leve scalpitanti.

Feb 16

Una coppia indistruttibile e i veri "astrofili" *

dwarf-cosmic-pairing-1200-1000_full_610

Sapete già come la penso su certi "falsi" amanti del Cielo che si definiscono tali, ma il cui unico obiettivo è cercare di illudersi di eseguire osservazioni prestigiose e di essere più bravi del collega che ha un telescopio più grande. Chi ama l'astronomia dovrebbe fare di tutto per aiutare la Scienza in modo da unire veramente l'utile al dilettevole.

Feb 14

Un grido di allarme ben più grave dei cambiamenti climatici. Ovvero come il progresso legato a interessi puramente economici potrebbe distruggere il progresso dell'umanità

An image of the NGC 5353/4 galaxy group made with a telescope at Lowell Observatory in Arizona, USA on the night of Saturday 25 May 2019. The diagonal lines running across the image are trails of reflected light left by more than 25 of the 60 recently launched Starlink satellites as they passed through the telescope’s field of view. Although this image serves as an illustration of the impact of reflections from satellite constellations, please note that the density of these satellites is significantly higher in the days after launch (as seen here) and also that the satellites will diminish in brightness as they reach their final orbital altitude.

L'Unione Astronomica internazionale è profondamente preoccupata di quello che succederà nei prossimi anni con la messa in orbita di migliaia e migliaia di satelliti dediti solo alla telecomunicazioni, con ricadute puramente economiche.

Nov 16

Acqua alta e ignoranza deleteria *

venezia

Sono profondamente dispiaciuto per Venezia, per i suoi tesori inestimabili e per gli abitanti. Tuttavia, continuo a sentir dire la solita tiritera: "La colpa è del riscaldamento globale e dell'innalzamento dei mari...". Visto che si sconfina nell'astronomia non posso tacere.

Nov 15

Non è calda!

Nella sezione d'archivio Clima e Riscaldamento Globale troverete molti articoli a riguardo e le motivazioni della nostra impostazione critica    Accidenti... siamo al 15 novembre e a San Damiano d'Asti (180 m.s.l.) stanotte ha nevicato! Ma la cosa più importante è che  l'ho toccata e non è la neve calda del farfallino.  E' proprio FREDDA. […]

Nov 9

Si fa presto a dire energia

Africa-Energy-Electricity-1-768x749

Questo articolo è stato inserito nella sezione dell'archivio dedicata al clima e al riscaldamento globale, nella quale troverete una selezione di articoli sull'argomento e le motivazioni della nostra impostazione critica a riguardo.   Dopo l'articolo con titolo analogo sulla massa, si potrebbe pensare a una applicazione della celebre formula di Einstein... e, invece, parliamo di energia […]

Ott 11

A quando una vera rivoluzione verde?

Il Sole sta aspettando e piccoli eroi crescono. Riusciranno a uscire dall’ombra? I progressi dei reattori a fusione nucleare sono enormi, ma gli attivisti non ne sono interessati. Troppi pochi soldi o un’ignoranza mai esistita nemmeno nel medioevo più nero, quando al posto del riscaldamento globale letale vi era l’incubo dell’inferno?