Dic 1

Fontane o ciambelle? Tutte e due **

ALMA image of the gas around the supermassive black hole in the center of the Circinus Galaxy. The distributions of CO molecular gas and C atomic gas are shown in orange and cyan, respectively. 
Credit: ALMA (ESO/NAOJ/NRAO), Izumi et al.

Ne abbiamo parlato tante volte e sembrava ormai tutto chiaro (o quasi). I buchi neri galattici non mangiano tutto e subito, ma sistemano il loro futuro cibo lungo un anello o disco o ciambella (come preferite) che li circonda ruotando velocemente. Ma è veramente tutto così semplice e ... statico?

Ago 31

“Nuove” strategie galattiche **

galassie

Quando scriviamo “nuove”, intendiamo, ovviamente, nuove per noi e non certo per le galassie che le hanno sapute utilizzare da molto, molto tempo. Una riguarda la fase oscura che ha poi portato all’Universo odierno, trasparente alla luce; l’altra si riferisce a riserve vere e proprie di materiale per la costruzione stellare.

Mar 28

Nel Cosmo niente avviene per caso… **

Artist’s impression of a galaxy forming stars within powerful outflows of material blasted out from supermassive black holes at its core. Results from ESO’s Very Large Telescope are the first confirmed observations of stars forming in this kind of extreme environment. The discovery has many consequences for understanding galaxy properties and evolution.

Il titolo sembra non avere niente a che fare con ciò che sto per raccontarvi. Tuttavia, malgrado l’indirizzo preso da certe ricerche, ho il “brutto” vizio di vedere le cose riflettendoci sopra, a modo mio, con tutta l’umiltà del caso. Non sono certo un esperto di buchi neri galattici, ma ho quel minimo di conoscenze di base che mi permettono riflessioni personali, a volte in direzione ostinata e contraria a ciò che viene data come astrofisica “ufficiale”. Niente di eccezionale, nessuno Universo a 18 dimensioni o particelle esotiche a tutti i costi o a rappresentazioni olografiche.

Lug 7

A cosa serve la Relatività Generale? **

Visione artistica di un buco nero che sta divorando ciò che resta di una stella di passaggio. Dai pressi dell’orizzonte degli eventi si lanciano due getti potentissimi ben visibili nel radio. Teoricamente dovrebbero essere composti da particelle ultraveloci e invece non si è notato nessuno spostamento notevole negli ultimi anni. Fonte: ESA/S. Komossa/Beabudai Design

L’inizio di questo articolo sembrerebbe solo una provocazione. Tuttavia, spero sia utile per capire il ruolo dei vari oggetti del grande Teatro del Cosmo, dove tutto è utile e dove tutto segue le regole migliori per mantenere armoniosa una struttura che possiamo considerare infinita sia verso il macro che verso il microcosmo. La provocazione finisce, ovviamente, con un sentimento di ammirazione e di gioia immensa.

Giu 10

La grande abbuffata **

Immagine artistica di quello che sta capitando all’interno di una gigantesca galassia distante un miliardo di anni luce. Nel cuore della galassia più luminosa dell’ammasso Abell 2597, nubi di gas freddo stanno precipitando verso l’enorme buco nero. In questa caduta alcune di loro oscurano I getti del motore centrale e si rendono visibili, mostrando il cibo di un favoloso banchetto che sta per iniziare. Fonte: NRAO/AUI/NSF; D. Berry/SkyWorks; ALMA (ESO/NAOJ/NRAO)

Al centro di un remoto ammasso galattico regna sovrana un’enorme galassia che contiene un supermassiccio buco nero. Normalmente sa trattenersi nel mangiare e segue una dieta quasi perfetta. Poi, improvvisamente decide di fare un banchetto come si deve. Possiamo dargli torto dopo tutto il lavoro che ha fatto?

Mag 29

Una ricerca “vera” e uno dei miei soliti sfoghi, sempre più inutili *

So di annoiarvi e di assumere un ruolo sempre più “antipatico”, ma se non mi sfogo con i pochi che mi seguono con chi posso farlo? In ogni modo, vi regalo anche una news estremamente interessante sia per il risultato che per il tipo di analisi utilizzata.

Mag 29

Tamponamenti a velocità superiori a quella della luce **/***

A sinistra, un’immagine, ripresa da Hubble, della regione centrale della galassia NGC 3862, in cui si nota molto bene un getto di materia che si muove a velocità effettiva molto vicina a quella della luce. A destra, una sequenza di immagini in cui si vedono i “nodi” di materia (segnati in rosso, verde e blu) che si spostano lungo il getto durante venti anni. Si nota chiaramente che il nodo verde centrale raggiunge e “ingoia” il nodo rosso che lo precedeva. La X segna la posizione del buco nero. Fonte: NASA, ESA, e E. Meyer (STScI)

Se ne parla spesso e volentieri, ma Hubble ci ha regalato un film meraviglioso, della durata di vent’anni, che ci mostra come sia intasato e spesso violento il traffico lungo le autostrade che da un buco nero galattico si dirigono verso lo spazio (i celebri “getti”). Le automobili che lo percorrono raggiungono velocità simili a quelle della luce, che spesso appaiono addirittura superiori, e non riescono a evitare i tamponamenti. Un doppio (anzi triplo) articolo che riguarda una news, ma che spiega, a due livelli di difficoltà, anche i fenomeni superluminali…

Gen 17

L’intelligenza creativa dei quasar *

quasar

Poche e semplici parole sulla scoperta del possibile meccanismo che ha guidato la formazione delle galassie più antiche. Una recente ricerca unisce sapientemente il lavoro di osservazione diretta con quello di modellistica al computer. Ne nasce una visione nuova dei buchi neri primitivi, quella di creature che mantengono logica e razionalità in situazioni caotiche e tempestose.

Gen 9

Una coppia può creare o distruggere, ma l’informazione esiste sempre *

Ho accoppiato due fenomeni completamente diversi sia per gli oggetti coinvolti che per le scale di grandezza. Tuttavia, in entrambi le situazioni, il ruolo principale lo gioca una “coppia” molto stretta. In un caso l’informazione arriva attraverso un segnale continuo e ripetitivo, nell’altro da un improvviso silenzio.