lacomics.org
postyourgirls.webcam
Nov 8

Che bravi genitori i buchi neri galattici! (In fondo l'avevamo già pensato anche noi...) **

Una visione artistica i Abell 2597, con la sua magnifica fontana. Fonte: NRAO/AUI/NSF; D. Berry

Nella sezione archivio abbiamo parlato a lungo dei buchi neri galattici concludendo che questi supposti cannibali del Cosmo sono in fondo dei perfetti motori, capaci di gestire al meglio la creazione di nuove stelle. Dei papà veramente premurosi. Oggi la solita ALMA ci dà , in qualche modo, ragione, evidenziando una visione del buco nero proprio come una fontana della vita che agisce a ritmo continuo e con le idee ben chiare.

Apr 26

Colto sul fatto un “mostruoso” proto-ammasso galattico **

Visione artistica dell'ammasso in fase di crescita rapida.
Fonte: ESO/M. Kornmesser; Creative Commons Attribution 3.0 Unported (CC-BY)

Sappiamo che esistono e possiamo anche supporre come si siano formati, ma vederne uno che si sta costruendo è un bel colpo! Un’immagine relativa a 1.4 miliardi di anni dopo il Big Bang ci mostra 14 galassie concentrate in uno spazio estremamente ridotto, mentre stanno nascendo stelle a raffica.

Apr 3

La stella più lontana vista grazie al solito Einstein **

A sinistra l’ammasso galattico situato a 5 miliardi di anni luce da noi. A destra lo zoom sul quadratino di sinistra; in alto, nel 2011 e in basso nel 2016. Dove non esisteva niente è apparsa la  nuova stella, senza dovere esplodere per essere vista. Credit: NASA, ESA, and P. Kelly, University of Minnesota

Si stava studiando una supernova ed ecco accendersi una piccola “lampadina”. Una stella normale, anche se molto luminosa. Troppo distante, però, per essere vista. Una lente gravitazionale più che perfetta, che ha visto probabilmente una stella di tipo solare come lente. Un lavoro di estrema finezza che sembra quasi impossibile possa capitare.

Mar 28

Non credo ai fantasmi… se non li tocco! **

Una classica mappa della materia oscura. I media riportano tranquillamente che la zona rosa è la materia oscura (ma non solo loro). La faccenda è molto meno “osservativa”. Quella sarebbe la materia oscura necessaria a tappare il “buco” che si è trovato basandosi sulla lente gravitazionale causata solo dalla materia visibile. Non è assolutamente la stessa cosa…

La materia oscura e sua sorella l’energia oscura sembrano un po’ i fantasmi dei castelli inglesi. Devono esistere perché fanno tanto fine e stimolano il turismo e poi, qualsiasi cosa capiti, il colpevole è già assicurato. Io, come al solito, preferisco toccare con mano e non affidarmi solo ai … modelli teorici.

Dic 9

Tettonica galattica o qualcosa del genere... comunque un bel vedere e un bel pensare! **

La nostra galassia (MW, gialla) e la sua compagna Andromeda (M31, rossa) partecipano a un flusso straordinario che le sta portando da una zona poco popolata, chiamata il Vuoto Locale, verso l’ammasso della Vergine, rappresentato dal cerchio porpora. Molte galassie sono cadute o cadranno in questo grande attrattore, ma noi forse eviteremo l’inghiottimento, ma non l’unione con Andromeda. Fonte: R. Brent Tully

Un bellissimo video e una bellissima ricostruzione del moto delle galassie a noi più vicine. Il programma sembra essere ben fatto e basato su una mole enorme di dati osservativi (in cui mi pare che la materia oscura c’entri ben poco). Anche se la sua validità fosse, però, approssimativa, lo scopo resta estremamente suggestivo e non differirebbe poi molto da una verità intrinseca dell’intero Universo.

Nov 8

L’Universo insegna: dagli ammassi galattici ai bonobo del Congo (con considerazione finale del nostro amico Francesco Mantovani)*

L’immagine più dettagliata mai ripresa finora di una gigante rossa (il futuro del Sole) a circa 320 Anni Luce da noi. All’interno della stella è stata inserita l’orbita terrestre… 
Fonte: Alma (ESO/NAOJ/NRAO)/W. Vlemmings

Molte e terribili sono le conseguenze degli eventi naturali terrestri. Li viviamo ogni giorno e il più delle volte si sollevano le spalle e si dice:”Questa è la Natura, più matrigna che madre!”. Mah… forse sarebbe bene valutare meglio le sue azioni. Ho mischiato tre news, estremamente diverse tra loro, ma che possono aiutare a capire sempre meglio la Natura e il modo “ignorante” con cui l’affrontiamo e la valutiamo.

Ott 27

Gli atti di fede sono duri a morire… * (NEW: con breve aggiunta finale)

esa2

Mi limito solo a riportare una notizia data dall’ESA e le relative conclusioni. La materia oscura “attuale” viene smentita, ma si parla subito di una materia oscura ancora più “esotica”. Forse ci sarebbero altre possibilità… Mi sembra di parlare di GW: qualsiasi cosa succeda, la colpa è sempre sua…

Ago 17

Nuovo cibo per i buchi neri galattici **

Una delle galassie “medusa” studiate nella ricerca. Fonte: ESO/GASP collaboration; CC-BY; Creative Commons Attribution 4.0 International License

Esistono galassie chiamate “medusa”, dato che dalla loro parte “normale” si lanciano verso l’esterno veri e propri tentacoli di materia, dove possono nascere anche nuove stelle. Sembrerebbe che queste galassie trovino, nello stesso fenomeno, cibo in abbondanza per i loro buchi neri.

Lug 17

Una, nessuna, centomila galassie… **

Le immagini multiple della nuova galassia ultra luminosa sono indicate dalle frecce bianche. Fonte: IAC e HST

Sembrerebbe proprio di poter richiamare l’opera di Pirandello, guardando l’immagine presa dal Gran Telescopio Canarias… l’immagine di una sola galassia lontanissima viene ripetuta fino alla noia attorno a un ammasso galattico. E’ l’anello di Einstein che ancora una volta si dimostra il miglior telescopio al mondo!

Gen 31

Una calamita galattica **

Fonte: Daniel Pomarède

Sembra proprio che la nostra galassia, e le sue amiche del gruppo locale, non siano solo attratte dal superammasso di Shapley, ma siano anche spinte da una zona a bassa densità. In qualche modo, è come se le galassie fossero particelle cariche che vanno da un polo all’altro.

Gen 7

Due ammassi galattici si scontrano: lo spettacolo è servito! **

Le emissioni radio dal GMRT sono mostrate in rosso. L’immagine azzurra si riferisce a quelle X di Chandra. La distribuzione delle galassie è mostrata dai contorni bianchi. Fonte: NASA/CXC/SAO, TIFR/NCRA/GMRT, NAOJ/Subaru: R. van Weeren et al

Vedere uno scontro di ammassi galattici è sicuramente uno degli spettacoli più impressionanti del Cosmo, ma riuscire anche a vedere come la collisione sia riuscita ad accelerare il gas lanciato da un buco nero galattico è un caso davvero unico: un dramma shakesperiano sbalorditivo!

Who makes the best rolex replica watches? the best 2020 rolex website watches

shemale777.com vrpornx.net kinkydom.net